BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ferrari Azioni, quotazione alla Borsa Italia lunedì lunedì 4 Gennaio 2016. Quando, come e dove comprare e se conviene

Tutto pronto per l'approdo di Ferrari a Piazza Affari. La campanella suonerà alle 9. Ai soci del gruppo Fca un'azione ordinaria ogni dieci possedute.




Tutto pronto per lo sbarco di Ferrari in Borsa italiana. L'appuntamento con Piazza Affari è fissato per la giornata di lunedì 4 gennaio 2016. Non solo, ma c'è anche un orario, le 9 del mattino, e una serie di personalità del mondo sportivo, imprenditoriale e politico che parteciperanno alla cerimonia di inaugurazione. Si tratta del presidente di Fca, John Elkann, del numero uno della Ferrari, Sergio Marchionne, dell'amministratore delegato di Fca, numero due e figlio del fondatore, Piero Ferrari, dell'amministratore delegato Amedeo Felisa, del capo della Gestione Sportiva Maurizio Arrivabene e del presidente del Consiglio Matteo Renzi.

Ai soci del gruppo Fca sarà consegnata un'azione ordinaria della Casa di Maranello, quotata a Wall Street, ogni dieci possedute. Come rileva Pierluigi Bonora, giornalista del Giornale, per calcolare rapidamente il prezzo della componente Fca scorporata da Ferrari, basterà dividere il prezzo del titolo Ferrari (attualmente circa 42,50 euro) per 10 (4,25 euro) e sottrarre questo valore dal prezzo attuale del titolo Fca (ieri 13,10 euro, in crescita dello 0,77%). Di conseguenza, chi oggi possiede 10 azioni Fca al prezzo di 13,10 euro, disporrà il 4 gennaio, in apertura, di 10 azioni Fca a 8,85 euro e un'azione Ferrari a 42,5 euro. Di certo, l'Italia è il Paese del lusso e Ferrari dà lustro alla Borsa. La quotazione a Milano ha molto senso anche per il mondo dei derivati

Dando uno sguardo a quanto era successo a Wall Street nel giorno del debutto di Ferrari, risalente al mese di ottobre dello scorso anno, con il prezzo iniziale di 52 dollari, Fiat Chrysler Automobiles ha incassato per i 18,8 milioni di titoli messi in vendita poco meno di un un miliardo di dollari, pari a circa 870 milioni di euro al cambio attuale, per una valutazione della Ferrari di quasi 10 miliardi di dollari che corrispondono a circa 8,7 miliardi di euro. Il pacchetto di azioni collocato sul mercato da Fca con l'offerta pubblica iniziale è pari al 10% circa del capitale, compresa l'opzione di sovracollocamento, la cosiddetta greenshoe.

Secondo un analista, che nelle scorse settimane ha commentato l'ufficialità della notizia, lo sbarco in Piazza Affari è coerente con l'immagine del lusso di Ferrari, visto che la piazza italiana è ottimamente rappresentata se guardiamo a questo settore. I recenti ribassi potrebbero derivare dal fatto che il presidente Sergio Marchionne spinge sul concetto del lusso, ma resta da vedere se i numeri di Maranello sono realmente da società del comparto del lusso che, a differenza del Cavallino, non hanno vincoli di crescita.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il