Mutuo 2016 tasso variabile o fisso: quale conviene scegliere. Consigli per quest'anno 2016

La scelta del mutuo da sottoscrivere in questo 2016 è molto importante e deve essere effettuata sulla base di alcune indicazioni ben precise.

Mutuo 2016 tasso variabile o fisso: qual


Quale mutuo scegliere in questo 2016? A tasso fisso o variabile? Si tratta di domande le cui risposte non sono univoche e dipendono da molti indicatori, la maggior parte dei quali sono di carattere personale. Occorre valutare il proprio reddito e, per chi non ha un'entrata fissa, le aspettative in prospettiva e determinare la propria disponibilità sottratte le spese ordinarie. E poi ci sono ragioni di carattere più generale, riguardanti l'andamento dell'economia, che sono da tenere in debita considerazione soprattutto per chi sceglie la soluzione del tasso variabile, suscettibile alle oscillazioni di un parametro di riferimento ovvero un tasso di mercato o di politica monetaria.

Ebbene, a parità di durata, i tassi variabili, anche e soprattutto in questo inizio 2016, sono più bassi di quelli fissi, ma possono aumentare nel tempo, facendo così aumentare l'importo delle rate. Questa soluzione è consigliabile a chi preferisce un tasso in linea con l'andamento del mercato ed è quindi in grado di sostenere eventuali aumenti dell'importo delle rate. In questo contesto ricopre un ruolo fondamentale lo spread ovvero la differenza tra il parametro di riferimento e il tasso effettivamente applicato. La tendenza è quella di un calo progressivo. In genere, i parametri di riferimento per il tasso variabile sono l'Euribor o il tasso ufficiale fissato dalla Banca centrale europea.

Per il tasso fisso è invece l'Eurirs. Con il mutuo a tasso fisso, la rata da versare è la stessa fino alla fine del contratto. Nel lungo periodo può essere una strada vantaggiosa, ma non sarà possibile sfruttare eventuali riduzioni dei tassi di mercato. Di conseguenza, è suggerito a chi vuole certezze sugli importi delle singole rate e dell'ammontare complessivo del debito da restituire. In realtà, esiste anche una terza soluzione: il mutuo a tasso misto, il cui tasso di interesse può passare da fisso a variabile o da variabile a fisso con scadenze fisse e sulla base delle condizioni indicate nel contratto.

Attenzione poi ai costi aggiuntivi ovvero il compenso all'intermediario per le spese di istruttoria; le spese di perizia, che possono essere richieste per la valutazione dell'immobile da ipotecare; le spese notarili per il contratto di mutuo e l'iscrizione dell'ipoteca nei registri immobiliari; il costo del premio di assicurazione a copertura di danni sull'immobile; gli interessi di mora in caso di pagamenti ritardati; la commissione annua di gestione della pratica, le spese per l'incasso rata, le spese per l'invio di comunicazioni.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il