BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anzianità 2016: novità calcolo, quando e come si può uscire con nuove regole

Le pensioni vedranno grandi novità nel nuovo anno, in particolare con l'innalzamento dell'età pensionabile prevista dalla riforma Fornero oltre a diverse novità introdotte dal Governo Renzi.




In particolare gli uomini, che prima potevano andare in pensione con 66 anni e tre mesi di età, ora dovranno andare in pensione con 66 anni e sette mesi di età, oltre a dover aver maturato almeno venti anni di contributi. Questo ragionamento vale se viene applicato il sistema retributivo, se invece viene applicato il sistema contributivo bisognerà applicare gli stessi parametri, tuttavia bisognerà anche considerare il fatto che se non si guadagnerà almeno 670 euro la mese di pensione allora si sarà costretti al lavorare fino a 70 anni e sette mesi di età, oltre a dover aver maturato almeno cinque anni di contributi. Per le donne la situazione è molto simile: in particolare per andare in pensione servirà aver raggiunto almeno i 65 anni e stette mesi di età, oltre ad aver maturato venti anni di contributi. Questo sempre sei si attua il sistema retributivo. Con il sistema contributivo invece si utilizza lo stesso parametro visto con gli uomini: ossia i limiti di età e di vecchiaia saranno gli stessi visti per il sistema retributivo, tuttavia se l'imporot della pensione mensile sarà inferiore ai 670 euro al mese allora bisognerà lavorare fino ai 70 anni e sette mesi di età.

Sia uomini che donne tuttavia possono sfruttare alcune norme emanate al Governo Renzi per andare in pensione. In particolare gli uomini potranno andare in pensione appena avranno raggiunto i 42 anni e dieci mesi di contributi, mentre le donne potranno andare in pensione in modo anticipato appena avranno raggiunto i 41 anni e dieci mesi di contributi. Inoltre sia uomini che donne, che svolgono lavori cosiddetti usuranti (come guardiani notturni o autista di mezzi che portano oltre nove persone) potranno accedere alla pensione non appena avranno raggiunto i 61 anni di età e 35 anni di contributi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il