Pos obbligatori professionisti bancomat e carte di credito per tutti i pagamenti: indicazioni ufficiali Governo Renzi

Semaforo verde alla possibilità di pagare anche sotto i 30 euro con Pos e carte di credito. Ma con un'importante eccezione.

Pos obbligatori professionisti bancomat


Arriva il via libera ai pagamenti di qualunque importo con bancomat o carta di credito. In linea teorica, anche un caffè può essere saldato con una strisciata della carta di credito. Sì, perché, come si legge nel testo su cui è stato acceso il semaforo verde, l'obbligo non può trovare applicazione "nei casi di oggettiva impossibilità tecnica". Viene quindi da pensare ai bar o alle edicole, in cui ci possono sorgere difficoltà logistiche se tutti gli avventori decidessero di pagare con il bancomat. Insomma, cade scatta l'obbligo per commercianti e professionisti di accettare la moneta elettronica per importi minimi, viene a cadere la soglia di 30 euro, ma si tratta della solita soluzione di compromesso all'italiana.

Spetta adesso al Ministero dell'Economia e al Ministero dello Sviluppo Economico emanare un decreto entro il primo febbraio 2016 per promuovere, d'intesa con la Banca d'Italia, tali operazioni di pagamento. In fin dei conti, se andiamo a vedere nel dettaglio, anche nei casi di mancato rispetto del tetto di 30 euro, in vigore fino a questo momento, oltre il quale i commercianti non potevano rifiutare transazioni con il bancomat, non sono state applicate multe e sanzioni. Dati alla mano, nel corso dell'anno è comunque aumentato il numero di pagamenti elettronici così come le transazioni con carta di credito, anche se è calato il numero di carte in circolazione.

A ogni modo, stando così le cose ovvero se le norme dovesse essere approvate in via definitiva entro la fine dell'anno e quindi pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale, troveranno spazio nel nostro ordinamento solo dal prossimo luglio. Fissato anche il valore massimo delle commissioni che non potrà essere maggiore di 7 millesimi di euro per ogni operazione. Appare interessante che a consentire il pagamento con il Pos sono anche i parchimetri, il cui utilizzo non sarà più vincolato alle sole monete o, in alcuni casi, alle banconote.

Secondo Sergio Boccadutri, responsabile innovazione del Partito democratico e proponente della discussa misura tra i piccoli commercianti, "il problema non è tanto nelle sanzioni, quanto nella cultura" poiché "le frodi rappresentano lo 0,022% delle transazioni in Italia, una dato inferiore alle media Sepa che è allo 0,039%, eppure tanti hanno ancora paura di essere in qualche modo raggirati. Oggi la spinta all'utilizzo della carta di credito è visto solo in un'ottica di lotta all'evasione fiscale, in realtà sarebbe in grado di attivare tante economie di scale facendo risparmiare tutti".

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il