BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novitÓ indicazioni riforma pensioni nuove De Micheli, Morando, Zanetti, Padoan, Poletti: novitÓ oggi mercoledý

Verso la cancellazione degli 89 centesimi l'anno chiesti per continuare a utilizzare WhatsApp. Visita storica di papa Francesco in Sinagoga.




​NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 13:52 oggi mercoledì 20 Gennaio 2016): ​Dunque il dibattito sembra molto aperto per quanto riguarda le novità sulle pensioni all'interno dello stesso Dicastero dell'Economia tra tante affermazioni, spiegazioni, ultime notizie e ultimissime sulla riforma pensioni reale o presunta tale. lo si capisce leggendo solo le affermazioni che abbiamo riportato. E anche Padoan è dovuta intervenire, ma nell'ultimo periodo, negli ultimi due mesi quasi, non ha detto nulla. L'ultima sua dichiarazione non riguarda nemmeno direttamente la riforma delle pensioni, ma un suo importante corollario ovvero l'assegno universale da fare a livello europeo. E come detto, spesso, il silenzio è una risposta più che eloquente.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 10:44oggi mercoledì 2O Gennaio 2016): Un'altra delle persone più affidabili sulle nvoità per le pensioni è Zanetti che fa parte del Dicastero dell'Economia come Morando. E anche lui negli ultimi giorni come riportano le ultime notizie e ultimissime ha dato indicazioni che non c'è nessuna conferma per quanto​ cambiamenti singoli o strutturali nè confermando del tutto, nè smentendo. Lui stesso si è detto d'accordo su puù punti con il piano dell'Istituto di Previdenza, riaffermando l'importanza di un ricalcolo sull pensioni più alte per permetetre sistemi di uscita prima, ma ha anche affermato di condividere l'esigenza di una revisione della ricongiunzione onerosa e del cumulo.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 17:42 oggi martedì 19 Gennaio 2016): Tra l'altro Morando è una delle persone più affidabili per quanto riguarda le nvoità per le pensioni (non che vogliamo mettere in discussione l'impegno e l'affidabilità della De Micheli) in quanto come abbiamo riportato nelle ultime notizie e ultimissime, spesso, le sue parole sono sempre state confermate o quasi anche, per esempio, nel precedente iter quando aveva detto chiaramente che non c'era spazio per le pensioni, usando per primo le parole della non esistenza in quel momento di volontà politica, molto forti e molto importanti. Non rientrava nelle priorità e nelle strategie e lui l'ha detto per primo.

​NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 12:36 oggi martedì 19 Gennaio 2016): Tra le affermazioni sulle novità delle pensioni vi sono alcune indicazioni contrarie tra di loro che lasciano abbastanza basite e con ultime notizie e ultimisime che vengano cambiate alla velocità della luce affermando tutto e il contrario di tutto. Ad esempio, nello stesso Dicastero prima la De Micheli parla di un inizio di confronto per le pensioni a partire dalla primavera, smentendo di fatto Morando che avevano detto che non era previsto nulla. Poi, Morando, riapre almeno parzialmente dicendo che si sta analizzando una possibile programmazione. Ma è solo, un esempio.

​NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 22:07 oggi lunedì 18 Gennaio 2016):Senza sosta continuano le novità per le pensioni all'interno delle affermazioni di politici ed autorità più che, purtroppo, da atti concreti come rivelano le ultime notizie e ultissime oggi e ogni giorno. E alcune volte anche il silenzio appare dare indicazioni più importanti che tante parole.

Come dimostrato dalle ultime notizie aggiornate a oggi lunedì 18 gennaio 2016, il dibattito sulle novità pensioni continua a rimanere molto acceso.

Pensioni. Il dibattito sulle novità pensioni procede senza soluzione di continuità, come dimostrato dai continui interventi. Tra gli ultimi a dire la propria c'è Potito Salatto, vicepresidente Popolari per l'Italia, che prova ad aprire un duello a distanza con il presidente del maggiore istituto di previdenza italiana, invitandolo a impegnarsi nella riforma della governance dell'istituto anziché di trovare nuove soluzioni per cambiare il sistema della previdenza in Italia. Da parte sua, Giuliano Poletti, ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, continua ad assumere una posizione piuttosto attendista, spiegano come l'esecutivo sia ancora impegnato alle necessarie valutazioni.

Più netto, anche se di chiusura, è l'orientamento di Pier Carlo Padoan, ministro dell'Economia. La sola apertura è stata in relazione all'introduzione dell'assegno universale, purché finanziato dall'Europa. E se Maria Elena Boschi, ministro per le Riforme Costituzionali e per i Rapporti con il Parlamento, invita a non legare il mancato invio della busta arancione con la proposta di tagliare i vitalizi dei politici, così come suggerito dallo stesso presidente dell'Inps, Enrico Morando, viceministro dell'Economia, subordina i cambiamenti nelle pensioni alla ripresa economica del Paese. Infine, Paola De Micheli, sottosegretario all'Economia, sposta l'attenzione sui lavoratori precoci, per i quali chiede l'applicazione della cosiddetta quota 41.

Riforma WhatsApp. WhatsApp gratis per tutti? Sembra proprio di sì, stando a quanto di legge nel blog ufficiale: "Nel corso della nostra crescita ci siamo resi conto che questo modello non ha funzionato bene. Molti utenti non hanno la carta di credito e sono preoccupati di perdere il contatto con i loro familiari dopo il primo anno gratuito". In buona sostanza potrebbero sparire quegli 89 centesimi l'anno (a partire dal secondo) che vengono richiesti ai consumatori per continuare a fruire del servizio di messaggistica istantanea.

Papa alla Sinagoga. Visita storica di papa Francesco in Sinagoga: "Siete nostri fratelli e sorelle maggiori". Il Rabbino capo di Roma ieri ha donato al Papa un quadro del pittore Georges De Canino raffigurante una menorah e un calice mentre ha ricevuto un codice vaticano del XIV secolo. Al termine della visita del pontefice, il coro ha intonato il canto dei deportati verso il forno crematorio: tutti si sono alzati in piedi. Già il 17 gennaio 2010 papa Ratzinger incontrò, poco prima della sua visita alla sinagoga, il rabbino capo Riccardo Di Segni rendendo omaggio agli oltre mille ebrei di Roma che vennero deportati nei campi di concentramento nazisti.

Riforma polveri sottili. Lo scenario prospettato dall'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico è catastrofico: entro il2050 sono da mettere in conto 3,6 milioni di morti all'anno per l'inquinamento dell'aria. Il tutto, naturalmente, se non saranno prese adeguate misure di contrasto alle polveri sottili. Nelle sei pagine dello snello rapporto si mette in guardia da cambiamenti irreversibili che annullerebbero i benefici ottenuti in due secoli di miglioramento della qualità della vita.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il