BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie prospettive e novità potenziali presenti nel Milleproroghe per quota 100, quota 41, mini pensioni

Dopo approvazione finale misure in vigore dal 2016 si inizierà a lavorare sul Milleproroghe: quali novità pensioni ancora aspettarsi?




Dopo l'approvazione delle nuove misure pronte ad entrare in vigore dal primo gennaio 2016, tra cui cancellazione delle penalità per usuranti e precoci che decidono di andare in pensione prima, provvedimento con effetto retroattivo, e proroga di ulteriori tre mesi delle norme per l'uscita anticipata del mondo femminile dal lavoro, si inizierà a lavorare sul Milleproroghe che potrebbe rivelarsi lo strumento giusto per prevedere ulteriori miglioramenti, come accaduto già lo scorso anno con la definizione dell'allora nuovo regime dei minimi.

I lavori sul Milleproroghe, come riportano le ultime notizie, inizieranno a gennaio prossimo per poi concludersi a febbraio, marzo. Dopo la notizia secondo cui la cifra stanziata per la proroga delle norme per l’uscita prima delle donne potrebbe essere alta tanto da avanzare e permettere di riaprire le discussioni su uno dei metodi in prova di cui si è tanto discusso in queste ultime settimane, ulteriori speranze potrebbero aprirsi proprio con il Milleproroghe.

In tema di pensioni, l’anno scorso questo documento aveva confermato la cancellazione delle penalizzazioni per chi era uscito prima e quest’anno potrebbe riportare decise sorprese, considerando che sarà definito proprio a ridosso delle prossime elezioni amministrative e abbiamo diverse volte spiegato l’effetto positivo che affrontare le pensioni definendo nuove soluzioni volte soprattutto alla revisione dei requisiti di accesso alla pensione avrebbe per l’esecutivo stesso.
 
Potrebbero, dunque, rientrare nel Milleproroghe cambiamenti o solo miglioramenti, come la cancellazione delle ricongiunzioni onerose, o uno dei metodi in prova, soprattutto se non si dovesse attuare da subito un piano formale messo a punto dall’esecutivo. Non ci sono tuttavia certezze di come potrebbe essere questo piano, considerando le varie misure al vaglio da tempo, le posizioni di forze poiltiche e sociali che spingono su determinati provvedimenti, talvolta divergenti tra loro, e le misure contenute nel progetto pensioni dell’Istituto di Previdenza, appoggiato da esecutivo, magistratura,Ministro del Lavoro e presidente della Commissione Lavoro, per cui potrebbe magari aprirsi una strada di approvazione il prossimo anno.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il