BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie oggi venerdì novità attese da relatori e continua votazione per cambiamenti quota 100, mini pensioni

Continua l’iter di discussione dei cambiamenti che l’esecutivo dovrà approvare entro la fine dell’anno: novità questione pensioni e misure ancora al vaglio




Continua l’iter di discussione dei cambiamenti che l’esecutivo dovrà approvare entro la fine dell’anno per le misure in vigore dal prossimo 2016 e mentre oggi, mercoledì 9 dicembre, dovrebbe essere il termine di presentazione dei cambiamenti da parte dei supervisori, anche se, secondo le ultime notizie, potrebbe ulteriormente slittare al fine settimana, continua l'esame sulla fattibilità economica e legislativa delle misure presentare dai diversi partiti. Questo esame dovrà concludersi entro l'inizio della prossima settimana e martedì è in programma il voto in Aula. Piuttosto confuse e incerte ancora le novità in ballo.

Mentre, infatti, gli oppositori interni del Partito Democratico, che spingono sull’approvazione entro la fine dell’anno almeno su cambiamenti minimi, come la proroga dei tre mesi del contributivo donna e la cancellazione delle penalizzazioni per chi decide di andare in pensione prima, facendo un passo indietro su tutte le eventuali altre misure di cui hanno sempre parlato, Lega e Movimento 5 Stelle spingono sulla quota 100, e sull’assegno universale, da sempre fiore all’occhiello del M5S.

Avanza anche la discussione sulla proposta dell’Unione di Centro di miglioramento della staffetta ibrida così come al momento definita ma poco vantaggiosa sia per imprese che per lavoratori, ma anche sull’aumento delle pensioni minime per tutti a 800 euro o sull’approvazione di un metodo in prova sostenuti da Forza Italia. Nei giorni scorsi si è poi profilata la possibilità di nuovi provvedimenti se il premier decidesse di fare un passo indietro sull’annuncio bonus di 500 euro per i 18enni, provvedimento che in pochissimo tempo ha scatenato un coro di polemiche.

Secondo moltissimi, infatti, non è tempo di pensare a tali misure e sarebbe decisamente preferibile investire i soldi destinati a questo provvedimento (500milioni, un miliardo di euro) in misure che sarebbero certamente più utili, dalla spinta alle politiche attive per il lavoro, all’approvazione di un metodo in prova per le pensioni, al miglioramento della staffetta, provvedimenti che gioverebbero, e non poco, innanzitutto alla ripresa dei consensi per l’esecutivo stesso, ma che piacerebbero anche a cittadini e forze politiche e sindacali. Mancano però certezze in merito: nei prossimi giorni, dunque, qualcosa potrebbe cambiare ma potrebbe essere confermato anche il nulla di fatto sulle pensioni che si teme ormai da settimane, per un rinvio delle discussioni ai prossimi mesi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il