BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità e prospettive su più livelli questa settimana quota 100, mini pensioni, riforma: ultime oggi martedì

Le ultime notizie tra le diverse novità delle pensioni bocciati e ancora attesi dai relatori, nuove norme per avere la cittadinanza italiana e approvazione del reato di omicidio stradale




Dopo una settimana di intense discussioni sulle pensioni, si attendono ancora oggi martedì le novità ufficiali per le pensioni da parte dei relatori, ma anche su altri fronti e livelli con prospettive quantomeno interessanti. Penati, ex sindaco di Sesto e altri dieci imputati, tra cui una società, sono stati assolti dai giudici di Monza nel processo per il cosiddetto'sistema Sesto. Le accuse erano, a vario titolo, corruzione e finanziamento illecito dei partiti. Via libera dal Senato al reato di omicidio stradale.

Pensioni quota 100, mini pensioni: La settimana che si è appena conclusa è stata piuttosto interessante per le pensioni: sono stati bocciati tutti gli altri cambiamenti sulle pensioni, sospesi i tre che si pensava invece di approvare subito, vale a dire cancellazione delle penalità per chi va in pensione prima, aumento della detassazione per i pensionati over 75 già a partire dal 2016, ed estensione di ulteriori tre mesi del contributivo donna, e approvati solo due cambiamenti positivi al momento. Le ultime notizie confermano infatti l’approvazione della staffetta ibrida e l’introduzione dell’assegno universale. E mentre e stata rimandato a domani il termine di presentazione dei cambiamenti ufficiali da parte dei relatori, si aprono probabili prospettive per cambiamenti a livello europeo: l’Europa stessa continua a dirsi contraria a cambiamenti delle pensioni in Italia, particolarmente attenta alla tenuta dei conti pubblici, e ha aperto una nuova procedura di infrazione per il contributivo donna chiedendo all'Italia perchè le donne possono andare in pensione prima rispetto agli uomini. Le risposte non sono state soddisfacenti e per evitare sanzioni ora l’Italia dovrebbe abolire completamente il contributivo donna per i prossimi anni; o estendere il contributivo donna anche agli uomini, ipotesi che sembra al momento piuttosto difficile; o inserire accanto al contributivo donna nuovi sistemi di uscita prima per tutti per evitare discriminazioni. Ma, considerando che le pensioni sono fondamentali per l’economica di ogni Paese, l’Europa potrebbe intervenire con leggi comunitarie per cercare di riequilibrare la situazione. Il lavoro partirebbe dall’eliminazione dell divario pensionistico tra uomo e donna. La commissaria europea all'occupazione Thyssen ha infatti annunciato nuove misure per bilanciare lavoro e famiglia e per affrontare il divario pensionistico di genere nell’Europa che saranno presentate nel 2016. Ma l’ideale sarebbe partire dall’assegno universale, già in vigore in quasi tutti gli altri Paesi Europei, tanto che anche il ministro dell’Economia ha aperto a questa misura. E mentre si attendono ulteriori novità pensioni, non si fermano gli atti concreti dell’Istituto di Previdenza e le ultime notizie riguardano le indagine conoscitive sui lavoratori dello spettacolo: secondo quanto reso noto, infatti, il 93% dei pensionati dello spettacolo che ha lavorato prevalentemente a tempo indeterminato in imprese radiofoniche, televisive o di audiovisivi percepisce un assegno superiore, di circa il 20-40%, a quello che riceverebbe con un calcolo contributivo della pensione finale. Questa novità segue i dati resi noti qualche mese fa sulle pensioni dei prefetti: secondo l'Istituto di Previdenza, infatti, i rappresentanti del governo nelle province godono di un trattamento privilegiato rispetto ai lavoratori privati e alla maggior parte dei dipendenti pubblici. Si tratta di assegno pensionistici che se fosse calcolati sulla base del contributivo sarebbero tagliati del 40% circa.

Riforma cittadinanza: Potrebbero godere di una corsi privilegiata per ottenere la cittadinanza italiana i figli di immigrati italiani che praticano sport a livelli agonistici. Oggi, infatti, le carriere sportive di molti minori  nati o cresciuti in Italia vegono bloccate perché non hanno la cittadinanza italiana. Gli statuti di diverse federazioni permettono infatti solo agli italiani il passaggio, con il tesseramento, dalla pratica di base a quella agonistica e per ovviare a questa situazione si discute un disegno di legge, già approvato dalla Camera, che ritiene i ragazzi tutti uguali. Secondo il ddl, infatti, “I minori di anni diciotto che non sono cittadini italiani e che risultano regolarmente residenti nel territorio italiano almeno dal compimento del decimo anno di età possono essere tesserati presso società sportive appartenenti alle federazioni nazionali o alle discipline associate o presso associazioni ed enti di promozione sportiva con le stesse procedure previste per il tesseramento dei cittadini italiani”.

Tangenti Sesto: L'ex sindaco di Sesto San Giovanni e presidente della Provincia di Milano dal 2004 al 2009 Penati è stato assolto dalle accuse, dopo 4 anni e mezzo di calvario giudiziario perchè il fatto non sussiste. Nessuno scambio di tangenti dunque. Penati e gli altri dieci imputati, tra cui una società, sono stati assolti dai giudici di Monza nel processo per il cosiddetto'sistema Sesto. Le accuse erano, a vario titolo, corruzione e finanziamento illecito dei partiti.

Riforma omicidio stradale: Via libera dal Senato al reato di omicidio stradale: il testo prevede che anche se sobri si rischia il carcere per omicidio stradale fino a un massimo di 10 anni; chiunque uccida al volante, commettendo eccesso di velocità, guida contromano, infrazioni ai semafori, sorpassi e inversioni rischia da 5 a 10 anni di carcere. Se invece si uccide qualcuno alla guida sotto l’effetto di alcol o droghe le sanzioni previste vanno da 8 a 12 anni. La pena può però aumentare della metà se a morire è più di una persona: in quel caso il colpevole rischia fino a 18 anni di carcere.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il