BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Bonus 80 euro forze dell'ordine, polizia, carabinieri, vigili e e riorganizzazione interna: come funziona,da quando e per chi vale

E’ stata confermata l’erogazione del bonus di 80 euro anche alle Forze dell’Ordine: i beneficiari, quanto si riceverà, e cosa cambierà per dipendenti con riordino Province




E’ stata confermata l’erogazione del bonus di 80 euro anche alle Forze dell’Ordine ma si attende ancora il decreto attuativo, che dovrebbe arrivare tra qualche settimana, a febbraio. La misura introdotta costerà complessivamente 500 milioni di euro e a beneficiare del nuovo bonus saranno carabinieri, polizia, vigili del fuoco, militari dell’esercito, capitanerie di porto, inizialmente escluso dal beneficio, per un importo fisso di 960 euro per 12 mesi indipendentemente dal mese di avvio di erogazione del bonus.

Il bonus dovrebbe essere di circa 960 euro su base annua pienamente esentasse ed è destinato a tutto il personale, a prescindere dal reddito, ad eccezione dei dirigenti e degli allievi e non costituirà reddito ai fini dell’Irpef, dell’imposta regionale sulle attività produttive, per cui non è assoggettato a contribuzione previdenziale e assistenziale.

Questo nuovo bonus di 80 euro ai militari non è riconosciuto in maniera sistematica ma solo una tantum e non avrà carattere strutturale ma sarà piuttosto una tantum, inoltre, non vi è alcuna fascia di reddito cui è legata l’erogazione del bonus a differenza di quello per gli statali, legato al reddito percepito e che prevede un contributo di 80 euro mensili per i redditi fino a 24.000 euro e, in misura proporzionalmente ridotta, per i redditi da 24.000 a 26.000 euro. Nessun contributo, invece, per chi supera i 26.000 euro.

Per quanto riguarda il personale della Polizia Provinciale con il riordino delle Province, le Province e le Città metropolitane devono inserire personale di polizia e dell'esercito necessario in base ai limiti previsti; per il personale in eccesso gestito dalle Regioni, è previsto il ricollocamento del personale nelle Province e nelle Città metropolitane con la funzione di vigilanza. Solo in questo caso, il personale di polizia amministrativa locale resta nella dotazione organica con le stesse funzioni di sempre ma fuori dal limite di spesa del 50, 70%. E’ stato inoltre decretato che 7mila Forestali passeranno nell’Arma dei Carabinieri. Coloro che appartengono alla Forestale potranno rimanere nelle loro sedi, senza che lo stipendio percepito vari, se accetteranno di entrare nell' Arma. Chi non sarà trasferito rischia di essere soggetto alla mobilità.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il