BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Calcolo Imu e Tasi 2015 oggi si deve pagare seconda rata e saldo. Cosa succede se ci sono errori e o ritardi

Il 16 Dicembre potrebbe essere definito i tax day, visto che scadrà i termine per pagare Imu e Tasi. Ecco come fare a pagare la seconda rata e il saldo.




AGGIORNAMENTO: Oggi scade l'Imu e la tasi seconda rata e saldo mercoledì 16 Dicembre. Cosa succede se si paga in ritardo o con errori? Come fare a sistemare tutto? Lo abbiamo spiegato in questo articolo.

Innanzitutto, per determinare la seconda rata bisogna seguire lo stesso procedimento eseguito per il primo, ossia prendere in considerazione la rendita catastale, poi moltiplicarla per il 5%, dopo di che bisogna eseguire un'ulteriore moltiplicazione, tenendo in considerazione l'aliquota applicata dal comune. Infine, se si ha diritto a delle detrazioni, bisogna eseguire la sottrazione di queste somme, poi dividere per 2 e si ottiene l'importo da pagare per questa seconda rata.

Si ricorda che l'aliquota applicata dal Comune è diversa a seconda del tipo di immobile, o anche di terreno, che si sta andando a prendere in considerazione. Se bisogna andare a pagare il saldo dell'imu e della tasi bisogna fare molta attenzione, perché si potrebbe andare incontro ad alcuni errori. In particolare, ci sono delle detrazioni che possono essere dimenticate dia contribuenti, in questo caso si può correggere ma bisognerà pagare degli interessi, quindi fate molta attenzione in sede di calcolo perché altrimenti sarebbe un peccato pagare un ulteriore somma di denaro per un vostro errore.

In sede di calcolo inoltre può capitare anche se ci sia un errore e che quindi in fase di pagamento di saldo si vada a pagare meno di quello che si deve. In questo caso sarà possibile rimediare, ma anche qui si dovranno pagare degli interessi che andranno ad aumentare ogni giorno che passa.

Anche chi ha pagato di meno con la rata di Giugno deve procedere a regolarizzare la sua posizione, altrimenti rischia una sanzione dal parte dell'agenzia delle entrate che può essere mille volte più salata. Infine può succede di sbagliare il codice tributo oppure il codice del Comune: se l'errore viene commesso da parte dell'intermediaro allora sarà quest'ultimo a dove provvedere a correggere l'errore, mentre se la compilazione del modello F24 pè fai da te dovrete essere voi stessi a rimediare a questo errore, attraverso una comunicazione all'ufficio comunale. Quindi bisogna fare molta attenzione perchè può succedere di sbagliare anche una sola cifra e poi perdere tanto tempo per rimediare.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il