BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ristrutturazione casa detrazioni 2016 edilizie e incentivi fiscali, bonus: tutte le regole ufficiali 2016 e quali lavori rientrano

Anche il prossimo anno si caratterizzerà per le tante detrazioni fiscali a favore di chi ristuttura o arreda la propria casa.




Sono tante le novità sul fronte delle detrazioni e degli sconti fiscali che caratterizzeranno il 2016. Nella maggior parte dei casi si tratta di proroghe di agevolazioni già in vigore in questo 2015, come il bonus del 50% per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici per le case in via di ristrutturazione. Le coppie under 35 ovvero quelle in cui almeno uno dei due componenti non ha ancora compiuto 35 anni, possono usufruire di un tetto maggiore di spesa massima, da 8.000 a 16.000 euro. Cade la distinzione con le coppie di fatto: sono tutte coinvolte. Per averne diritto è comunque necessario realizzare una ristrutturazione edilizia, con tanto di seconda agevolazione, su singole unità immobiliari residenziali o su parti comuni di edifici residenziali.

La detrazione del 50% sulle spese di recupero edilizio degli immobili residenziali viene infatti prorogata fino al 31 dicembre 2016. Slitta così di un anno il ritorno alla detrazione del 36%, che scatterà dal 1° gennaio 2017 a meno di ulteriori proroghe. La spesa massima su cui applicare lo sconto fiscale del 50% è 96.000 euro per unità immobiliare mentre i lavori devono essere come minimo di manutenzione straordinaria. La semplice manutenzione ordinaria è agevolata solo per le parti comuni condominiali. A prescindere dalla somma spesa per i lavori di ristrutturazione, la detrazione va calcolata su un ammontare complessivo non superiore a 10.000 euro e ripartita in 10 quote annuali di pari importo.

Confermate l'eliminazione dell'obbligo di indicare il costo della manodopera, in maniera distinta, nella fattura emessa dall'impresa che esegue i lavori, l'estensione dell'agevolazione agli interventi necessari alla ricostruzione o al ripristino dell'immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi, se è stato dichiarato lo stato di emergenza.

Altri 12 mesi con la detrazione del 65% sulle spese di riqualificazione energetica degli edifici, come cambio infissi, sostituzione caldaie, coibentazioni, pannelli solari termici, tende solari. Inoltre il bonus viene esteso alle spese per i dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento, produzione di acqua calda o climatizzazione delle unità abitative. È introdotta anche la possibilità per chi si trova nella no tax area di cedere la detrazione per le spese di riqualificazione delle parti comuni condominiali alle imprese che effettuano i lavori. Tutti i dettagli saranno definiti in un provvedimento dell'Agenzia delle entrate.

Da segnalare anche che il credito d'imposta del 30% già riconosciuto a chi riqualifica strutture alberghiere esistenti al 1° gennaio 2012 viene esteso anche alle ristrutturazioni che comportano un aumento della cubatura complessiva, purché all'interno del piano casa.

Ristrutturazione Casa BONUS e DETRAZIONI. Vediamo quali sono i bonus, le detrazioni e le agevolazioni fiscali disponibili ora per la ristrutturazione di immobili di proprietà, in affitto e per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il