BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie prospettive e novità ufficiali dai discorsi di fine anno quota 100, quota 41, mini pensioni

Lo sforzo di introdurre novità sulle pensioni è sempre presente nei discorsi, ma come riferiscono le ultime notizie dalle parole ai fatti il passo è lungo.




La questione delle pensioni continua a essere al centro del dibattito politico alla ricerca di novità di introdurre nel più breve tempo possibile. In fin dei conti è inevitabile alla luce delle ultime notizie sullo stato della previdenza italiana associato all'imbarazzante tasso di disoccupazione giovanile. Tra gli interventi più recenti si registra quello di Laura Boldrini, presidente della Camera. Non si tratta di una novità assoluta in senso stretto poiché sulla proposizione dell'assegno universale come forma di sostegno al reddito per i più bisognosi discute da tempo la politica italiana. A suo dire, la sua previsione è indispensabile in prima battuta per una questione di dignità. La sua invocazione fa il paio con quella di alcuni mesi fa del ministro dell'Economia.

In comune c'è la richiesta di intervento ovvero di finanziamento da parte dell'Unione europea. Sotto quest'ultimo punto di vista, è difficile che arrivino fondi ad hoc per sostenere l'introduzione dell'assegno universale. Tuttavia Bruxelles, al contrario di quanto accade con altre misure di cambiamento delle pensioni, è favorevole rispetto a questa possibilità poiché trova spazio anche in altri Paesi. A detta di Laura Boldrini, "l'adozione di una misura concreta, come lo sarebbe il reddito di dignità europeo per i più indigenti" può cambiare la percezione dell'Europa "che verrebbe considerata finalmente un'istituzione attenta ai bisogni delle persone".

Sulle pensioni a posizione del premier non è mai stata chiara e definita. Al di là di qualche annuncio dal sapore propagandistico non è mai stata illustrata una strategia sulla ristrutturazione del sistema previdenziale. Di certo c'è che le norme attuali non saranno stravolte perché sono in grado di contenere la spesa e assicurare ingenti risparmi alle casse dello Stato. Tra le ultime notizie circolate nei giorni scorsi c'è quella che lega la revisione del sistema delle pensioni all'aumento delle tasse perché, come è noto, l'assenza di coperture economiche ha sempre frenato l'introduzione di cambiamenti profondi e significativi che vadano al di là di aggiustamenti marginali.

Si accennava alle discrepanze sociali che non sono passate nell'indifferenza del presidente della Repubblica. Nel suo primo discorso di fine anno ha ricordato il dramma della disoccupazione giovanile che si può evidentemente combattere dando vita a una vera staffetta generazionale sui posti di lavoro favorendo il pensionamento con qualche anno di anticipo. A detta del capo dello Stato, "i giovani che provengono da alcuni ambienti sociali o da alcune regioni hanno più opportunità: dobbiamo diventare un Paese meno ingessato e con maggiore mobilità sociale".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il