BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità possono essere condizionato ed influenzate da unioni di fatto, riforma: novità mercoledì oggi

Giovedì prossimo il disegno di legge sulle unioni civili arriverà in Aula al Senato. Il 30 gennaio è invece in programma il Family day.




NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 9:02 oggi mercoledì 27 Gennaio 2016): La spesa, comunque, per le coppie di fatto non saranno alte, ma potrebbero essere interessanti per la gestione delle novità sulle pensioni diventando un altro elemento che potrebbe velocizzare i cambiamenti previsti che vengono continuamente riportati nelle ultime notizie e ultimissime. Anche, perchè, fare una nuova norma per gestire solo gli aspetti di queste nuove unioni sarebbe controproducente sotto numerosi aspetti e non servirebbre a nulla come ogni singola norma precedente fatta per una "singola categoria". Dunque, il mettere in regole le unioni civili potrebbe servire per sistemare finalmente tanti errori grandi e piccoli nella gestione delle pensioni.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 18:37 oggi martedì 26 Gennaio 2016): le coppie di fatto entrano nella discussione per le novità per le pensioni e la potrebbero anche rilanciare se dovessero essere approvate. Nuovi costi, infatti, graverebbero nella gestione delle pensioni come riportano gli studi e le statistiche delle ultime notizie e ultimissime e non tutti quantificabili visto che le coppie di fatto non sono ancora ufficiali alivello numerico e di stime. Inutile dire che come tutti i cambiamenti, anche questo delle unioni di fatto potrebbe portare miglioramenti positivi o negativi all'iter di novità per le pensioni, dipende come sempre come verrà affrontato il tema.

Le ultime notizie di oggi martedì 26 gennaio 2016 raccontano come le novità sulle pensioni possano passare da misure di segno negativo.

Pensioni. C'è anche la partita delle unioni civili da seguire con attenzione per capire quale direzione potranno prendere le novità pensioni. In ballo c'è infatti anche la reversibilità della pensione che, secondo le stime aggiornate della Ragioneria generale dello Stato, coinvolgeranno 67.000 nuove coppie. Per le casse statali, questa volta le rilevazioni sono del quotidiano Libero, l'impegno economico ammonterebbe a 16 milioni di euro entro il 2025. Questa cifra si sommerebbe ai circa 40 miliardi di euro stanziati solo lo scorso anno. La partita delle pensioni di reversibilità si lega evidentemente a quella della revisione della spesa pubblica, di nuovo d'attualità e ora nelle mani di Yoram Gutgeld, deputato del Partito democratico e consigliere economico del premier.

In questo contesto si avvicinano ipotesi come la riscrittura delle regole sul cumulo così come quelle sulle ricongiunzioni e sui metodi per uscire prima rispetto. In parallelo si allontano soluzioni come l'applicazione di quota 100 quale somma di età anagrafica e di anni di contribuzione da raggiungere per andare in pensione, il ricalcolo degli assegni per tutti con il contributivo, l'introduzione della staffetta generazionale per legge o della proposta di legge, più volte bocciata per assenza di coperture economiche che contempla l'uscita dal mondo del lavoro a 62 anni con 35 anni di contributi e penalizzazione massima dell'8% per chi si ritira un po' prima.

Procedimenti amministrativi. La riduzione dei tempi dei procedimenti amministrativi potrà arrivare fino al 50% e potrà essere prevista in riferimento ai singoli procedimenti oppure al complesso dei procedimenti necessari per la realizzazione dell'intervento, anche successivi all'eventuale svolgimento della conferenza dei servizi. Nel caso in cui il termine sia già parzialmente decorso, la riduzione, si legge nel decreto, opererà con riferimento al periodo successivo. Per l'esercizio del potere sostitutivo sia palazzo Chigi che gli enti locali potranno avvalersi di personale in possesso di elevate competenze tecniche.

Family day. Il dibattito tra le forze politiche, divise sulle unioni civili e sulla stepchild adoption, è affiancato da manifestazioni pro o contro il disegno di legge Cirinnà. Sabato scorso sono scesi in piazza, in 98 città, quanti chiedono diritti per le coppie omosessuali. La stima dell'Arcigay: un milione i partecipanti. Sabato prossimo 30 gennaio 2016 è in programma il Family day a Roma organizzato dalle associazioni cattoliche contro il ddl Cirinnà. Questa espressione è entrata nel dibattito politico nel 2007: anno dei Dico (Diritti e doveri delle persone conviventi) del governo Prodi. Contro il progetto di legge si mobilitarono le associazioni cattoliche in piazza San Giovanni a Roma: il primo Family day.

Coppie di fatto. Giovedì prossimo il disegno di legge sulle unioni civili arriverà in Aula al Senato, senza relatore dopo la mancata intesa nella maggioranza sul testo in commissione. Al centro delle divisioni è soprattutto la stepchild adoption, l’adozione del figlio biologico del compagno, per le coppie omosessuali. È prevista nel ddl Cirinnà, ma sono contrari nella maggioranza Ap e i cattolici dem. Proposto in alternativa l'affido rinforzato.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il