BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie prospettive e novità questa settimana quota 100, quota 41, quota 101, mini pensioni

Cosa è cambiato ad oggi sulle pensioni, le novità ufficiali approvate e prospettive per prossima settimana e prossimi mesi. Quando riprenderanno le discussioni per ulteriori cambiamenti?




Decisamente aperto il dibattito previdenziale in questo inizio 2016: dopo le ultime novità ufficiali per le pensioni in vigore dai prossimi mesi, durante questa settimana si è già iniziato a pensare a quando e come potrebbero essere realizzati ulteriori cambiamenti futuri. Secondo le ultime notizie si potrebbe riprendere la discussione sulle pensioni già a gennaio o febbraio prossimi, quando cioè si inizierà a lavorare sul Milleproroghe che dovrebbe poi essere definito entro marzo.

Probabile anche che nuovi annunci e misure vengano rimesse in discussione in primavera, periodo in cui è attesa una nuova valutazione dall’Europa ma che precede anche le prossime elezioni amministrative. Considerando, infatti, che il tema delle pensioni è tanto caro ai cittadini, per riconquistare fiducia e consensi, che stanno sempre più calando, l’esecutivo potrebbe riportare in ballo ulteriori novità per le pensioni, usandole come mossa strategica, come avvenuto già del resto con quel bonus di 80 euro per i dipendenti statali annunciato dal premier proprio in periodo di elezioni.

Le novità che sono state approvate per quest’anno e in vigore nei prossimi mesi riguardano, intanto, la proroga delle norme che permettono alle donne lavoratrici di andare in pensione prima con la cancellazione dei tre mesi dell’aspettativa di vita, proroga per il 2016 della cancellazione delle penalità per chi decide di andare in pensione prima, rivalutazione, seppur minima, delle pensioni, staffetta ibrida anche se senza alcun miglioramento, come richiesto nel corso di queste ultime settimane, istituzione del fondo di povertà che, a detta di molti, potrebbe essere il primo passo verso l’introduzione dell’assegno universale. Mancano però quei piani di quota 100, 101, 41, mini pensione, assegno universale su cui si sono sempre detti tutti d’accordo.

Ma prospettive di miglioramento per i prossimi mesi potrebbero derivare proprio dalla proroga delle norme per l’uscita anticipata per le donne: secondo le stime, la somma stanziata di 2,5 miliardi di euro sarebbe elevata e potrebbe avanzare e i soldi restanti potrebbero essere poi impiegati o per un’ulteriore proroga del meccanismo stesso o per l’approvazione di uno dei metodi in prova, tra una delle due versioni di quota 100, assegno universale o estensione delle norme di uscita per le donne anche agli uomini, in modo da evitare discriminazioni di genere, ognuno accompagnato dalla mini pensione che servirebbe per alleggerire le penalità imposta da ogni sistema a carico del lavoratore. C’è chi ritiene che, alla luce dei risultati che sortirà, eventuali fondi in più potrebbero essere usati anche per migliorare la staffetta ibrida così come oggi approvata.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il