BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ferrari e azioni quotate in Borsa Italiana da domani lunedì 4 gennaio. Quando e come acquistare azioni e se conviene

Tutto pronto per l'atteso debutto di Ferrari a Piazza Affari. Le quotazioni di Fca oscilleranno fra i 7 e i 9 euro?




Ferrari quotata in Borsa italiana. Le ipotesi che sembrano prendere piede riferiscono che potrebbe attestarsi tra i 7 e i 9 euro, rispetto ai 13,21 euro attuali. Dopo aver presentato domanda in vista della separazione di Ferrari Nn da Fiat Chrysler Automobiles Nv, l'azienda del Cavallino è alla vigilia della quotazione secondaria dopo l'approdo dello scorso ottobre a Wall Street. Come aveva spiegato la stessa società, Ferrari si fonde in Fe New Nv, che prima della fusione detiene le azioni di Ferrari ora in mano di Fiat Chrysler Automobiles. Fe New Nv diventa Ferrari Nv e le sue azioni ordinarie finiscono sul Mta e sul New York Stock Exchange. In calendario, dopo l'assemblea straordinaria di Fiat Chrysler Automobiles ad Amsterdam, c'è l'ingresso a Piazza Affari alle ore 9 di domani lunedì 4 gennaio 2016.

Le azioni verranno distribuite agli attuali soci Fca in ragione di un titolo Ferrari ogni dieci Fca e anche ai detentori delle obbligazioni convertibili Fca. La casa di Maranello passa sotto il controllo di Exor, la holding della famiglia Agnelli, con una quota del 24% che, grazie al meccanismo del voto multiplo olandese, peserà molto di più e faciliterà il controllo insieme a Piero Ferrari, il figlio del fondatore. Stando a Radiocor, sembra che Marchionne voglia cercare di dare nuova spinta al titolo in modo da poter trattare da una posizione di forza un'eventuale fusione carta contro carta con Gm che resta uno degli obiettivi del manager italo-canadese.

Il consiglio di un analista, così come riportato dal Giornale, il quotidiano di Milano che sta seguendo da vicino questo storico passaggio dell'azienda del Cavallino, "sarà buy, anche se vedo raffreddarsi, per ora, l'ipotesi nozze. Per il Lingotto, comunque, mi attendo un anno positivo grazie alle possibili nuove opportunità in Cina e il funzionamento a regime dell'impianto di Pernambuco, in Brasile, con il marchio Jeep sempre più forte e centrale. Maserati, poi, avrà a disposizione il Suv, Levante. Per Alfa partenza invece un po' zoppa, visto che la Giulia sarà in vendita a quasi un anno dalla presentazione avvenuta il 24 giugno scorso ad Arese".

C'è poi chi crede che Maranello dovrà trovare il modo per crescere indipendentemente dai volumi produttivi. Come? "Sfruttando il merchandising, tornando a trionfare in F1, con i ritorni pubblicitari e la creazione, dopo Abu Dhabi e Barcellona, di altri parchi tematici, a esempio negli Usa e in Asia. Oppure con l'acquisizione di una Casa motociclistica come Mv Agusta, però già nell'orbita Daimler-Amg, visto che in passato Ferrari aveva contribuito a sviluppare il motore della F4".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il