BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità necessarie e importanti ricevono appoggio a sorpresa di chi mai si era espresso, riforma: novità oggi giovedì

Le ultime notizie con il sostegno novità pensioni da Bankitalia, nuove norme necessarie per Università italiana, vendita Pininfarina agli indiani




NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 8:44 giovedì 17 Dicembre): Non si era mai espressa in favore di novità per le pensioni Bankitalia ma la nuova presa di posizione seppur fatta con parole molte caute è un ulteriore appoggio dopo quella della Magistratura, del Fondo Economico e in parte anche dell'Europa riportate dalle ultime notizie. La necessità di mantenere congrue le pensioni in essere, ma anche sostenere l'occupazione giovanile sono tra i due elementi che portano Bankitalia ad aprire seppur con molta cautela ad una revisione delle norme.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 19:47 mercoledì 16 Dicembre): Ormai viene sdoganato da tutti o quasi il piano sulle novità per le pensioni che l'esecutivo o meglio l'Istituto di Previdenza che viene appoggiato, comunque, quasi totalmente dall'esecitio, avrebbe in mente di lanciare tra alcuni mesi anche se il condizione è d'obbligo per chè i tempi come indciano le ultime e ultimissime notizie non sono così certi. Quello che è certo che sempre più politici, esperti, economisti, organismi sia nazionali che internazionali si stanno esprimendo in favore di cambiamenti urgenti. E ora è la volta di una altra importante autorità che finora non si era mai espressa sul tema o se lo eva fatto era stata contraria a qualsiasi novitò

Per eliminare il gap tra le generazioni di oggi e quelle future anche Bankitalia sostiene la necessità di definire novità pensioni collegate anche al lavoro e le ultime notizie confermano la necessità di cambiamenti da attuare in breve tempo. Servono cambiamenti anche per un corretto sviluppo dell’Università italiana.

Pensioni: I giovani di oggi percepiranno pensioni minime in futuro, quasi alle soglie della povertà ma anche la condizione dei pensionati di oggi, rispetto a quelli andati in pensione solo l’anno scorso, non è certo positiva. E’ chiara, dunque, l’urgenza di agire con cambiamenti sulle pensioni e mentre l’esecutivo continua ancora a dibattere sulle misure da approvare, con la grandissima possibilità che nulla si riesca a fare entro l’anno con il rinvio di ogni nuovo cambiamento pensionistico al prossimo 2016, novità e cambiamenti urgenti sono stati sostenuti anche da Bankitalia e dal suo presidente, soprattutto in riferimento al forte squilibrio che emerge tra i giovani e i pensionati e alla fatica di trovare lavoro. Il presidente di Bankitalia per la prima volta ha aperto ad una serie di cambiamenti, dalle politiche attive per l’occupazione in modo da favorire il ricambio generazionale,  alla staffetta ibrida alla quota 100 o mini pensioni, e ha detto per la prima volta che tanti pensionati bloccano le assunzioni dei più giovani. Il presidente punta anche alle politiche di sostegno al reddito per una vita che tende ad allungarsi e non ha sempre una continuità sul lavoro, in riferimento, dunque, all’assegno universale; a politiche di mutuo sostegno e aiuto tra nuove e vecchie generazioni, vale a dire una tassazione per pensioni più alte. Seppur non detto chiaramente, visto che Bankitalia non ha fatto preciso riferimento a quota 100, mini pensioni, assegno universale, la tendenza è dunque quella di convergere sul piano dell’esecutivo e quindi su quello dell’Istituto di Previdenza. Consigliando, infatti, una serie di politiche come quelle sopra citate, Bankitalia lascia intendere che potrebbero essere strumenti utili per rilanciare l’occupazione attraverso le pensioni.

Riforma Università: La riforma Gelmini ha introdotto criteri meritocratici nell’università italiana, permettendo di diventare professori universitari solo a coloro che avessero un certo numero di pubblicazioni e determinati meriti scientifici, avevano i rapporti di amicizia giusti nel mondo accademico, specie nel Mezzogiorno. Si tratta di una norma che sradicato, soprattutto al Sud, la consuetudine di far succedere nell’ambiente universitario membri della stessa famiglia, tanto che ora in molti atenei dominati dalle stesse famiglie per generazioni, spuntano altri cognomi, magari anche di maggior talento. La strada, però, per rendere l’università italiana del tutto meritocratica è ancora piuttosto lunga e dovrebbe passare anche attraverso la definizione di criteri delle abilitazioni sempre più stringenti e la riorganizzazione di dipartimenti e atenei nelle loro composizioni interne.

Pininfarina venduta a Indiani: Pininfarina è stata venduta agli indiani di Mahindra: dopo mesi di negoziazione, infatti, è stato raggiunto l'accordo (del valore di 25 milioni di euro) tra le società ma Pininfarina ha dichiarato “Il dna resta italiano”. Pincar, holding di controllo dello storico marchio del design, ha stipulato un accordo con Mahindra per cui il 76,063% del capitale passerà agli indiani per 1,10 euro per azione. Le azioni saranno liberate dal pegno delle banche al momento del closing. Poi gli investitori di Mahindra lanceranno una offerta pubblica totalitaria sulle azioni ordinarie Pininfarina, allo stesso prezzo della compravendita delle azioni detenute da Pincar. L'accordo prevede anche un aumento di capitale da 20 milioni in Pininfarina entro la fine del 2016.

Riforma truffa olio di oliva: Arriva domani, mercoledì 16 dicembre, alla Camera il decreto con le sanzioni per violazioni del regolamento 29/2012 che, a sorpresa, depenalizza il reato di contraffazione. E’, infatti, prevista solo una multa da 1.600 a 9.500 euro per chi truffa i consumatori. Ciò significa che i commercianti di olio extravergine d’oliva che non rispettano le norme europee e italiane sulla contraffazione alimentare non saranno soggetti ad alcuna sanzione se non una relativamente pecuniaria. Fino ad oggi, invece, l’articolo 517 quater del Codice penale puniva con la reclusione fino a due anni e con la multa fino a 20 mila euro chiunque si rendesse colpevole di reato di contraffazione alimentare.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il