BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Concorso scuola, Tfa, classi di concorso: indicazioni e novità ad oggi quando inizia, bando ufficiale,requisiti, prove, assunzioni

Nuovi dettagli relativo al concorso scuola 2016, ma i bandi saranno pubblicati solo entro la fine di questo mese di dicembre.




Cresce l'attenzione per il nuovo concorso scuola 2016, alimentata anche dal ritardo con cui il Ministero dell'Istruzione sta procedendo nella pubblicazione dei tre bandi: uno per la scuola dell'infanzia e primaria, uno per la scuola secondaria di primo e secondo grado, uno per il sostegno. Stando alle ultime notizie, il concorso dovrebbe iniziare in primavere e dovrebbe prevedere una prova di preselezione solo per la scuola primaria. Prove scritte e orali saranno naturalmente per tutti e passeranno anche dalla simulazione di una lezione. L'intenzione è naturalmente quella di chiudere la partita prima dell'inizio del prossimo anno scolastico.

Saranno ammessi alla partecipazione sono gli insegnanti abilitati, Tfa, Pas, ex Sssis, laureati in scienze della formazione primaria e diplomati magistrali. Tra i titoli oggetto di valutazione ci sono quello di abilitazione e il servizio prestato a tempo determinato nelle istituzioni scolastiche ed educative di ogni ordine e grado, per un periodo continuativo non inferiore a 180 giorni. Un punteggio aggiuntivo sarà assegnato a chi ha già fatto supplenze. Al concorso non può partecipare il personale docente ed educativo già assunto. Sono previste 6.800 assunzioni nella scuola dell'infanzia, 15.900 nella primaria, 13.800 nella scuola secondaria di primo grado, 16.300 nella scuola secondaria di secondo grado, 10.900 per il sostegno.

Per il prossimo anno scolastico sono dunque attese 11 nuove classi di concorso: A-23 Lingua italiana per discenti di lingua straniera; A-35 Scienze e tecnologie della calzatura e della moda; A-36 Scienze e tecnologia della logistica; A-53 Storia della musica; A-5 Strumento musicale negli istituti di istruzione secondaria di II grado tl; A-57 Tecnica della danza classica; A-58 Tecnica della danza contemporanea; A-59 Tecniche di accompagnamento alla danza; A-63 Tecnologie musicali; A-64 Teoria, analisi e composizione; A-65 Teoria e tecnica della comunicazione.

Tra le priorità politiche messe nero su bianche dal Ministero dell'Istruzione per il 2016 c'è il diritto allo studio. Le coordinate sono chiare: studente e contesto territoriale al centro dell'investimento, aumentare il numero dei beneficiari di borse, rendere più efficienti i criteri di assegnazione, valorizzare il merito. Secondo il Miur, si tratta di assicurare il pieno godimento del diritto riconosciuto anche dalla Costituzione: occorre massimizzare l'impegno affinché nessuno studente meritevole sia lasciato indietro strutturando politiche per il diritto allo studio adeguate e risorse sufficienti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il