BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu e Tasi 2016: guida, domande e risposte, istruzioni

Sono diverse le novità previste per quest’anno per la tassazione sulla casa: chi continuerà a pagare Imu e Tasi e chi invece no. Quello che c’è da sapere




Milioni di contribuenti itali ani da quest’anno saranno alle prese con diverse novità relative alla tassazione sulla casa. In moltissimi casi si tratterà di cambiamenti decisamente positivi per Imu e Tasi. Cerchiamo di spiegare quali sono tali cambiamenti e per chi valgono.

Quali sono le principali novità di Imu e Tasi 2016?

Le novità principali per questo nuovo 2016 prevedono innanzitutto la cancellazione della Tasi sulla prima casa e per gli inquilini purchè non siano proprietari di un’altra abitazione, e l’abolizione dell’Imu su tutti i terreni agricoli, indipendentemente dalla loro classificazione Istat, e sugli imbullonati.

Chi continuerà a pagare Imue Tasi?

Continueranno a pagare l’Imu i proprietari di tutti gli altri immobili, vale a dire seconde case e pertinenze, ma anche prime case di lusso, ville e palazzi, immobili commerciali, cioè negozi, uffici, capannoni, aziende, imprese, secondo le ormai classiche modalità conosciute e nelle due consuete rate di acconto di giugno e saldo di dicembre, e continueranno a pagare la Tasi secondo le classiche modalità previste finora i proprietari di tutti gli altri immobili ad eccezione delle prime case.

Cosa cambia per pagamento tasse sulle casa data in comodato ai figli?

Il proprietario di casa che concede il proprio immobile in comodato d’uso gratuito a figli e partenti in linea retta da quest’anno può ottenere un bonus fiscale pari al 50% dell’imponibile Imu e Tasi 2016. Per ottenere l’agevolazione fiscale bisogna presentare: registrazione del contratto di comodato d’uso gratuito a figli e parenti in linea retta di primo grado e il costo per la registrazione del contratto è di 216 euro, di cui 200 per l’imposta di registro e 16 per la marca da bollo; e la registrazione deve essere richiesta entro 20 giorni dalla data della stipula dell’atto. Il comodante deve, inoltre, presentare la dichiarazione Imu 2016 entro il 30 giugno 2017 poiché le condizioni di accesso sono cambiate rispetto alle precedenti dichiarazioni.

Cosa cambia per Imu e Tasi di case affittate e genitori separati?

Da quest’anno è previsto uno sconto Imu del 25% sulle seconde case affittate per i proprietari che decideranno di affittarla a canone concordato a un soggetto che la utilizzerà come abitazione principale, novità non valida, però, per gli immobili di lusso. E’ prevista anche un’esenzione dal pagamento Imu per i separati che lasciano il coniuge nell’abitazione familiare e si trasferiscono in un altro immobile utilizzato come prima casa, e gli appartenenti alle forze dell’ordine che, pur possedendo un’abitazione, devono trasferirsi in un’altra città per motivi di lavoro.

Quali sono le altre agevolazioni Imu e Tasi previste per il 2016?

Da quest’anno, Imu e Tasi non si pagano sugli immobili invenduti, cioè quelli realizzati dalle imprese di costruzione ma non venduti, che saranno esenti dal pagamento dell’Imu e saranno destinati dall'impresa costruttrice alla vendita fino a quando non verranno, per esempio, locati. Fino al momento di vendita o affitto, inoltre, l’aliquota della Tasi è stata fissata allo 0,1% che può essere aumentata dai Comuni fino al massimo dello 0,25% o essere anche azzerata. Pagano inoltre la Tasi, ma ridotta di due terzi, gli italiani residenti all’estero e iscritti all’Aire, ma l’agevolazione fiscale vale solo per le abitazioni non locate né concesse in comodato e per i proprietari già pensionati nei rispettivi Paesi esteri di residenza, mentre i rifugi alpini non custoditi e i bivacchi sono esenti dal pagamento Imu ma devono pagare la Tasi.
 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il