BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità aggiornamento su cambiamenti riforma pensioni respinti e passati e relatori attesi: ultime VENERDI' oggi

Le ultime notizie ad oggi tra nuovi appoggi al piano pensioni dell’Istituto di Previdenza e sviluppo e diffusione delle droghe nel mondo




NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 7:38 oggi venerdì 11 Dicembre): Inizia la giornata di oggi e continuiamo a riportarvi le novità sulle pensioni approvate e respinte. Da quanto riportano le ultime notizie e ultimissime, ieri sera vi è stato l'approvazione ufficiale ai cambiamenti presentati dai relatori per il mezzogiorno a livello fiscale, mentre oggi continuerà il voto degli altrio cambiamenti. Rimangono ancora alcuni sulle pensioni come quota 100 e mini pensioni ma sono destinate come abbiamo scritto ad essere respinti come è già successo per l'assegno universale e la scuola. Sempre oggi dovrebbero essere presentati i cambiamenti dell'esecutivo ufficiale rimanenti anche se potrebbero slittare addirittura a lunedì, per essere poi presentati in un unico pacchetto da votare direttamente martedì quando è stato calenderizzato il voto in Aula.
Sono stati sospesi in Commissione in accordo con i relatori, i cambiamenti richiesti per la proroga contributivo donna, la cancellazione delle penalità e la cancellazione delle tasse fino ad 8mila euro da apportare subito e non tra un anno. Si dovrà decidere, ora, se rientreranno già cambiati (o no, dipende dalla trattive in corso) con i pacchetti dei supervisori oppure saranno votati negli appositi Gruppi.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 15:27 oggi giovedì 10 Dicembre): Si sta entrando nel vivo delle decisioni per quanto riguarda le novità sulle pensioni e come avevamo previsto dalle ultime notizie e ultimissime riportate sotto, la situazione è negativa. Sono stati, infatti, bocciati tutti i cambiamenti riguardanti l'assegno universale portati avanti da vari gruppi politici. Ne da notizia la Nuova Sinistra che era tra quelli che avevano presentatato tale cambiamento (non i soli). Ora, quello che potrebbe passare, ma non è certo e neppure in che modo sembrano essere solo i punti che si stanno concordando tra maggioranza ed esecutivo ovvero il contributivo donna, la cancellazione delle penalizzazioni, la detassazione fino ad 8mila euro subito e la staffetta ibrida come ha anche spiegato nell'intervista rilasciata il Vice Ministro Dell'Economia che ha dato spazio solo a queste possibilità.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 13:41 oggi giovedì 10 Dicembre): Nel commentare la decisione della prima bocciatura di una delle novità per le pensioni il Vice-Ministro dell'Economia ha  indicato che anche tutti gli altri cambiamenti presentati per la riforma delle pensioni subito in questa fase saranno respinti in quanto non è il momento di prendere decisioni su una materia così delicata. E ha aggiunto che si tratta in questo momento chiaramentedi una scelta politica. Nelle ultime notizie avevamo riportato che quota 100, mini pensioni, assegno universale erano stati avanzati dai partiti di opposizione e che tutti, opposizione interna del Partito di maggioranza, erano pronti a votarli con un voto congiunto. Ma ora, se da chi dirige la Commissione Finanza arriva questo chiaro stop, significa che vi è all'interno della stessa l'accordo tra maggioranza ed esecutivo di bloccare ogni tipo di cambiamento in queta fase.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 10:16 oggi mercoledì 10 Dicembre): Con il primo cambiamento bocciato ufficiale per le novità per le pensioni come abbiamo visto sotto, si apre l'analisi dei cambiamenti presentati dalle forze politiche e non lo si fa sicuramente sotto i migliori auspici. E non sono buone nemmeno le ultime notizie e ultimissime che provengono dai confronti tra relatori e maggioranza con un aumento della pressione come detto per cambiare subito alcune norme e migliorarne altre inserendo, ad esempio, quota 100 o mini pensioni in fase di prova. Ma ora stanno arrivando nuovi e numerosi problemi che rischiano di drenare risorse anche ai cambiamenti minimi richiesti come contributivo donna o cancellazione delle penalità e, quindi, vi è il rischio reale che vengano tutte rimandare con la scusa di un ipotetico disegno organico normativo atteso per i prossimi mesi. Tra i problemi vi sono sicuramente i fondi per il salvataggio delle banche, ma anche quelli per la sicurezza e i giovani che stanno creando anche ulteriori scontri, soprattutto questi ultimi, in quanto una parte della maggioranza vorrebbe sostituire il bonus scuola con il potenziamento di politiche come la staffetta per pensionandi e nuove assunzioni giovani.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 8:10 oggi mercoledì 9 Dicembre): Inizia negativamente la giornata di oggi per quanto riguarda le novità sulle pensioni con la prima decisione ufficiale che in base alle ultime notizie e ultimissime è arrivata ieri sera dai Gruppi di Lavoro che stanno analizzando i cambiamenti ufficiali presentati dalle forze politiche. E così ancora una volta è stato bocciato uno dei quaranta, cinquanta cambiamenti che sono ancora in fase di analisi, ovvero la possibilità di prepensionamento per i docenti scolastici che sono rimasti ancora al lavoro per un errore dell'attuale legge. Una qustione ormai aperta da anni che ha visto migliaia andare, comunque, in pensione con l'aumentere dell'età e che ora è un problema relativamente per pochi. Ma neanche per questi si è data ancora giustizia. E non è certo un buon segnale per tutti che nemmeno questa volta sia stato riconosciuto loro questo diritto anche perhè i fondi necessari erano davvero minimi. Come detto sotto la pressione per i cambiamenti aumenta, ma l'inizio è nettamente in salita.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 17:24 oggi mercoledì 9 Dicembre): Nel tardo di pomeriggio o serata di oggi sono stati annunciati in arrivo i cambiamenti ufficiali per il mezzogiorno, mentre l'analisi sui pacchetti bancari potrebbe essere iniziata prima del previsto dalla stessa Aula. Per quanto riguarda le novità sulle pensioni vi è un rilancio a sorpresa, secondo le ultime notizie e ultimissime per cercare di far passare in extremis un metodo di prova prima basato su quota 100 o mini pensioni (o entrambi congiunto) al posto della staffetta ibrida. La pressione arriva sia dall'opposizione interna che dagli alleati Udc in una serie di incontri tra maggioranza e supervisori. La strada è in salita, ma si cerca in tutti i modi di far avanzare nei pacchetti dell'esecutivo questa possibilità già tra l'altro contemplata tra le cinquantina di cambiamenti ufficiali depositati dai aprtiti avversari e che, paradossalmente, è stata mutuata proprio dall'opposizione del Partito Democratico.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 14:22 oggi mercoledì 9 Dicembre): Continuando in riferimento al nuovo calendario per le novità sulle pensioni e gli altri cambiamenti ufficiali oggi pomeriggio continuarenno l'analisi dei cambiamenti dei partiti dagli appositi Gruppi di Lavoro e come detto si attendono nella tarda serata i cambiamenti ufficiali dell'esecutivo ma con la possibilità, secondo le ultime notizie e ultimissime, che tutto si sposti ancora a fine settimana questa. Oltre alle riunioni continuate durante questi ultimi giorni di festa di cui vi abbiamo indicato alcune indiscrezioni sotto, vi è stata anche la Manifestazione Coraggio Italia con 2100 banchetti in tutta Italia dove si attendevano partecipando tutte le più importanti cariche dell'esecutivo maggiori dettagli sulla riforma pensioni. Purtroppo, nonostante il tema delle pensioni fosse al centro dell'interesse dei cittadini con tante domande poste sul sito ufficiale ma anche direttamente ai Ministri presenti non ci sono state risposte di rilievo se non quella del Ministro Pinotti che ha parlato di come la priorità fondamentale rimane il lavoro e creare nuovi posti, ma senza aggiungere niente su possibili meccanismi da collegare alle pensioni. Tra l'altro sempre in questi giorni è stata lanciata una richiesta di opinione via email agli iscritti del partito su cosa pensino del bonus giovani contestato dalle opposizioni ma anche internamente visto con tanti dubbi. Secondo molti, infatti, sarebbe meglio utilizzare i fondi disponibili (ancora in dubbio) per rilanciare politiche di occupazione che si possino legare ai pensionamenti. Vedremo cosa risponderà la base e se i suggerimenti verranno accolti dall'esecutivo.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 8:17 oggi mercoledì 9 Dicembre): E' atteso per oggi il pacchetto dei cambiamenti ufficiali da parte dei supervisori dell'esecutivo, anche se potrebbe slittare a fine settimana seppur in questi giorni di Festa sono continuate le riunioni come riportano le ultime notizie e ultimissime.
Riunioni che hanno visto aumentare la pressione dell'opposizione interna e degli stessi alleati affinchè il capitolo della riforma pensioni subito non venga chiuso senza nemmeno quei cambiamenti minimi sui quali tutto avevano dimostrato di essere d'accordo
E sempre oggi continuerà l'analisi di fattibilità tecnico giudirica ed economica sui cambiamenti presentati dai partiti. Al momento tra le centinaia sono circa tra i quaranta e cinquanta quelli ufficiali dei partiti che, però, non sono ancora stati analizzati. Il giudizio di ammissibilità o di bocciatura dovrò arrivare entro inizio della settimana prossima quando vi sarà il voto in aula al momento previsto per il prossimo martedì. Nel frattempo come abbiamo visto nella news del primo paragrafo sotto, aumenta il sostegno di chi appoggia il piano dell'Istituto di Previdenza anche da politici ed esperti finora inaspettati.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 20:26 oggi martedì 8 Dicembre): Crescono sempre di più di numero ed importanza chi sostiene le novità per le pensioni e le ritiene anche urgenti da applicare. Sono un susseguirsi di nuovi sostenitori, infatti, le ultime notizie e ultimissime, anche inaspettati e a sorpresa che fanno pressioni con statistiche, calcoli e studi oggettivi, ma anche motivazioni politiche e sociali per apportare e cambiamenti e di fatto, la maggior parte di loro, sostiene anche il piano già previsto dall'Istituto di Previdenza.

Dopo l’appoggio di esecutivo e magistratura, le ultime notizie riferiscono nuovi appoggi al piano pensioni dell’Istituto di Previdenza da parte di Scelta Civica e, a sorpresa, anche dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico. Cresce in maniera smisurata la diffusione di droghe nel mondo e sono anche tante le tipologie.

Pensioni quota 100, mini pensioni: Dopo l’appoggio di esecutivo e magistratura, le ultime notizie riferiscono nuovi appoggi al piano pensioni dell’Istituto di Previdenza. Le novità arrivano Scelta Civica e, a sorpresa, anche dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico. Gli esponenti di Scelta Civica hanno, infatti, espresso condivisione delle proposte normative soprattutto in riferimento alle misure su vitalizi e pensioni d’oro, mentre l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico appoggia il ricalcolo contributivo per coloro che percepiscono assegni generosi a fronte di un basso livello di contributi versati. L’Organizzazione appoggia poi le parole del presidente dell’Istituto sulla necessità si sostenere la partecipazione attiva e assicurare carriere lunghe e continuative, alla luce delle ultime notizie secondo le quali le generazioni degli attuali 35enni andranno in pensione a 70 e con pensioni inferiori del 25%. Si tratta di una prospettiva decisamente negativa per il futuro dei giovani di oggi, che diventa ancor più nera se si considera che molti sono figli di carriere discontinue e precarie. Inaspettatamente, un ulteriore appoggio al piano dell’Istituto di Previdenza arriva dal Ministro del Lavoro, sostenendo la necessità che i giovani 35enni di cui ha parlato il presidente dell’Istituto versino i contributi dovuti per godere di una copertura previdenziale futura, considerando che non esistono strumenti alternativi e senza versare i contributi previsti oggi il rischio è quello di ritrovarsi in condizioni di povertà in futuro.

Riforma rinnovabili: Via libera a nuovi incentivi per le imprese che investono nelle fonti rinnovabili non fotovoltaiche (FER). Gli incentivi saranno concessi ai nuovi impianti da fonti rinnovabili non fotovoltaiche, agli impianti ibridi e agli impianti sottoposti a rifacimento totale o parziale che rientrano nella potenza di soglia, e saranno erogati fino ad un tetto massimo di 5,8 miliardi di euro fino alla fine del 2016. I nuovi incentivi sono stati concessi per permettere  di raggiungere gli obiettivi stabiliti nella Strategia Energetica Nazionale, sostenendo la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili diverse da quella solare fotovoltaica.

Droghe nel mondo: Cresce la diffusione nel mondo di droghe di ogni genere e, notizie ancor più triste, crescono i giovani che ne fanno uso. Un recente sondaggio condotto tra i cittadini di ben 19 Paesi del mondo, tra cui l'Italia, promosso dalla Gds (Global Drug Survey),  un'istituzione britannica indipendente creata per monitorare i trend del consumo di stupefacenti, ha interrogato chi fa uso di droghe e non solo sostanze illegali, ma anche alcol, tabacco, antidepressivi e farmaci e sostanze psicoattive per un totale di 140 sostanze attualmente presenti sul mercato. Nel mirino dei ricercatori anche gli energy drink alla caffeina. L'obiettivo è quello di far luce sulle tendenze di ogni singolo Paese, ma anche monitorare il fenomeno e riuscire a fornire indicazioni utili per la salute dei cittadini, stimolando il dibattito pubblico su queste sostanze. Tutti i lettori che hanno più di 16 anni possono partecipare al sondaggio. Lo scorso anno hanno risposto all'appello oltre 100 mila persone e l'obiettivo di quest'anno è superare i 120 mila nei 19 Paesi partecipanti.

Riforma Rai: Sono stati dichiarati inammissibili due cambiamenti della riforma Rai sul divieto di pubblicità del gioco. In particolare, il presidente della Commissione Lavori Matteoli ha dichiarato inammissibili due emendamenti a firma del senatore Jonny Crosio (Lega Nord) e della senatrice Loredana De Petris (Sel), che chiedevano di introdurre ‘il divieto assoluto di trasmissione di spot a favore del gioco d’azzardo’. Resta inoltre da valutare l’emendamento che chiede che i contenuti sulle reti Rai ‘non possono in ogni caso prescindere da finalità educative e culturali, nonchè rispettare il divieto assoluto di trasmissione di spot a favore del gioco d’azzardo’.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il