BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie dopo ultime decisioni le prospettive e novità riforma pensioni quota 100, assegno universale,mini pensioni

Cambiamenti pensioni approvati, novità ancora in ballo e prospettive prossimi mesi: quali le ulteriori misure che potremmo aspettarci?




Dopo l’approvazione delle novità già confermate, come cancellazione dell’aspettativa di vita dei tre mesi per la proroga delle norme che permettono l’accesso alla pensione anticipata alle donne lavoratrici, la staffetta ibrida, come inizialmente modulata dal’esecutivo e senza alcun miglioramento richiesto, e l’entrata in vigore della no tax area per i pensionati over 75 anticipata al 2016, nuove prospettive di definizione di soluzioni universali per le pensioni potrebbero aprirsi per il prossimo anno. Del resto, le ultime notizie ribadiscono che le recenti affermazioni del viceministro del’Economia che ha chiaramente detto come in questo momento non ci sia la volontà politica di agire sulle pensioni.

Secondo il viceministro, non sarebbe questo il momento giusto per cambiare le pensioni e lo ha spiegato nei giorni scorsi in occasione delle bocciature di ogni cambiamento proposto. L’opposizione interna del Partito Democratica si è poi accontentata dei risultati minimi approvati che, però, non si sa che risultati porteranno e se saranno davvero convenienti. E’ un risultato mediocre quello portato a casa dall’opposizione interna che, volendo, avrebbe potuto ottenere di più anche contando sul voto degli partiti.

Nuove prospettive potrebbero aprirsi anche per la staffetta ibrida, al momento confermata come approvata dall’esecutivo già settimane fa e con i tanti dubbi sulla sua convenienza già abbondantemente spiegati ma che potrebbero essere risolti una volta in atto per capire se il suo funzionamento servirà o meno. Nulla è stato fatto per ora nemmeno sui nuovi metodi in prova che, invece, avrebbero potuto essere più vantaggiosi di altre misure approvate, come il fondo povertà.  

Le mancate novità positive comprendono anche il nulla di fatto sulla legge delega, che sarebbe stata fondamentale per dimostrare ai cittadini l’impegno dell’esecutivo di voler effettivamente agire sulle pensioni; e il nulla di fatto anche sulla spending review da cui si sarebbero potute recuperare quelle risorse economiche necessarie per agire sulle pensioni, considerando che i fondi disponibili sono stati destinati ad altri provvedimenti, come il bonus cultura per i giovani, che l’esecutivo continua a considerare prioritari rispetto alle pensioni.

L'unica cosa positiva, dunque, è che c’è stato un primo passo verso il rilancio del welfare e dell’assegno universale anche se non si tratta di una misura che risolve il problema della disoccupazione, con conseguente rilancio dell’economica. Inoltre, per la prima volta, con la proroga delle norme di uscita prima per le donne, c’è stata una vera correzione alla legge attuale, considerata l’abolizione dell’aspettativa di vita che è parte fondamentale della legge stessa. La stessa proroga del contributivo donna potrebbe aprire anche nuovi spiragli di cambiamento pensionistico: secondo molti, infatti, la cifra stanziata di circa 2,5 miliardi di euro sarebbe elevate per cui la parte avanzante potrebbe essere rimessa in discussione o per un0ulteriore proroga dello stesso meccanismo o per l’approvazione di uno dei metodi in prova.

Le ipotesi di lavoro potrebbero essere certamente diverse e tante ma la verità è che non vi è alcuna certezza per i prossimi mesi nonostante ci si avvii alle elezioni amministrative 2016 che dovrebbero rappresentare una spinta per l’esecutivo a fare il meglio, a partire dalle pensioni, tema caro ai cittadini, per riconquistare consensi e fiducia. Probabilmente la conclamata urgenza di cambiamenti per le pensioni e le prossime elezioni potrebbero far ben sperare nell’approvazione di uno o due cambiamenti importanti anche se non è poi così semplice mettere a punto in breve tempo un disegno di legge organico o un decreto, come promesso, per una revisione delle pensioni a 360 gradi.
 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il