BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Azioni e Borse: previsioni 2016 in Usa

Ci sono diversi indicatori da seguire con attenzione per provare a prevedere l'andamento dei listini azionari negli Stati Uniti.




Il punto di partenza per inquadrare l'economia statunitense nel 2016 e avanzare previsioni su azioni e borse, risparmi e investimenti, è la recente decisione della Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, di aumentare i tassi di interesse dello 0,25% per fare fronte alla crisi finanziaria. La conseguenza è presto detta: il denaro non è più a costo zero. Non sono però da mettere in conto stravolgimenti del breve periodo. Da una parte, l'intenzione dichiarata è proprio quella di procedere con gradualità. Dall'altra, le stesse borse così come il dollaro non hanno subito alcuno scossone alla notizia. Anzi, non hanno quasi reagito.

Il secondo aspetto da valutare con attenzione è quello dei calo del prezzo del petrolio. Il trend sta proseguendo anche adesso con un impatto immediato sui titoli delle società energetiche, soprattutto quelle petrolifere. Anche se il rapporto non è mai così diretto e scontato, se scende il costo del barile, a beneficiare sul mercato azionario sono le economie dei paesi industrializzati e dei paesi emergenti, proprio quelli che non hanno risorse petrolifere. Vengono infatti abbattuti i costi delle aziende, con particolare riguardo quelli del settore dell'industria manifatturiera e dei trasporti, e cresce in parallelo il reddito a disposizione dei cittadini.

Di più, per Carlo Gentili, partner e amministratore delegato di Nextam partners, "se guardiamo al più lungo periodo l'effetto di un calo dei prezzi del barile è positivo per le borse mondiali, in particolare per i listini europei". A suo dire, le società possono aumentare gli utili di qualche punto percentuale ovvero di "un valore importante, soprattutto in un contesto di bassa crescita dell'economia, e l'apporto dell'aumento dei profitti derivante dal barile a basso prezzo può arrivare a rappresentare anche un quarto del totale dell'incremento dei profitti". In questo modo, il rialzo degli utili andrà a impattare in maniera evidentemente significativa sulle performance dei listini azionari. Statunitensi e non solo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il