BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Canone Rai 2016: chiarimenti e spiegazioni ancora necessarie e regole ufficiali prima casa, seconda casa, tv, computer, tablet

Nonostante i primi chiarimenti di Rai e Agenzia delle entrate, sono ancora tanti i dubbi relativi al canone Rai 2016 in bolletta.




Ci sono ancora tanti dubbi sul pagamento del canone Rai 2016 in bolletta elettrica. Già, perché se in teoria sembra tutto più semplice e anche relativamente più piacevole considerando la riduzione dell'importo a 100 euro, in realtà sono necessari diversi chiarimenti. Il pilastro su cui si base l'imposta è il possesso di un televisore ovvero di "di uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni radiotelevisive indipendentemente dalla qualità o dalla quantità del relativo utilizzo", che viene dato per certo se è intestata la bolletta della luce. Se non è così, spetta al singolo contribuente dimostrarlo all'Agenzia delle entrate, ricordando che non è più possibile dichiarare il suggellamento.

L'imposta è dovuta solo sulla prima casa, anche in affitto. Ma come metterla con gli studenti fuori sede che ha cambiato residenza e che vive in un'abitazione in cui l'utenza è intestata al padrone di casa? E con la badante che vive in casa? E con i fidanzati e conviventi? Rispetto a questi dubbi occorrono le istruzioni dell'Agenzia delle entrate.

Tenendo presente che gli arretrati possono essere richiesti fino a 10 anni, nel caso di mancato pagamento del canone Rai 2016 sono previste multe fino a 500 euro, ma non l'interruzione della fornitura della corrente. Sulla bolletta elettrica, la voce del canone sarà indicata separatamente da quella del consumo di energia elettrica. Può essere utile un confronto con il passato: fino al 2015, i ritardatari entro i 30 giorni successivi alla data di scadenza, erano soggetti a una sanzione pari a 4,47 euro ovvero a 1/12 dell'importo per ogni semestre. Trascorso questo primo mese, la quota saliva fino a 8,94 euro ovvero 1/6 del canone per ogni semestre. La cifra massima comminata era di 619 euro, al netto delle tasse di versamento postale o delle eventuali commissioni dovute per le altre modalità.

A essere esentati dal versamento dl canone Rai 2016 sono gli anziani con più di 75 anni di età e reddito fino a 8.000 euro tra tutti i membri della famiglia. Portafogli chiuso anche per i militari delle Forze Armate Italiane, limitatamente a ospedali militari, case del soldato e sale convegno dei militari; quelli di cittadinanza straniera appartenenti alle Forze Nato; gli agenti diplomatici e consolari stranieri accreditati in Italia a condizione che nel Paese siano applicate misure corrispondenti per quelli italiani; le imprese che esercitano l'attività di riparazione o commercializzazione di apparecchiature di ricezione radio televisiva.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il