BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità Mosca, Renzi, Simonetti, Martina riforma pensioni quota 100, mini pensioni, quota 41: ultime martedì oggi

Stop all'applicazione delle norme del Codice penale sull'interruzione della prescrizione in presenza di gravi frodi Iva.




NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 17:07 oggi martedì 26 Gennaio 2016): àSilenzio ancora per quanto riguarda Renzi sia su singole novitò per le pensioni che per la riforma pensioni dopo l tante interviste della scorsa settimana. Ma la nomina di Nanninici al Ministero dell'Economia, studioso collega dell'attuale Presidente dell'Istituto di Previdenza vale davvero più di mille parole e come abbiamo spiegato nelle ultime notizie e ultimissime è un vero e proprio passo avanti, una chiusura del cerchio importantissima per preparare una serie di norme a 360 gradi su pensioni, welfare e occupazione.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 14:07 oggi martedì 26 Gennaio 2016)::Tra le altre indicazioni importanti sono quelle che arrivano dai rappresentanti del gruppo che si occupa delle pensioni alla Camera come la deputata Gnecchi che si sta ponendo l'obiettivo non più solo del mondo femminile, ma principalmente di quota 41 come riportano le sue affermazioni nelle ultime notizie e ultimissime. Quota 41 che sta ritornando ad essere un tema centrale essendoci già in numerose nazioni.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 9:44 oggi martedì 26 Gennaio 2016):: Tra le indicazioni più importanti per le novità sulle pensioni vi è sicuramente quella Martina, un nuovo Ministro che si occupa di attività produttive che considera come prioritari i cambiamenti per le pensioni e lo afferma pubblicamente. Stesso discorso per le indicazioni nelle ultime notizie e ultimissime dell'eurodeputata Mosca che dimostra come all'interno del Partito Democratico e non solo nella sua minoranza, sta aumentando la richiesta ai vertidi di intraprendere un iter di novità sulle pensioni

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 18:12 oggi lunedì 25 Gennaio 2016): Tante e numerose affermazioni continuano ad arrivare sulle novità per le pensioni da più fonti come riportano le ultime notizie e ultimissime che ora indicano anche nuove indicazioni sia da nuovi Ministri che non si erano mai esposti sulle novità per le pensioni come quota 100, quota 41 e mini pensioni che eurodeputati. Le prime le abbiamo viste sotte, ma ne seguirano altre.

La ricerca di novità sulle pensioni passa, come testimoniato dalle ultime notizie aggiornate a oggi luendì 25 gennaio 2016, da un confronto sempre più vivo.

Pensioni. Continua ad arricchirsi il confronto sulle pensioni, come dimostrato dal recente intervento di Alessia Mosca, eurodeputata del Partito democratico, che davanti alla telecamere della trasmissione DiMartedì si è detta favorevole alla previsione di novità, tra cui l'applicazione della cosiddetta quota 100 o, più in generale, di soluzioni per facilitare l'uscita dal lavoro con qualche anno di anticipo. Sul tema previdenza si è fatto sentire anche Roberto Simonetti, segretario leghista della commissione Lavoro a Montecitorio, che ha auspicato la resa strutturale del contributivo donna ovvero della misura che consente alle lavoratrici di congedarsi prima della maturazione dei requisiti richiesti in cambio del calcolo dell'assegno con il meno vantaggioso contributivo.

Nella sua scia si colloca Luisa Gnecchi, deputata del Parti democratico, che ha anche sollevato il problema della ricongiunzioni onerose. A proposito di trasmissioni televisive, Maurizio Martina, ministro delle Politiche Agricole, è intervenuto a Ballarò esprimendo il suo personale assenso alla modifica dell'attuale legge previdenziale nel segno dello scardinamento delle rigidità presenti. Naturalmente resta da capire come conciliare le richieste di ammorbidimento delle regole con gli equilibri economici. In maniera quasi paradossale, si registra il silenzio dello stesso premier e del ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Export. Sono le notizie di macroeconomia e geopolitica, come il crollo delle materie prime e il terrorismo internazionale, a far schizzare il alto il livello di pericolosità di Africa, Asia e Sud America sul versante dell'export. Anche il Brasile risulta tra i Paesi che avranno più difficoltà a pagare i debiti contratti con le imprese internazionali. Fari puntati su Iran e Cuba, ma anche si tanti Paesi dell'area del Mediterraneo, come Algeria, Marocco, Turchia, degli Emirati, dell'America Latina, come Cile e Perù, e dell'Asia, come Cina, Filippine, India e Malesia. Potrebbe essere necessaria una revisione delle strategie.

Crisi Moldavia. C'è crisi in Moldavia, alle porte dell'Europa e non solo per ragioni politiche. Le difficoltà tra filo-russi e filo-europei vanno ricondotte anche a motivazioni affaristiche che stanno sfociano in accuse di mancato rispetto della democrazia, della libertà, dei diritti umani e della legge. Inevitabile allora le cronache di scontri e disordini, con tanto di persone ferite nel corso delle azioni di protesta nei pressi del palazzo del parlamento nella capitale Chisinau. E anche il confronto con Mosca diventa sempre più acceso, come dimostrato dal semaforo rosso delle autorità moldave alla concessione del visto di ingresso a un gruppo di giornalisti russi.

Prescrizione Iva. C'è un'importante sentenza dell'Alta Corte che prevede le mancata applicazione delle norme del Codice penale sull'interruzione della prescrizione, la ex Cirielli, in presenza di gravi frodi Iva poiché determina "la sistematica impunità delle gravi frodi in materia di Iva, lasciando così senza adeguata tutela gli interessi finanziari dell'Erario italiano e dell'Unione". La decisione va nella scia di quanto fissato dalla Corte europea. Ol giudice non potrà quindi applicare il termine massimo di prescrizione, ma solo il termine intermedio quando l'accusa riguarda un reato di frode in materia di Iva e quando l'evasione è grave.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il