BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Concorso scuola 2016 e TFA nuovo terzo ciclo: punteggi, prove, programma, requisiti, assunzioni. Ancora richieste di cambiamenti

Ultimo passaggio tecnico prima della pubblicazione dei bandi relativi al nuovo concorso scuola 2016. Ma non mancano le critiche.




AGGIORNAMENTO ULTIME NOTIZIE E NOVITA' CONCORSO SCUOLA 2016 E TFA:. Oltre le indicazioni di cambiamenti sotto i vari aspetti riportati sotto, ve ne sono altri come punteggi, prove, requisiti, programma, prove che sono stati inoltrati. Lo abbiamo visto sotto e anche in questo articolo

Domani è il giorno della consegna del parere sul nuovo concorso scuola 2016 del Consiglio superiore della pubblica istruzione. Subito dopo il via libera che, ricordiamo, non è vincolante, si procederà alla pubblicazione dei tre bandi: uno per la scuola dell'infanzia e primaria, uno per la scuola secondaria di primo e secondo grado, uno per il sostegno per l'assunzione di 63.712 nuovi insegnanti, di cui 52.828 comuni, 5.766 di sostegno e 5.118 di potenziamento. L'appuntamento con le notizie ufficiali è dunque alla prossima settimana.

Sono poi interessanti le dichiarazioni di Beppe Bagni, membro dello stesso Cspi, rilasciate a OrizzonteScuola. In prima battuta non nasconde l'esistenza del problema della limitazione della partecipazione al concorso scuola 2016 ai soli abilitati. La sua proposta è di aprire le porte ai docenti con 36 mesi di servizio, così come indicato dalla Corte di giustizia europea. Critiche anche rispetto ai contenuti della prova scritta che, si ricorda, prevede la proposizione di otto domande, due delle quali nella lingua straniera scelta dal candidato, a cui rispondere al computer. Il problema, a suo dire, è il troppo spazio dato all'aspetto nozionistico anziché alla didattica disciplinare, alla progettazione e all'alternanza.

Per quanto riguarda la classe A22 Italiano, Storia, Geografia nella scuola secondaria di primo grado, così come nella classe di concorso A12 Discipline letterarie negli istituti di istruzione secondaria di secondo grado, ad esempio, a detta del Ministero dell'Istruzione, la lingua e la letteratura italiana vanno considerate come campi privilegiati per l'acquisizione di competenze fondamentali per il futuro cittadino, quali la competenza di lettura, comprensione, interpretazione e valutazione di un testo e di un'opera letteraria.

Di conseguenza, al candidato viene richiesto di mostrare di conoscere la Strategia di Lisbona per la crescita e l'occupazione del 2000, le successive Raccomandazioni e Indicazioni nazionali riguardanti gli obiettivi specifici di apprendimento concernenti le attività e gli insegnamenti compresi nei piani degli studi previsti per i percorsi liceali, le Linee guida per gli istituti Tecnici e Professionali, messe a punto dallo stesso Miur tra il 2009 e il 2010, oltre all'ampio dibattito connesso alla didattica per competenze, compresi i sistemi valutativi nazionali (Invalsi) e internazionali (Ocse-Pisa). Lo stesso Bagni, infine, non nasconde le sue perplessità in merito alla tabella di valutazione perché "per pareggiare i punti dell'abilitazione sono necessari 10 anni di servizio", considerati "troppi".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il