BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Musei aperti 1 gennaio 2016 Milano, Roma, Firenze, Venezia, Bari, Palermo, Torino,Bologna gratis,di sera e orari.E 2-3-4 gennaio

Prosegue anche a gennaio l'iniziativa del Ministero dei Beni Culturali che stabilisce la gratuità dei musei nella prima domenica del mese.




Apertura straordinaria dei musei italiani nella giornata di domenica 3 gennaio 2016, tra cui la maggior parte di quelli presenti nelle città di Roma, Milano, Venezia, Firenze, Torino, Palermo, Bari, che saranno gratuitamente visitabili da tutti. Sul sito beniculturali.it è presente l'elenco integrale di monumenti, musei, gallerie, scavi archeologici, parchi e giardini monumentali dello Stato aperti con tanto di localizzazione e orari.

Tra le tante opportunità di visita a Roma, la città che offre più opportunità nell'ambito di questa iniziativa, segnaliamo l'Anfiteatro Flavio ovvero il Colosseo, l'Area archeologica di Veio con il Santuario Etrusco dell'Apollo, la Basilica di San Cesareo de Appia, il Complesso archeologico di Malborghetto, il Complesso di Capo di Bove, il Complesso di Santa Maria Nova, la Crypta Balbi nel Museo Nazionale Romano, la Domus Aurea, il Foro romano e Palatino, Galleria Spada, la Galleria nazionale d'Arte antica in Palazzo Barberini, la Galleria nazionale d'Arte antica in Palazzo Corsini, la Galleria nazionale d'arte moderna e contemporanea, l'Istituto centrale per la grafica, il Monumento a Vittorio Emanuele II, il Museo Aristaios, il Museo Boncompagni Ludovisi per le arti decorative, il costume e la moda dei secoli XIX e XX, il Museo Hendrik Christian Andersen.

Non è evidentemente da meno Milano con l'Acquario e civica stazione idrobiologica, la Casa museo Boschi-di Stefano, il Castello Sforzesco, il Cenacolo Vinciano, la Galleria d'arte moderna, le Gallerie d'Italia, il Museo Studio Francesco Messina, il Museo archeologico, il Museo civico di storia naturale, il Museo del Risorgimento e Laboratorio di storia moderna e contemporanea, il Museo diocesano, Palazzo Morando e la Pinacoteca di Brera. La ricchezza di Venezia passa dalla Galleria "Giorgio Franchetti" alla Cà d'Oro, dalle Gallerie dell'accademia, dal Museo archeologico nazionale, dal Museo di Palazzo Grimani e dal Museo d'arte orientale.

Naturalmente Firenze è in prima fila con il Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi, la Galleria d'arte moderna, la Galleria degli Uffizi, la Galleria del costume di Palazzo Pitti, la Galleria dell'Accademia e Museo degli strumenti musicali, la Galleria palatina e appartamenti reali, il Giardino della Villa medicea di Castello, il Giardino delle Scuderie Reali e Pagliere, il Giardino di Boboli, il Museo archeologico nazionale, il Museo degli argenti, il Museo del Cenacolo di Andrea del Sarto, il Museo della Casa fiorentina antica a Palazzo Davanzati, il Museo delle Cappelle Medicee, il Museo delle porcellane, il Museo di Casa Martelli, il Museo egizio, il Museo nazionale del Bargello, il Parco di Villa Il Ventaglio, Villa Medicea della Petraia, Villa Pandolfini Carducci.

A Torino le porte aperte sono per l'Armeria Reale, Galleria Sabauda, Palazzo Carignano, Palazzo Reale e Villa della Regina. Infine, opportunità a Bari con il Castello svevo, il Museo e Pinacoteca d'Arte Medievale e Moderna della Città Metropolitana di Bari "Corrado Giaquinto", Palazzo Simi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il