BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Musei aperti 1 Gennaio, orari, gratis, anche la sera a Roma, Firenze, Venezia, Milano, Torino, Bologna, Palermo, Napoli

Da Milano a Roma, da Torino a Bologna, da Venezia a Firenze, Napoli e Palermo saranno tantissime le città che offriranno ai propri cittadini e ai propri turisti la possibilità di ammirare le bellezza dell’arte: orari




AGGIORNAMENTO: Come di consuetudine il 1° Gennaio saranno aperti molti musei, a volte anche gratuitamente e anche la sera. Un'ottima occasione per approfittare di visitarli senza code, con calma e per smaltire le feste che si concluderanno a breve con l'epifania.

Da Milano a Roma, da Torino a Bologna, da Venezia a Firenze, Napoli e Palermo saranno tantissime le città che offriranno ai propri cittadini e ai propri turisti la possibilità di ammirare le bellezza di arte e cultura che ognuna di esse propone. A Milano sarà possibile visitare Palazzo Reale e tutte le mostre in corso al suo interno ma anche il vicinissimo Museo del Novecento. Aperti anche il PAC e il Mudec: la Pinacoteca di Brera resterà invece aperta solo il 31 Dicembre e, allo stesso modo, anche il Museo di Storia Naturale e il Museo Civico. Per il giorno dell'Epifania 6 gennaio, Palazzo Reale sarà aperto dalle 9:30 alle 19:30; il PAC dalle 9:30 alle 19:30, la Pinacoteca di Brera dalle 8:30 alle 19:15; il Mudec- Museo delle Culture dalle 9:30 alle 19:30; il Museo del Novecento dalle 9:30 alle 19:30, la Gallerie d’Italia dalle 9:30 alle 19:30 così come Palazzo Dugnani, mentre il Museo di Storia Naturale e l’Acquario Civico saranno aperti dalle 9 alle 17:30.

A Torino, si potrà visitare da primo al 6 gennaio il Museo Egizio che propone ‘Seshen: luce di vita eterna’, una visita di due ore che comprende anche un laboratorio. Seshen è il nome che gli antichi egizi avevano dato alla pianta del loto, i cui fiori si aprono con la luce del mattino per richiudersi al tramonto: per questo il loto diventa simbolo di rinnovamento e rinascita e importante elemento decorativo nell’arte egizia. L’evento sarà riproposto tutti i giorni alle 15:10, tranne l’1, il 5 e 6 gennaio. Musei aperti nei primi giorni di gennaio 2016 anche a Napoli e Bologna.

A Roma, venerdì 1 gennaio dalle 12 alle 21 e mercoledì 6 dalle 10 alle 21 si potrà visitare il Chiostro di Bramante dove è allestita l'esposizione dedicata al celebre pittore francese James Tissot, in cui sono raccolte più di 80 tra le sue opere principali; venerdì 1 gennaio dalle 15:30 alle 20:30 e mercoledì 6 dalle 09:30 alle 20:30 si potrà visitare il Complesso Vittoriano dove fino al 7 febbraio 2016 trovate la mostra IMPRESSIONISTI. Tête à tête, frutto della collaborazione con il Musée d’Orsay. In via del tutto eccezionale, potrete ammirare nella Città Eterna opere di artisti del calibro di Edouard Manet, Pierre-Auguste Renoir, Edgar Degas, Frédéric Bazille, Camille Pissarro, Paul Cézanne, Berthe Morisot, Auguste Rodin. Chiusi invece il primo gennaio ma aperti nei giorni a seguire e il 6 gennaio dalle 9 alle 20 i Musei Capitolini, mentre per visitare il museo dell'Ara Pacis, si potrà fare dalle 9 alle 19 ogni giorno che si vuole dal primo gennaio. Venerdì 1 gennaio e mercoledì 6, dalle 15 alle 22 e dalle 10 alle 20, sarà possibile visitare anche il Museo di Palazzo Sciarra che ospita una mostra dedicata al movimento CoBrA (1948-1951), la prima grande avanguardia di respiro internazionale del secondo dopoguerra.

A Firenze, domenica 3 gennaio 2016 torna l’iniziativa in vigore dalla scorsa estate che stabilisce l’apertura gratuita dei musei statali in tutta Italia nella prima domenica di ogni mese e sarà possibile visitare liberamente gli Uffizi, la Galleria dell’Accademia, il Bargello, Palazzo Pitti, Boboli e tutte le altre principali sedi museali. Saranno aperti gratuitamente anche i musei comunali, a cominciare da Palazzo Vecchio, per la parallela iniziativa denominata mensile #DomenicaMetropolitana. Da non perdere le mostre ‘Il principe dei sogni. Giuseppe negli arazzi medicei di Pontormo e Bronzino’ (Palazzo Vecchio) e ‘Jeff Koons. In Florence’.

Il 5 gennaio, poi, è prevista la prima apertura straordinaria del 2015 della Galleria degli Uffizi e della Galleria dell’Accademia, dalle 8:15 alle 18:50. Nella stessa giornata si potranno visitare anche il Museo di San Marco (dalle 8.15 alle 13.50), la Chiesa e il Museo di Orsanmichele (dalle 10 alle 17), il Giardino della Villa medicea di Castello (dalle 8.15 alle 16.30), Villa medicea della Petraia (dalle 8.15 alle 16.30), Villa medicea di Poggio a Caiano (dalle 8.15 alle 16.30), Villa medicea di Cerreto Guidi (dalle 8.15 alle 16.30), il Cenacolo di Ognissanti (dalle 9 alle 12),

A Venezia dal primo gennaio si potranno visitare regolarmente ilMuseo Civico di Palazzo Fortuny è ospitato nell'omonimo palazzo all'interno del Sestiere di San Marco in una parte di scarso passaggio turistico affacciata su Campo San Beneto. Ospita le collezioni appartenute a Mariano Fortuny che fu artista impegnato nella pittura, nella scultura, nell'illuminotecnica, nel teatro, nella fotografia, nel tessile e nella moda. Il Museo fa parte del circuito dei Musei Civici Veneziani e organizza mostre d'arte soprattutto in occasione della primavera e dell'autunno;
Chiuso, invece, il primo gennaio Palazzo Ducale che però si potrà visitare nei giorni seguenti e fino al 6 gennaio regolarmente dalle 8:30 alle 17:30. Chiuso il primo gennaio anche il museo Correr, dedicato a Venezia, alla sua storia politica e militare di Repubblica Marinara. Dal 2 al 6 gennaio aperto dalle 10 alle 17.

Nel giorno di Capodanno saranno aperti i principali musei e siti archeologici siciliani: resteranno aperti dal primo gennaio il Teatro antico di Taormina con il Museo archeologico di Naxos, e i Parchi archeologici della Valle dei Templi di Agrigento, di Segesta, di Selinunte e la Villa del Casale di Piazza Armerina. Aperto a Palermo il Museo d'arte contemporanea, nelle sedi di Palazzo Riso e della Cappella dell' Incoronazione (entrambe ricadenti nell'itinerario Unesco arabo -normanno).

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il