BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Concorso Scuola, Tfa, Classi di Concorso: importanti indicazioni e novità settimana

Prosegue il ritardo nella pubblicazione del bando per il nuovo concorso scuola 2016. Vedrà la luce entro la fine dell'anno?




La questione dello sblocco del concorso scuola 2016 non è finita nel Consiglio dei ministri prenatalizio. Tuttavia non tramontano le speranze di vedere pubblicato il bando prima della fine dell'anno. In realtà i bandi attesi sono tre per la copertura di 6.800 posti nella scuola dell'infanzia, 15.900 posti nella primaria, 13.800 posti nella scuola secondaria di primo grado, 16.300 posti nella scuola secondaria di secondo grado, 10.900 posti per il sostegno. Nessuna novità anche sul terzo ciclo del nuovo Tfa per l'abilitazione all'insegnamento nelle scuole secondarie italiane, il cui bando sarà pubblicato non prima di febbraio del prossimo anno.

Le nuove classi di concorso attesi per il prossimo anno scolastico, che continuano a essere oggetto di discussione e di confronto anche in ottica concorso, sono A-23 Lingua italiana per discenti di lingua straniera (alloglotti), A-35 Scienze e tecnologie della calzatura e della moda, A36 Scienze e tecnologia della logistica; A-53 Storia della musica, A-55 Strumento musicale negli istituti di istruzione secondaria di II grado tl, A-57 II Tecnica della danza classica, A58 Tecnica della danza contemporanea, A59 Tecniche di accompagnamento alla danza, A-63 Tecnologie musicali, A-64 Teoria, analisi e composizione, A-65 Teoria e tecnica della comunicazione.

Tra le novità prenatalizie della settimana si segnala la firma del ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca e del ministro dell'Economia del decreto di stanziamento dei fondi richiesti per pagare le supplenze brevi degli ultimi mesi del 2015 e per assicurare la regolarità per tutto il 2016. Stando a quanto congiuntamente dichiarato, una parte dei versamenti è già stata effettuata. Entro il 28 dicembre le scuole dovranno avviare le procedure per i pagamenti delle supplenze rimanenti. Come si legge nel comunicato ufficiale, i fondi stanziati e il potenziamento dell'organico previsto dalla buona scuola garantiranno le supplenze necessarie e i pagamenti nei tempi previsti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il