BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità cambiamenti riforma pensioni diversi da prima di M5S, Nuova Sinistra, Pd, Fi, Lega: novità oggi martedì

Poste italiane deve permettere la vendita delle SIM di tutti i gestori e non solo di Poste Mobile. Lo ha stabilito l'Antitrust.




NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 17:07 martedì 12 Gennaio 2016): Anche l'assegno universale è un metodo completamente rivisto rispetto all'origine inserito come novità per le pensioni e nella riforma pensioni anche se all'origina doveva servire per garantire un reddito a tutti. Ora, invece, tranne che il Movimento 5 Stelle, ma che inizierebbe sicuramente dai pensionandi, come riportano le ultime notizie e ultimissime, si trattarebbe di un sistema per arrivare alle pensioni dove, però, vi sono anche delle differenze tra chi lo vorrebbe un metodo legato al lavoro legando solo alla ricerca attiva di essa e chi, invece, lo darebbe comunque, ad una certà e in certe condizioni. Lo stesso Pd è diviso al suo interno. E per l'assegno universale, comunque, vi è la convergenza anche dei piani alti della politica con il Ministro dell'Econonomia e la Boldrini che stanno portando avanti il discorso anche in Europa.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 13:32 martedì 12 Gennaio 2016):  Il sistema delle mini pensioni all'interno della rivisitazione delle novità è anch'esso cambiato in questa logica che stiamo spiegando di come la riforma pensioni pensata all'origine è via via cambiata come riportano le ultime notizie e ultimissime. Da sistema per diminuire semplicemente le penalità affiancando quota 100 o quota 41 ora è diventato un metodo a sè stante consentendo di andare in pensione con circa tre anni prima con un importo pagato per un terzo a fondo perduto e due terzi da ripagare a rate quando si avrà il beneficio reale delle pensioni

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 10,36 martedì 12 Gennaio 2016): Per quanto riguarda, ad esempio, quota 100 vi sono  tre versioni come novità per le pensioni da almeno cercare di far approvare come sistema di prova. Il Partito democratico, raccogliendo le ultime notizie e ultimissime, ha ricambiato il metodo affiancando a quello "tradizionale" un altro basato su una età più alta 64-65 anni con sempre delle penalità. Altrimenti un terzo metodo è quello di quota 100 sempre a 62 anni, ma con penalità molto alte anche fino al 30%.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 19:33 lunedì 11 Gennaio 2016): Le varie forze politiche hanno già iniziato o meglio hanno continuato le proprie affermazioni con riguardanti le novità sulle pensioni che sono d'altra parte al centro dell'attenzione quanto mai prima. E in base alle ultime notizie e ultimissime sono cambiati anche almeno in parte i metodi e gli obiettivi prefissati come abbiamo visto nel pargrafo sotto e vederemno dopo nel dettaglio

Non c'è uniformità nella politica italiana sulle misure da introdurre per migliorare le pensioni. Le posizioni aggiornate a oggi lunedì 11 gennaio 2016.

Pensioni. La difficoltà a introdurre novità sulle pensioni si spiega anche con la diversità di posizioni dei partiti politici. Il Movimento 5 Stelle gioca le sue carte sull'assegno universale pari a 7.200 euro ovvero 600 euro mensili netti. Il concetto chiave è soglia di povertà relativa ovvero il valore calcolato dall'Istat che definisce il valore di spesa per consumi al di sotto del quale una famiglia viene considerata povera in termini in relazione al livello economico medio di vita dell'ambiente o del Paese. Se la Nuova Sinistra chiede la cancellazione delle attuali norme sulla previdenza, la minoranza del Partito democratico si muove attorno alla proposta che prevede il ritiro a 62 anni con 35 anni di contributi e penalizzazione massima sull'assegno dell'8%.

Per la Lega le norme in vigore vanno abolite o, in subordine, va applicata quota 100, la somma di età anagrafica e anni di contribuzione da raggiungere per accedere al trattamento previdenziale. Forza Italia ha una visione simile e aggiunge l'aumento degli assegni minimi. Poi ci sono i cinque punti del progetto dell'Istituto d previdenza italiano: l'assegno universale, l'unificazione dei trattamenti, l'armonizzazione dei regimi, le uscite flessibili, maggiori contributi aggiuntivi.

Riforma agroalimentare. Porta la firma di Silvio Muccino lo spot sull'agroalimentare italiano che sta per invadere New York, California, Texas e Illinois. Il filmato sarà visibile anche sul grandi schermi digitale del Times Square, nel cuore di Manhattan. L'iniziativa si inserisce nella più ampia politica promozionale dei prodotti italiani per farli arrivare sugli scaffali di oltre 1.000 punti vendita degli States. La somma complessiva investa dall'esecutivo italiano è stata di 50 milioni di euro.

Indulto, amnistia. Si resta ancora in attesa dell'unificazione dei disegni di legge su amnistia e indulto che deve ancora essere calendarizzata. Sulla questione carceri fanno invece ancora discutere le dichiarazioni di Andrea Orlando, ministro della Giustizia, rilasciate alla Repubblica. Secondo il Guardasigilli, "il primo passo consiste nel risolvere il problema del sovraffollamento. Do un dato inedito: entro sei mesi arriveremo, per il calo dei detenuti in attesa di giudizio e l'apertura di nuovi istituti, all'equilibrio tra numero dei detenuti e posti disponibili".

Riforma Poste. Negli uffici postali italiani dovrà essere permessa la vendita delle SIM di tutti i gestori e non solo di Poste Mobile. Lo ha stabilito l'Antitrust che ha accolto il ricorso di H3G ovvero di 3 Italia che aveva lamentato la negazione dell'accesso "ai beni e servizi di cui ha la disponibilità esclusiva in relazione alla gestione del servizio universale a condizioni equivalenti a quelle offerte alla controllata Poste Mobile". Secondo l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, "la documentazione acquisita nel corso dell'ispezione dimostra che Poste Italiane ha portato avanti una condotta dilatoria al fine di procrastinare la risposta ad H3G".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il