BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità continuano vedute differenti tra conferme e smentite quota 100, quota 41, riforma: ultime giovedì oggi

Nella crisi diplomatica fra Arabia Saudita e Iran sono in tanti a cercare una mediazione, tra cui Russia e Stati Uniti.




Le novità sulle pensioni sono sempre al centro dell'attenzione, come riferiscono le ultime notizie aggiornate a oggi giovedì 6 gennaio 2016, ma centrarle non è evidentemente così semplice.

Pensioni. Non c'è uniformità di vedute sul percorso che l'Italia deve intraprendere per migliorare il sistema delle pensioni. Di novità se ne parla da tempo, ma come riferiscono le ultime notizie, c'è molta divergenza che sfocia in vera e propria confusione. Il presidente della Camera suggerisce l'introduzione dell'assegno universale, come del resto già invocato dal ministro dell'Economia, ma comunque finanziato dall'Europa. Per il presidente del Consiglio, le pensioni non sono al centro dell'agenda politica, mentre per il presidente della Repubblica occorre intervenire nel più ampio contesto del welfare per contrastare la disoccupazione giovanile.

Il viceministro dell'Economia dice no a modifiche sulle pensioni, o meglio, le fa dipendere dal rilancio dell'economia in Italia. Il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali non riesce a incidere nella riforma della pensioni in Italia e spiega come la situazione sociale sia ancora difficile, "ma ci sono già segnali di miglioramento che si rafforzeranno anche grazie alla nostra politica economica espansiva. Cresceranno i consumi, gli investimenti e l'occupazione". Tuttavia, almeno sul versante previdenziale, non indica nuove misure concrete per imprimere quell'attesa svolta che non arriva, se non il rafforzamento delle misure previste nella manovra.

Riforma fallimento. Cambiano le regole sul fallimento. Nella riforma è prevista la sua sostituzione con la liquidazione giudiziale. La legge delega potrebbe finire in Consiglio dei ministri già a metà di questo mese. Per la prima volta dal 2011 i fallimenti in Italia sono in diminuzione: i dati di Infocamere, la società di informatica che fa capo all'Unioncamere oggi presieduta da Ivan Lo Bello, dicono che nei primi undici mesi del 2015 hanno fatto crac 12.583 imprese, il 4,8% in meno rispetto ai 13.223 dell'anno precedente. Ma il maggior numero di procedure si registra ancora nel cuore economico del Paese, con il più elevato tasso di fallimenti in Lombardia (2,8 per mille imprese contro una media nazionale di 2,1). Al secondo posto il Lazio (1.461) e al terzo il Veneto (1.162).

Tensione Arabia-Iran. Nella crisi diplomatica fra Arabia Saudita e Iran, dopo l'assalto all'ambasciata saudita a Teheran seguita all'esecuzione di un imam sciita a Riad, Mosca si è detta pronta a fare da mediatrice per normalizzare le relazioni. Anche l'Occidente prova a muoversi per fermare l'escalation: il segretario di Stato americano, John Kerry, ha parlato tra domenica e ieri con i ministri degli Esteri dei due Paesi per raffreddare le tensioni. E anche l'Unione europea ha richiamato i due Paesi alla responsabilità per evitare un'escalation in una situazione molto volatile. Analoghi inviti al dialogo, nel dettaglio, anche da Berlino e Parigi, ma Teheran continua ad accusare Riad di cercare conflitti per sopravvivere perché si sente "isolata dalle accuse di sostegno al terrorismo".

Riforma assicurazione bicicletta. La proposta porta la firma della Federazione ciclistica italiana: un'assicurazione a tutela dei ciclisti in caso di infortunio. Non solo: dalle spese mediche alla tutela per i danni ai terzi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il