BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Borsa e Azioni 2016: previsioni Giappone

Il mercato azionario giapponese è quello tra i più interessanti nel 2016. Le previsioni sono positive anche in riferimento alla sua economia.




Il 2016 sarà l'anno del Giappone? Le prospettive sono incoraggianti, a partire dalla crescita economica superiore alle aspettative registrata nel terzo trimestre di quest'anno. Anche borsa e azioni, di conseguenza, potrebbero beneficiarne. In particolare pollice in su per le costruzioni: Tokyo ha infatti vinto la gara per la costruzione in India della prima linea ferroviaria ad alta velocità. Si tratta dei 550 chilometri di collegamento tra Mumbai e Ahmedabad per un valore di 14,7 miliardi di dollari. Non è tutto perché il governo guidato da Shinzo Abe ha stretto un'intesa in India sul nucleare civile. Insomma, l'impressione è che tra quantitative easing, investimenti e riforme strutturali l'economia giapponese è destinata a recitare una parte da protagonista.

Naturalmente siamo in un contesto globalizzato, in cui le misure e le previsioni vanno inquadrate anche nell'ambito di quanto succede negli Stati Uniti con ripercussioni anche per la borsa e le azioni in Italia. Il Giappone piace anche al Forum 2016 degli asset manager, giunto alla ventesima edizione e allestito dal Sole 24 Ore. Appaiono interessanti le osservazioni di Alessandro Varaldo, amministratore delegato di Amundi Sgr, società che a fine novembre gestiva in Italia circa 38 miliardi di euro, che ha spiegato di privilegiare gli investimenti azionari in Europa e in Giappone, meno negli Stati Uniti, mentre gli emergenti sono ritenuti un'opportunità.

Nella sua scia Alessandro Solina, direttore investimenti di Eurizon Capital, la società di gestione del gruppo Intesa SanPaolo. Il gruppo alla fine di novembre gestiva un patrimonio di 348 miliardi di euro. A suo dire, "l'azionario americano è quello con le valutazioni meno attraenti, e quindi privilegiamo Europa, Giappone e in particolare gli emergenti dove vediamo situazioni molto interessanti specialmente dal lato obbligazionario local currency. Si tratta di previsioni che, nelle linee generali, ricalcano quelle dei grandi gestori internazionali come JP Morgan o Morgan Stanley.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il