Ballottaggi elezioni città italiane: nessuna sorpresa di rilievo

L'Unione tiene la Provincia di Genova e conquista Taranto, dove si impone il candidato della sinistra radicale. La Cdl espugna Matera.



Il primo - atteso, per la verità - dato politico che proviene dai ballottaggi delle elezioni amministrative è quello dell'affluenza: in netto calo rispetto al primo turno. I dati definitivi del Viminale riportano che al secondo turno delle provinciali (si parla della sola Genova) ha preso parte al voto il 48,17% degli elettori contro il 60,39 del primo turno. Per quanto riguarda le comunali, ha votato il 63,24% contro il 75,19 del primo turno.
Il voto più simbolico, quello per la Provincia di Genova, se l'è aggiudicato il centrosinistra dopo un testa a testa, incerto fino all'ultimo: Il candidato dell'Unione Alessandro Repetto ha ottenuto il 51,4% dei voti, Renata Olivieri il 48,6.

Dei 69 comuni in cui si andava al voto, otto erano capoluoghi. Poche le sorprese, tra queste senz'altro il dato di Taranto: nella città pugliese è andata in scena la sfida tra due candidati dell'Unione: Ippazio Stefano, sostenuto dalla sinistra radicale, e Florido Giovanni, appoggiato da Ds e Margherita. Stefano è andato abbondantemente oltre il settanta per cento. La Puglia si conferma terreno florido per la sinistra: il successo di Stefano ricorda per molti versi quello di Nichi Vendola che nel 2004 batté alle primarie per la candidatura alla presidenza della Regione Antonio Boccia, uomo della Margherita. Vendola avrebbe conquistato, a sorpresa, anche la Regione. Il successo fa dire a Pino Sgobio, capogruppo del Pdci alla Camera che "la schiacciante affermazione del candidato della sinistra Stefano su un programma che parla alla gente e che prospetta la soluzione dei suoi problemi, oltre ad essere ulteriormente interpretativo dei rapporti all'interno del centro-sinistra, è la chiara dimostrazione che, anche a livello nazionale, se l'Unione vuole recuperare il consenso popolare finora perduto deve attuare politiche di sinistra". Il capogruppo al Senato di Sinistra democratica è soddisfatto dell'affermazione del movimento:  "Ippazio Stefàno ha con se la città: il nostro candidato, in sintonia con i ceti popolari e con la stragrande maggioranza della popolazione, ha rovesciato il voto che cinque anni fa aveva portato al governo il centrodestra. Trasparenza e questione morale sono state e sono le armi vincenti della sua battaglia politica. Oggi Stefàno è il simbolo del riscatto di una città, di un centro cruciale - per la sua storia industriale e culturale - per il Mezzogiorno e per il Paese. A lui le più sincere congratulazioni, anche per aver portato la Sinistra Democratica ad essere il primo partito nazionale della città". Se Taranto la conquista l'Unione (veniva da un commissariamento per motivi finanziari e, prima ancora, da un'amministrazione targata Casa delle libertà), processo inverso nell'altra, importante città meridionale in ballo, la lucana Matera. Qui il senatore di An, Emilio Nicola Buccico, candidato del centrodestra, è quasi al 58 per cento mentre il candidato dell'Unione, Franco Dell'Acqua pari al 42,1 per cento.

Altri capoluoghi. A Parma il candidato dell'Unione Alfredo Peri ha avuto la peggio, sindaco sarà Pietro Vignali, che si è imposto con l'espediente della lista civica, già rodato in Emilia Romagna (si pensi alla vittoria del 1999 a Bologna di Giorgio Guazzaloca). A Piacenza si è imposto il Roberto Reggi, sindaco uscente del centrosinistra, che ha superato il candidato della Cdl Dario Squeri attestandosi oltre il 55 per cento. Conferma per il sindaco uscente dell'Unione anche a Pistoia: Renzo Berti ha ottenuto il 53,3 per cento contro il 46,6 di Alessandro Capecchi. Nessuna sorpresa a Latina, da sempre feudo del centrodestra: Vincenzo Zaccheo ha ottenuto la riconferma a sindaco, con percentuali oltre il sessanta per cento. Pure Lucca rimane al centrodestra, il candidato sindaco della Cdl Mauro Favilla ha conquistato circa il 53% dei voti mentre Andrea Tagliasacchi dell'Unione si è fermato prima del 48. La Cdl vince anche a Oristano. Il coordinatore dell'esecutivo dei Ds, Maurizio Migliavacca, vede i risultati in chiaroscuro: "L'appello di Berlusconi a utilizzare il ballottaggio amministrativo per dare una spallata al governo Prodi è stato respinto dagli elettori. Il centrosinistra si conferma alla guida della provincia di Genova, delle città di Piacenza e Pistoia. Conquista Taranto, mentre perde Matera. Il voto conferma l'esigenza di uno scatto nell'azione del governo e della maggioranza di centrosinistra che rilanci il profilo riformatore facendo procedere insieme innovazione ed equità". A Migliavacca fa eco Titti Di Salvo, la capogruppo di Sinistra democratica alla Camera: "Rimangono intatte le valutazioni che facemmo dopo i risultati negativi di due settimane fa: occorre ora che il Governo si impegni principalmente sulle politiche a sostegno del lavoro e della giustizia sociale. In particolare, lo straordinario risultato di Ippazio Stefano a Taranto conferma che, laddove si scelgano candidati realmente popolari e credibili, portatori con chiarezza di forti idee sociali, i cittadini danno la loro fiducia alla sinistra".

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il