BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità tra Montecitorio e Palazzo Madama esiste una ampia maggioranza trasversale, riforma: novità lunedì oggi

In crescita gli acquisti con carte di credito effettuati dai visitatori stranieri in Italia e da italiani all'estero.




NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 11:03 oggi domenica 24 Gennaio 2016): La maggioranza trasversale all'interno del Parlamento sulle novità per le pensioni è ormai conclamata. Non c'è una convergenza su un cambiamento totale a 360 gradi, ma sicuramente per dei singoli cambiamenti sì e stando alle ultime notizie e ultimissime il numero dei deputati e senatori che sono d'accordo continua a crescere in misura importante a tutti i livelli. Anche nello stesso partito democratico non è solo una questione di opposizione interna, ma è più ampio il consenso per le novità per le pensioni come dimostrano il Ministro dell'Agricoltura nelle sue recenti affermazioni o divesi eurodeputati.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 11:12 oggi domenica 24 Gennaio 2016): Paradossalmente è ormai chiaro a tutti che pur essendo una maggioranza trasversale per le novità per le pensioni nelle Aule con cambiamenti e obiettivi che sono tra loro molto simili e con metodi che a parte qualche piccola differenza coincidono nessuna delle forze politiche fa quel passo avanti fondamentale per portare la questione come centrale in Parlamento saltando di fatto l'esecutivo che come indicano le ultime notizie e ultimissime ha ben chiaro il tema, si sta muovendo per fare dei cambiamenti strutturali ma per oppurtunità e strategie politiche (che stanno anche aumentando) tenderà a farle tardare il più possibile.

Sono e ultime notizie aggiornate a oggi domenica 24 gennaio 2016 a dimostrare come il dibattito sulle novità pensioni sia ancora molto vivo.

Pensioni. Sono le cronache quotidiane a riferire di come l'attenzione sulle pensioni e lo sforzo di cercare di introdurre novità sia costantemente molto elevato. Le ultime in ordine di tempo a intervenire sono state le forze sociali, promotrici di una iniziativa di legge popolare finalizzata a togliere rigidità alle attuali regole sulla previdenza, a favorire il turn over generazionale tra giovani e anziani sui posti di lavoro, a rendere migliori le condizioni economiche e di tutela dei pensionati, a riconoscere un miglior trattamento alle donne e a chi svolge attività lavorative non tradizionali. Non si tratta, naturalmente, dell'unico attore impegnato a cambiare le pensioni.

Ci sono anche i partiti e il Comitato ristretto della commissione Lavoro, rispetto ai quali si registra una maggioranza trasversale sia a Montecitorio sia a Palazzo Madama. Dalla sinistra del Partito democratico alla Lega passando per Forza Italia e il Movimento 5 Stelle, sono tutti d'accordo nel modificare le regole in vigore, ma con strumenti diversi, con o senza penalità. La minoranza dem punta a rivedere i requisiti per il congedo, la Lega all'introduzione della cosiddetta quota 100, Forza Italia a innalzare gli assegni minimi, il Movimento 5 Stelle a introdurre l'assegno universale. Poi c'è l'Istituto nazionale di previdenza sociale, anch'esso favorevole all'assegno universale, oltre che all'unificazione dei trattamenti, all'armonizzazione dei regimi, alla facilitazione delle uscite, ai contributi aggiuntivi. A essere meno convinto è proprio l'esecutivo.

Centrali acquisto. La creazione delle centrali uniche d'acquisto rappresenterà la chiave per far risparmiare allo Stato milioni e milioni di euro ovvero tra il 15% e il 20% della spesa attuale, anche sul versante della sanità. Ne è convinto lo stesso ministro della Salute, secondo cui "la siringa costerà uguale in tutta Italia e avrà una notevole riduzione di prezzo". E si avrà la riprova proprio con il bando per l'acquisto delle siringhe in tutta Italia. La gara nazionale partirà entro marzo, anche se ci vorrà un po' di tempo per l'aggiudicazione. Tuttavia, "puntiamo ad avere un prezzo nazionale per tutti i tipi di aghi e siringhe: si parla di 30, 40 tipologie. Rimarranno escluse solo alcune siringhe specialissime, magari per anestesia, delle quali si fa poco uso. Per il resto, copriremo il 90% del fabbisogno nazionale".

Uso carte di credito. Tre dati meritano di essere presi in considerazione. Gli acquisti con carte Visa effettuati dai visitatori stranieri in Italia durante il periodo di Natale è stato pari a 426,6 milioni di euro ovvero +6,7% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. I maggiori acquirenti sono arrivati da Regno Unito, Francia, Stati Uniti, Germania e Svizzera. Infine, al contrario, le destinazioni straniere in cui gli italiani sono stati maggiormente attivi con la carta di credito sono state Regno Unito, Lussemburgo, Francia, Spagna e Stati Uniti per un volume di spesa 423 milioni di euro. I settori più frequentati? Moda e abbigliamento, alberghi e strutture ricettive, prodotti e servizi assicurativi, intrattenimento.

Riforma patti illeciti. Importante risoluzione del parlamento europeo che fa venir meno la protezione dell'incolumità per le persone fisiche responsabili di accordi fiscali illeciti. Non solo: le multe non riguarderanno solamente le persone giuridiche, ma anche chi prende decisioni societarie.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il