Bce vede disavanzo Italia molto superiore a 3% in 2005 e 2006

La Banca centrale europea non è soddisfatta delle misure annunciate dall'Italia per contenere il disavanzo quest'anno e il prossimo e prevede che il deficit si allarghi a ben oltre il 3% del Pil



La Banca centrale europea non è soddisfatta delle misure annunciate dall'Italia per contenere il disavanzo quest'anno e il prossimo e prevede che il deficit si allarghi a ben oltre il 3% del Pil.

"Ci si attende un allentamento delle politiche di bilancio" in Italia e Portogallo per il 2005 e il 2006 "che si tradurrà in disavanzi ampiamente superiori al 3%, dal momento che gli interventi di risanamento annunciati sono insufficienti a compensare il venir meno delle misure temporanee ed altri andamenti di bilancio sfavorevoli", si legge nell'ultimo Bollettino della banca centrale.

Martedì la Commissione europea ha aperto una procedura di infrazione nei confronti dell'Italia per aver realizzato nel 2003 e 2004 un deficit/Pil del 3,2% e nella previsione che anche quest'anno venga chiuso fuori dal valore di riferimento del 3%.

Nelle previsioni di Bruxelles il deficit italiano sarà nel 2005 nell'ordine del 3,6% e il prossimo al 4,6% ma la Banca d'Italia ha indicato per l'anno in corso un disavanzo ancora peggiore nell'ordine del 4% a fronte di una crescita nulla.

"Se in alcuni Paesi vengono mantenute con sucesso solide posizioni di bilancio in diversi altri è aessenziale che sia attribuita la massima priorità al risanamento dei conti, data la situazione della finanza pubblica. Occorre, inoltre, applicare rigorosamente le regole e le procedure rivedute del Patto di stabilità e crescita in modo da assicurare la credibilità e promuovere il tempestivo ritorno a posizioni di bilancio solide".

Il ministro dell'Economia Domenico Siniscalco ha detto di non voler procedere a una manovra aggiuntiva quest'anno perchè sarebbe controproducente per un Paese già in recessione.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Fonte: pubblicato il