BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni, riforma partita Iva minimi, forfettaria, indulto, amnistia, riforma canone Rai in bolletta: novità oggi venerdì

Il canone Rai è finito nella bolletta elettrica. L'importo è di 100 euro e la prima rata di 70 euro si pagherà a luglio.




Ci sono alcune novità sulle pensioni che, stando quanto riferiscono le ultime notizie aggiornate a oggi venerdì 8 gennaio 2016, potrebbe trovare spazio nel dibattito.

Pensioni. La speranza è che il nuovo anno possa portare maggiori novità sulle pensioni rispetto a quanto hanno riservato gli ultimi 12 mesi. Nonostante il gran parlare che si è fatto a ritmo praticamente quotidiano, poco è stato fatto per correggere l'attuale legge che, a detta dell'intero arco politico, è suscettibile di miglioramenti. Le proposte più incisive sono state messe da parte per assenza di coperture economiche. Si va dall'applicazione di quota 100 nelle sue varie versioni al ricalcolo di tutti gli assegni con il contributivo, dall'introduzione di quota 41 per i lavoratori precoci alle mini pensioni ovvero alla concessione di quella somma che permetterebbe agli over 55 disoccupati di congedarsi in attesa della maturazione dei requisiti richiesti.

Se c'è però una misura che potrebbe trovare maggiormente spazio sul tavolo del confronto è quella dell'assegno universale. Le ragioni sono di due tipi. La prima è l'appoggio di quasi tutte le forze politiche. Non tutti, intendiamoci, immaginano lo stesso tipo di assegno universale, ma in linea di massima si tratta di uno strumento ritenuto quasi unanimamente necessario. L'ultimo, in ordine di temppo, a invocare la sua introduzione è stato il presidente della Camera. In seconda battuta, essendo l'Italia, oltre alla Grecia, il solo Paese a non prevedere l'assegno, ecco che l'Unione europea non si opporrebbe alla sua implementazione. Rimane però il punto centrale: chi lo finanzia?

Partita Iva minimi, forfettaria. Per quanto riguarda il regime agevolato delle partite Iva, da quest'anno è in vigore solo quello forfettario con aliquota al 15%, tetto di ricavi aumentato (30.000 euro per i professionisti) e con l'abolizione dei vincoli di età per l'accesso e di durata per il mantenimento. Per l'accesso ai fondi europeo Fse e Fers, i liberi professionisti sono ora equiparati alle piccole e medie imprese.

Indulto, amnistia. Non c'è ancora la calendarizzazione dell'esame dei disegni di legge su amnistia e indulto che vanno verso l'unificazione. Nel frattempo il sindacato Sappe sollecita l'amministrazione penitenziaria a mettere in sicurezza la casa di reclusione di Alba, dopo i recenti casi di legionella, garantendo al personale di Polizia Penitenziaria e agli altri detenuti del carcere una adeguata opera di prevenzione e bonifica.

Canone Rai in bolletta. Il canone Rai è finito nella bolletta elettrica con importo ridotto da 113,50 a 100 euro e pagamento rateale. La prima tranche, solo per quest'anno, è calendarizzata per il mese di luglio e sarà pari a 70 euro. Dal 2014 le rate saranno invece 10 e a pari a 10 euro ciascuna. L'imposta è dovuta solo sulla prima casa e solo nel caso di detenzione di un televisore, che sarà dato per certo nel caso di intestazione di una bolletta elettrica. Per i pensionati oltre i 75 anni sale da 6.500 a 8.000 euro il tetto di reddito sotto al quale si ottiene l'esenzione del canone Rai.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il