BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni regole ufficiali 2016 per andare in pensione. Calcolo età, contributi, requisiti.

Riduzione di Tasi e Imu per le abitazioni ai separati che l'hanno lasciata all'ex coniuge e per quelle in comodato ai figli.




La novità pensioni 2016 più importante è senza dubbio l'aumento dell'età richiesta per il congedo. Le ultime notizie, aggiornate a oggi giovedì 14 gennaio 2016, non fanno completamente chiarezza sul canone Rai.

Pensioni. Nuove regole per andare in pensione per effetto dell'aumento delle speranze di vita di quattro mesi. I lavoratori del comparto pubblico non potranno congedarsi prima del compimento di 66 anni e 7 mesi. Le lavoratrici del settore privato potranno farlo a 65 anni e 7 mesi, quelle autonome a 66 anni e 1 mese. Cambia anche il requisito contributivo: 42 anni e 10 mesi per gli uomini, 41 anni e 10 mesi per le donne. Capitolo deroghe, 60 anni e 7 mesi (55 anni e 7 mesi per le donne) per la pensione di vecchiaia per invalidi non inferiori all'80%; 55 anni e 7 mesi (50 anni e 7 mesi per le donne) per la pensione di vecchiaia per non vedenti.

E ancora: 65 anni per i dirigenti medici e del ruolo sanitario, responsabili di struttura complessa; 70 anni per magistrati e professori universitari di prima fascia; 65 anni per ricercatori universitari e professori associati; quota 97,6 con almeno 61 anni e 7 mesi di età e 35 anni di contributi per chi svolge attività prevalentemente usuranti ovvero un'attività faticosa, pesante e notturna per almeno 78 giorni. Per i salvaguardati, poi, la nuova quota da raggiungere come somma di età anagrafica e anni di contribuzione è 97,6 rispetto all'attuale 97,3.

Canone Rai. L'imposta sarà legata al possesso di un televisore e solo sulla prima casa. Sarà corrisposto attraverso la bolletta elettrica con 10 rate da 10 euro, ma solo per questo 2016 il primo appuntamento è a luglio e sarà pari a 70 euro. Fino allo scorso, il versamento doveva essere effettuato entro il 31 gennaio, ma il contribuente poteva scegliere la doppia rata, il 31 gennaio e il 31 luglio, o addirittura la distribuzione dell'importo in quattro: il 31 gennaio, il 30 aprile, il 31 luglio e il 31 ottobre. Il canone Rai 2016 non è legato a smartphone, tablet e PC, anche se possono accedere alla programmazione online di Viale Mazzini.

Contratti statali. Le posizioni sono ben note: l'esecutivo procederà al rinnovo dei contratti degli statali, ma non andrà al di là di quei 300 milioni di euro inizialmente prospettati. E poco inciderano le protesti dei sindacati che fanno notare come la crescita dell'importo in busta paga sarà di circa 10 euro lordi al mese. In ogni caso, la prossima moss aè la riduzione del numero dei comparti pubblici da 11 a 4 ovvero Funzioni centrali che include ministeri, presidenza del Consiglio, Agenzie fiscali e enti previdenziali, Scuola (Università e ricerca), Sanità, Enti locali. L'Aran, l'Agenzia per la rappresentanza negoziale della pubblica amministrazione, sta proseguendo le operazioni su mandato del Ministero per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione.

Tasi, Imu. Non c'è solo la cancellazione dell'Imu e della Tasi sulle prime case, tranne quelle di lusso, quelle signorili e i castelli, e della Tasi, ma anche la riduzione delle imposte per le abitazioni ai separati che l'hanno lasciata all'ex coniuge e per quelle in comodato ai figli. Con la nuova manovra sparite Tasi e Imu anche sui terreni agricoli purché di proprietà di coltivatori diretti o imprenditori agricoli professionali e sugli imbullonati ovvero sui macchinari delle imprese ancorati al terreno.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il