BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Calcolo Imu e Tasi 2015: istruzioni e regole Agenzia Entrate

Per il pagamento delle imposte di Imu e Tasi, la cui scadenza è fissata entro il 16 Dicembre, ecco alcune utili indicazioni da seguire per determinare l'importo, oltre ad altre informazioni.




Innanzitutto Imu e Tasi andranno pagate su un apposito modello chiamato F24, che non comporta nessun costo accessorio, come il fastidioso 1,50 che invece serve per i classici bollettini postali. Poi l'Imu dovrà essere pagata da tutti coloro che sono proprietari di prima e seconda casa, tuttavia l'obbligo di pagare per la prima casa vi è solo se questo immobile è considerato di lusso. Per calcolare l'importo dell'Imu (e della Tasi) il procedimento risulta essere complesso.

In particolare bisogna prima prendere la rendita catastale dell'immobile, poi effettuare una rivalutazione del 5 per cento su di esso. A questo punto bisogna assoggettare questa somma all'aliquota che applica il Comune, infine bisogna prima sottrarre eventuali detrazioni e poi dividere la somma che esce per 2. C'è da segnalare che anche per calcolare l'Imu che si dovrà pagare su seconda casa si segue lo stesso procedimento, ma bisogna fare attenzione perché in questo caso cambiano e aliquote.

Nel caso in cui Imu e Tasi non si paghino nei termini previsti è possibile provvedere prima che arrivino le sanzioni da parte delle agenzie delle Entrate. In particolare se il ravvedimento operoso avviene dopo 14 giorni dal termine ultimo, allora l'interesse di mora che si dovrà pagare sarà solo dello 0,2%. Naturalmente con il passare del tempo il tasso di interesse da pagare sarà maggiore.

Si ricorda infine che quando si va a redarre il modello F24 bisogna fare attenzione ai codici che si inseriscono, perché sbagliare tipo di codice vuol dire sbagliare a pagare l'imposta. In particolare ogni tipo di Imu corrisponde ad un codice. Andando sul sito dell'Agenzia delle entrate sarà possibile trovare la lista dei codici tributo aggiornata, si consiglia di consultarla prima di redarre in modo definitivo il modello e andarlo pagare, perché una volta eseguito il pagamento dopo risulterà complicato rimediare all'errore.

Altrimenti una valida alternativca è fare tutto attraverso uno diversi calcolatori online e simulatori. Qusto che vi consigliamo permette anche di avere il moudlo F24 o il bollettino postale prefetto compilato con i proopri dati corretti e codici tributo esatti e aggiornati per tutti i tipi di immobili e terreni e per tutti i Comuni e città. Si può trovare qui

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il