BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità assegno universale sembra essere la direzione prioritaria quota 100, quota 41, mini pensioni, riforma: novità oggi

Questo è un anno di novità per le partite Iva. Alcune sono già operative, altre lo saranno con il nuovo disegno di legge delega dell'esecutivo.




NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 11,12 oggi giovedì' 28 Gennaio 2016): Ha iniziato il suo percorso la norma che contiene indirettamente delle novità per le pensioni, anzi viene considerata dall'esecutivo e dall'Istitututo di Previdenza come il primo passo per una revione del sistema a cui aggiungere poi correzzioni stutturali e inserire anche sistemi per uscire prima come quota 100, quota 41, mini pensioni. Ma al momento sull'assegno universale che è poi una prima bozza di quello che dovrebbe essere tra qualche anno con l'iter iniziato dal Consiglio dei Ministri vi è priorità come indicnao anche le ultime notizie e ultimissime che provengono da Bruxellese, dove nello stesos tempo si prova a far passare una norma più veloce e immediata sempre riferita all'assegno universale e di cui si stanno occupando direttamente in prima persone cariche importantissime come la Presidente della Camera e del Dicastero dell'Economia.

Le ultime notizie di oggi sabato 30 gennaio 2016 sul fronte delle novità pensioni passano dall'atteso Consiglio dei ministri di oggi pomeriggio.

Pensioni. Non c'è dubbio che se anche sulle novità pensioni l'esecutivo mettesse lo stesso impegno dimostrato per concretizzare altri provvedimenti, i cambiamenti sarebbero più celeri. Oggi, ad esempio, il Consiglio dei ministri si riunisce per approvare una serie di misure legate al lavoro autonomo e al contrasto alla povertà. Sotto quest'ultimo profilo, sono stati stanziati 600 milioni di euro per il 2016 e 1 miliardo di euro nel 2017. Per il 2016 con 380 milioni di euro verrà rafforzato il sostegno per l'inclusione attiva da estendere dalle grandi città a tutto il territorio, e 220 milioni di euro serviranno all'assegno di disoccupazione che spetta per 6 mesi per chi resta in condizione di bisogno finita la Naspi.

Con il Piano nazionale di contrasto alla povertà si punta a razionalizzare i numerosi interventi attivati, offrendo misure di sostegno economico e servizi alla persona. Sul fronte più stretto delle pensioni legate alle misure di sostegno al reddito, il dibattito recente mette al centro l'assegno universale che, oltre a trovare consenso in un'ampia fascia dell'arco politico, otterrebbe anche il via libera di Bruxelles, solitamente ostica quando si tratta di mettere mano alle pensioni e ai delicati equilibri che sorreggono l'impianto previdenziale. Resta da capire se sarà accolta la proposta di far finanziare la misura dall'Europa.

Partita Iva. Questo è un anno di novità per le partite Iva 2016. Alcune sono già operative, come l'elevazione delle soglie di ricavi per l'accesso al regime forfettario con imposta del 15% introdotto dalla nuova manovra. Per i professionisti si passa da 15.000 a 30.000 euro. Estesa a cinque anni la disciplina di vantaggio con aliquota forfettaria al 5% per le start up. In questo contesto si segnala anche che il limite per i pagamenti in contanti è salito da 1.000 a 3.000 euro. A queste novità si aggiungono le misure a tutela del lavoro autonomo messe nero su bianco dal Consiglio dei ministri con un disegno di legge delega.

Concorso scuola. Arriva il parere del Consiglio superiore della pubblica istruzione su prove e programmi, tabella dei titoli, requisiti dei componenti di commissione, ambiti disciplinari, riconoscimento dei titoli di specializzazione in italiano e sull'ordinanza relativa alla formazione delle commissioni in merito al nuovo concorso scuola 2016. Sono state espresse diverse perplessità, soprattutto in relazione alla proposta di portare da 0,5 a 1 il punteggio previsto nella tabella di valutazione dei titoli per un anno di servizio e alla chiusura delle porte alla partecipazione al concorso alla totalità degli insegnanti non abilitati.

Ristrutturazione casa bonus. C'è molta attenzione intorno all'agevolazione per gli interventi di riqualificazione energetica che consiste in una detrazione dall'imposta lorda, sia Irpef che Ires, in misura pari al 65% delle spese sostenute entro il 31 dicembre 2016 e delle spese per gli interventi di adeguamento antisismico sostenute entro il 31 dicembre 2016. Per i soggetti con periodo d'imposta non coincidente con l'anno solare, fino al periodo d'imposta in corso al 31 dicembre 2016.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il