BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ristrutturazione casa 2016, detrazioni, incentivi fiscali, bonus mobili, lavori,elettrodomestici, cucina 2016: cosa bisogna sapere

Sono state confermate per altri 12 mesi le detrazioni sull'acquisto di mobili ed elettrodomestici, ma agevolazioni ulteriori per gli under 35.




Prorogata fino al 31 dicembre 2016 la detrazione del 50%, ma su una spesa massima di 10.000 euro, riservata a chi acquista mobili e grandi elettrodomestici dopo aver ristrutturato la propria casa con la detrazione del 50% sul recupero edilizio. La detrazione deve essere ripartita tra gli aventi diritto in dieci quote annuali di pari importo. Il limite del tetto di spesa riguarda la singola unità immobiliare, pertinenze incluse. Il contribuente che esegue lavori di ristrutturazione su più unità immobiliari ha quindi diritto più volte al beneficio. La novità è l'introduzione di un'altra detrazione del 50% per l'acquisto dei soli mobili (spesa fino a 16.000 euro) destinata alle giovani coppie under 35 sposate o conviventi da almeno tre anni, che acquistano una casa da adibire ad abitazione principale.

Rietrano nella detrazione letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, materassi, apparecchi di illuminazione, così come elettrodomestici nuovi di classe energetica non inferiore alla A+ (A per i forni), come rilevabile dall'etichetta energetica. L'acquisto è comunque agevolato per gli elettrodomestici privi di etichetta, a condizione che per essi non ne sia stato ancora previsto l'obbligo. Rientrano frigoriferi, congelatori, lavatrici, asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi di cottura, stufe elettriche, forni a microonde, piastre riscaldanti elettriche, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento.

Per la detrazione sono necessari i seguenti interventi edilizi: manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia su singoli appartamenti. I lavori di manutenzione ordinaria su singoli appartamenti, come tinteggiatura di pareti e soffitti, sostituzione di pavimenti, sostituzione di infissi esterni, rifacimento di intonaci interni, non danno diritto al bonus. Di più: ricostruzione o ripristino di un immobile danneggiato da eventi calamitosi, se è stato dichiarato lo stato di emergenza.

E ancora: restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia, riguardanti interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie che entro 18 mesi dal termine dei lavori vendono o assegnano l'immobile. E infine: manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia su parti comuni di edifici residenziali.

Ristrutturazione Casa BONUS e DETRAZIONI. Vediamo quali sono i bonus, le detrazioni e le agevolazioni fiscali disponibili ora per la ristrutturazione di immobili di proprietà, in affitto e per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il