BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità inaspettate nei cambiamenti riforma pensioni finali e piano nuovo domani presentato: novità oggi mercoledì

Ultime notizie tra novità pensioni ancora attesi, esito ultime elezioni in Francia e riordino Province




NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 17:03 mercoledì 16 Dicembre): Un ulteriore piccolo ma significativo segnale che l'esecutivo è in particolare sintonia con l'Istituto di Previdenza è il fatto di alcune novità per le pensioni. Il primo fatto in tempi non sospetti è l'aumento del fondo per la lottà contro la povertà che tutti considerano un inizio di assegno universale, mentre il secondo è venuta alla ribalta con le ultime e ultimissime notizie e coincide con il fatto che unc ambiamento dell'esecutivo prevede che le pensioni dovranno essere sopra i mille euro fatte avere tramite bonifico come aveva chiesto il Presidente dell'Istituto di Previdenza

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 13:16 mercoledì 16 Dicembre): Oltre agli incontri già avvenuti, si attende per domani il nuovo piano per le novità sulle pensioni che sarà presentato da tutte le forze sociali come confermato dalle ultime notizie e ultimissime E' un piano molto atteso perchè verrà presentato, poi, all'esecutivo che come sappiamo al momento ha in mano quello dell'Istituto di Previdenza che sembra per molti punti prediligere. E su questi piani, poi, dovrebbe iniziare il confronto, sempre se confermato, sul progetto organico nei prossimi mesi., Ricordiamo che oggi pomeriggio inizierà il confronto in Aula con il testo cambiato in base anche ai pacchetti dell'esecutivo depositati.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 10:47 mercoledì 16 Dicembre): Un altro punto della situazione che si può fare oggi dopo le novità sulle pensioni approvate nella tarda serata di ieri è quello sui cambiamenti entrati in questa riforma pensioni subito. E Le ultime notizie e ultimissime sono state in parte anche inaspettate con la cancellazione delle penalità per chi ha iniziato a lavorare giovanissimo e per particolari tipi di lavori e il contributivo legato al mondo femminile che non solo si è esteso per quelle migliaia che rimenevano fuori, ma che potrebbe, fondi permettendo, rimanere dopo una verifica già programmata anche il prossimo anno. E una ulteriore novità per le pensioni è stata rappresentata in positivo dalle sistemazione del meccanismo di rivalutazione (pur minimo e solo per questo anno). Questo è chiaramente per vedere il bicchiero mezzo pieno, perchè di delusioni come sempre ce ne sono state molte.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 8,44 mercoledì 16 Dicembre): Si dovrebbe concludere tra oggi e i prossimi giorni questa secondo passaggio con il confronto e la votazione, ma sono state setttimane intense e ricche di novità per le pensioni. Facendo il punto sulle ultime notizie e ultimissime sulle pensioni, i segnali provenienti dalla maggioranza non sono certo positivi con un silenzio pressochè assoluto al convegno fiorentino e a Coraggio Italia nelle migliaia di banchetti, nonostante i cittadini chiedessero informazioni sulle pensioni. Una delusione insomma e una preoccupazione per il prossimo futuro visto che i cambiamenti approvati in questa fase sono davvero minimi e altri, seppur minimi, ma con una valenza molto importante, ad esempio la legge delega o i metodi di prova non sono stati considerati.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 20:01 oggi martedì 15 Dicembre): Gli incontri continueranno questa sera per le novità sulle pensioni che abbiamo descritto sotto e gli ultimi temi che sono ancora in fase di decisione come confermano le ultime notizie e ultimissime. Entro la prima mattina di domani si attendono gli ultimi pacchetti dell'esecutivo, per poi iniziare nel pomeriggio il confronto in Aula. La situazione è molto incerta.


NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 17:36 oggi martedì 15 Dicembre): Continuano ad arrivare i cambiamenti dei relatori e dei supervisori della maggioranza ma nulla ancora di nuovo sulle novità per le pensioni, se non che si sta ancora decidendo su almeno tre norme ovvero la cancellazione delle penalità, il rafforzamento della staffetta ibrida e l'estensione del contributivo donna. Sulla seconda è ritornato nel frattempo, in base alle ultime notizie e ultimissime, anche il Ministro del Lavoro spiegando come sia importante come metodo di prova valutarlo attentantamente per, poi, se avrà successo poterlo inserire nelle norme del piano dell'esecutivo in pianta stabile. Al momento le opposizioni interne lo contestano e ne chiedono un rafforzamento dei fondi e una semplificazione e su questo stanno vertendo gli ultimi incontri.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 8:44 oggi martedì 15 Dicembre):Oggi, martedì, continuerà il lavoro dei relatori per le nvoità sulle pensioni che ancora mancano e diverse altre tematiche. Le ultime notizie e ultimissime confermano, comunque, da domani l'arrivo in Aula sebbene ulteriori ritardi potrebbero essere messi in conto. Tra l'altro ieri sera c'è stata anche una ulteriore conferma sulla previdenza con lo stanzionamento dei fondi che mancavano per le copertuture del Dis-Coll. Cosa manca ancora? Sicuramente si attende la cancellazione della penalità e il contributivo donna che sembravano avere la conferma da parte di tutti e che, invece, al momento è messo ancora in dubbio

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 21:07 oggi lunedì 14 Dicembre): Ancora incertezze per quanto riguarda le novità sulle pensioni. Al momento slitta a mercoledì il voto ufficiale, in quanto per domani martedì l'esecutivo non riuscirà a presentare tutti i cambiamenti. E al momento nei pacchetti dell'esecutivo mancano tra i cambiamenti da approvare subito su cui tutti erano d'accordo la cancellazione delle penalità e l'estensione del contributivo donna. E c'è incertezza sull'approvazione finale, sebbene prima ci fosse la convergenza su tutti questi da parte dell'esecutivo e della opposizione interna oltre che degli alleati

Dopo i cambiamenti ufficiali sulle pensioni da parte dei relatori, domani, martedì 15 dicembre, inizieranno le operazioni di voto in Aula. Attese ancora novità positive anche se le ultime notizie non preannunciano nulla di buono. Battuto il Front National di Marine Le Pen in Francia anche se si era pensato ad uno storico risultato per il partito. Al via finalmente riordino Province concreto.

Pensioni: Dopo i cambiamenti ufficiali sulle pensioni da parte dei relatori, domani, martedì 15 dicembre, inizieranno le operazioni di voto in Aula e poi le misure approvate passeranno al Senato, dove però non sono previsti ulteriori cambiamenti o comunque non è atteso nulla di particolarmente significativo e potrebbe essere posta subito fiducia. Giovedì 17 poi toccherà ai sindacati presentare le loro proposte. Nessun miglioramento della staffetta ibrida al momento nonostante le richieste arrivate da diversi fronti per renderla più conveniente per imprese e lavoratori, nulla nemmeno sui metodi in prova, che si pensava, invece, di far approvare subito, e sulla cancellazione delle ricongiunzioni onerose e sulla semplificazione del cumulo. Nulla nemmeno per i cambiamenti minimi, dalla proroga di ulteriori tre mesi del contributivo donna, alla detassazione per i pensionati over 75 fino a 8 mila già dal 2016, alla cancellazione delle penalità per precoci e usuranti che vogliono andare in pensione prima. Nessuna novità pensioni positiva è venuta fuori anche dagli incontri dei banchetti della scorsa settimana organizzati dal Partito Democratico, né tanto meno dalla Leopolda di questi ultimi giorni. Tra le ultime novità la revisione delle rivalutazioni pensionistiche del prossimo anno, che dovrebbero rimanere a zero e gli unici cambiamenti positivi approvati, staffetta ibrida che, come abbiamo detto, è però poco vantaggiosa e l’istituzione del fondo povertà, provvedimenti comunque minimi, anche nel caso del nuovo fondo povertà lo stesso presidente dell’Istituto di Previdenza ha parlato di un preludio all’approvazione dell’assegno universale. I cambiamenti alle pensioni al momento sono, dunque, stati sostituiti da questo nuovo fondo povertà che alcuni considerano una misura senza senso, considerando che dovrebbe prevedere un bonus di soli 80-120 euro per ogni membro delle famiglie indigenti e i beneficiari sarebbero i nuclei familiari con un Isee di 3mila euro annui. Nell’attesa di novità positive, sono invece certi solo i cambiamenti negativi, dalla conferma del taglio del fondo per precoci e usuranti, all’aumento dell’età pensionabile dal primo gennaio 2016, quando per andare in pensione non basteranno più i 66 anni e tre mesi ma bisognerà raggiungerei 66 anni e sette mesi, quattro mesi in più, dunque, per effetto dell’adeguamento all’aspettativa di vita Istat, al nuovo blocco delle perequazioni automatiche delle pensioni.

Riforma economia dello scambio: Cambia il mondo dello sviluppo e dll'economia e si evolve seguendo gli accadimenti recenti: nascono piattaforme di scambi oline che necessitano dunque di essere regolamentate. Ne sono un esempio Airbnb ma anche Uber ma non solo. Considerando nello specifico la situazione lavorato riva italiana e i numeri degli inattivi, si può forse capire che il mondo del lavoro sta cambiando e il lavoratore stesso si sta adeguando molto più velocemente di chi scrive le regole. Il reddito delle piattaforme di lavoro on demand o della sharing economy, secondo uno studio di PWC, potrebbe arrivare a 335 miliardi entro il 2025, ma resta senza regole, motivo per cui è necessari mettersi a lavoro proprio per ovviare a questa situazione decisamente carente di norme, essenziale per sostenere l’economia del lavoro in Italia.

Voto in Francia: Solo qualche giorno fa si pensava ad una rivoluzionaria vittoria del fronte nazionale di Marine Le Pen, ma il Front National di Marine Le Pen è stato sconfitto alle ultime regionali in tutte le Regioni al secondo turno delle amministrative in Francia. La leader della destra è stata staccata di oltre 15 punti nel Nord Pas de Calais-Picardie. Sembra dunque aver funzionato il patto socialisti-repubblicani di Hollande e Sarkozy. Ma alla fine la Le Pen è stata battuta dal fronte comune tra i socialisti di Hollande e i Républicains di Sarkozy ai quali vanno rispettivamente 5 e 7 regioni. Ai nazionalisti la Corsica. Quasi il 60% ha votato ai ballottaggi, contro il 43% del primo turno.

Riforma Province: Inizia a delinearsi la geografia dei trasferimenti per i dipendenti delle Province per effetto della riforma Delrio: la Toscana è stata l’apripista nell’attuazione, approvando in via definitiva la propria legge nei primi giorni di marzo, e con 1.227 ricollocazioni primeggia anche nei numeri dell’”accoglienza” del personale ex provinciale, seguita dai 1.202 dell’Emilia Romagna. Roma, Torino e Napoli hanno  permesso il pensionamento per il personale provinciale che raggiunge i vecchi requisiti pensionistici entro la fine del 2016, mentre Foggia, Salerno e Lecce sono le Province in cui si registra il numero più alto di esuberi. C'è ancora parecchio lavoro da fare però per altre Province di Lazio, Campania e Molise. e mentre ci si occupa ancora di tanti lavoratori in esubero delle Province da ricollocare, l'incertezza riguarda soprattutto 1.957 dipendenti che non rientrano nei nuovi organici provinciali, ma che non hanno una nuova collocazione. Il problema dipende anche dal fatto che solo da venerdì scorso è stato i Comuni hanno iniziato a permettere di inserire i propri posti disponibili, per cui resta ancora da capire quanti posti sono disponibili e numero di persone da poter quindi impiegare.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il