BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità metodo della sospensione per uscire prima quota 100, quota 41, mini pensioni, riforma: ultime oggi sabato

Ecco le eccezioni all'innalzamento della soglia di 3.000 euro per pagare in contanti. Verso la costituzione di una bad bank leggera.




NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 10:44 oggi sabato 23 Gennaio 2016): Aspettando che i metodi finora discussi e portati avanti per le novità sulle pensioni possano diventare norme effettive o almeno, come riportano alcune ultime notizie e ultimissime, passino come sistemi di prova, vi sono delle norme che già prevedono di poter uscire prima e non sono da tutti conosciute. Una di queste è la sospensione. Sotto vediamo come funziona e chi la può utilizzare. 

A chi mancano fino a quattro anni viene data l'opportunità su base volontari di andare in pensione anticipata. Le ultime notizie in merito aggiornate a oggi sabato 23 gennaio 2016.

Pensioni. Si chiama sopensione ed è la possibilità di andare in pensione prima della maturazione dei requisiti previsti dall'attuale legge previdenziale. Stando infatti alle regole in vigore, non esiste più la pensione di anzianità con cui accedere al trattamento previdenziale senza il requisito anagrafico previsto per quella di vecchiaia, purché si avesse una certa anzianità contributiva. Ecco allora che a chi mancano fino a quattro anni viene data l'opportunità su base volontaria, di andare in pensione senza percepire subito l'intero assegno previdenziale, ma solo una somma calcolata sulla base dei contributi versati fino a quel momento. Nel frattempo vengono accreditati i contributi che serviranno per il calcolo dell'importo definitivo.

Serve comunque un accordo con il sindacato di riferimento che prevede una finestra massima di apertura entro la quale far iniziare il conteggio dei futuri quattro anni. L'azienda è chiamata a versare all’Inps sia i contributi che il lavoratore avrebbe dovuto versare nel quadriennio e sia il calcolo dell'isopensione stimata dall'Istituto di previdenza. Naturalmente sarà la stessa Inps a erogare l'assegno al lavoratore che sceglie questa strada. Si tratta comunque di un'opportunità che ha carattere provvisorio perché l'intenzione è di mantenere solo la pensione di vecchiaia.

Contanti. Ci sono alcune eccezioni all'innalzamento della soglia di 3.000 euro per pagare in contanti. Come si legge nel testo della manovra resta fermo per le pubbliche amministrazioni l'obbligo di procedere alle operazioni di pagamento degli emolumenti a qualsiasi titolo erogati di importo superiore a 1.000 euro, esclusivamente mediante l'utilizzo di strumenti telematici. Stesso trattamento per gli assegni bancari e postali, che dovranno esser emessi con indicazione del beneficiario e della clausola di non trasferibilità se di importo superiore a 1.000 euro.

Bad bank. Tra le soluzioni per riportare la tranquillità all'interno del settore del credito, vittima di violenti scossoni in Borsa negli ultimi giorni, c'è il progetto della cosiddetta bad bank. Si tratta di una società a sé dentro cui fare confluire i crediti problematici delle banche. Sono stimati 200 miliardi di euro di sofferenze. Tuttavia, secondo indiscrezioni, non si procederà con un grande veicolo di sistema bensì con la cosiddetta bad bank leggera, il cui avvio è atteso a giorni dopo la recente riunione tra il premier, il ministro dell'Economia e il governatore di Bankitalia. La bad bank leggera dovrebbe consentire a ogni istituto di avere un veicolo cui trasferire i propri crediti problematici.

Riforma pubblica amministrazione. Le novità sul versante della pubblica amministrazione passano anche dalle modifiche in materia di licenziamento, dalle norme in materia di riorganizzazione, razionalizzazione e semplificazione della disciplina concernente le autorità portuali, dalla razionalizzazione delle funzioni di polizia e assorbimento del Corpo forestale dello Stato, dalla revisione e semplificazione delle disposizioni in materia di prevenzione della corruzione pubblica e trasparenza, dalle norme di riordino della disciplina delle partecipazioni societarie delle amministrazioni pubbliche, dal testo unico sui servizi pubblici locali di interesse economico generale, dalle norme in materia di segnalazione certificata di inizio attività.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il