BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie discorso rimandato su agenda potrebbe avvenire oggi.E domani giovedì domande e risposte Dicastero Economia

Probabilmente atteso per oggi discorso premier su agenda di governo mentre domani ministro del Lavoro o rappresentate Ministero Economia potrebbero parlare di ulteriori novità pensioni




Era atteso ieri 19 gennaio il discorso del premier Renzi sul programma di lavoro dell’esecutivo: ricca di novità la sua agenda che prevede al momento diversi provvedimenti ma non contempla nulla di ufficiale per le pensioni. Le ultime notizie confermano, infatti, l’assenza di misure come metodi in prova o piani per uscire prima come quota 100 o mini pensioni, spazio invece a riforma Costituzionale, Ddl sulle unioni civili, decreti attuativi della riforma della Pa, riforma dello Ius soli, aiuti per il Mezzogiorno, e lo Statuto delle Partita Iva, disegno di legge sul lavoro autonomo che dovrebbe essere approvato dal governo a breve.

Il prossimo mese di marzo si inizierà poi a discutere di una proposta di legge per la legalizzazione dell'eutanasia. Ciò che da resta da capire è quando sarà discussa la riforma pensioni e se si metteranno a punto solo singoli cambiamenti all’interno di una riforma, come quella delle detrazioni fiscali o dei contratti, o una riforma singola con un disegno di legge o una legge delega. E’ probabile che la scelta ricadrà  sui singoli cambiamenti e quei sistemi di uscita prima come quota 100 o mini pensione.

Eppure l'urgenza di cambiamenti pensionistici è sempre più palese, senza considerare che tra qualche mese si terranno le nuove elezioni amministrative che potrebbero rappresentare un'occasione privilegiata per l'esecutivo per riprendere il tema delle pensioni, tanto caro ai cittadini e che potrebbe permettere di riconquistare quella fiducia e quei consenti che stanno sempre più calando.

Nell’attesa del discorso del premier che potrebbe anche avvenire in Consiglio dei Ministri oggi, mercoledì 20 gennaio, domani, giovedì 21, il ministro del Lavoro dovrà rispondere ad una serie di domande poste dal comitato ristretto di lavoro sulle pensioni., da tempo pronto a raggiungere traguardi in merito ma sempre rimandati.

Al centro della discussione i provvedimenti necessari per rivedere l’attuale legge pensioni, dai sistemi di uscita prima, alla situazione di lavoratori precoci e usuranti, all’assegno universale, alla cancellazione delle ricongiunzioni onerose, senza dimenticare i quota 96 della scuola. E’ possibile, però, che le domande possano essere poste anche ad un rappresentante del Dicastero dell’Economia. La speranza è che nel breve periodo si riescano a definire soluzioni universale ormai da troppo tempo auspicate, capaci di cambiare le pensioni attuale, dando, di conseguenza, anche nuova spinta al mercato del lavoro giovanile e al rilancio dell'econoia, in generale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il