BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Concorso scuola e nuovo Tfa 2016: i bandi ufficiali entro questa settimana anche oggi o martedì. Ma tutto potrebbe saltare

Saranno sanate le perplessità del Comitato superiore della pubblica istruzione sul nuovo concorso scuola 2016?




Dal parere negativo sul concorso scuola espresso dal Comitato superiore della pubblica istruzione non si scappa. A detta dell'organismo consultivo del Ministero dell'Istruzione ci sono diversi punti da correggere, rispetto ai quali occorre ora capire se il Miur intenderà dare seguito, ritardando così la pubblicazioni dei bandi promessi per la prossima settimana. Il parere, si ricorda, non è vincolante. A detta del Cspi, la decisione di bandire il nuovo concorso solo per gli abilitati potrebbe essere oggetto di contenziosi giudiziari, considerando il precedente del 2012 in cui sono state escluse alcune classi di concorso. In particolare è stata evidenziato il caso degli insegnanti tecnico pratici per i quali non è mai stato istituito un percorso abilitante ordinario.

Rilevata anche una disparità di trattamento per i docenti delle scuole dell'infanzia, esclusi dal piano nazionale di assunzioni delle fase di potenziamento. Lamentato il mancato coinvolgimento dello stesso Cspi nella formulazione delle nuovi classi di concorso e non mancano osservazioni rispetto al carattere eccessivamente nozionistico della prova scritta. Per quanto riguarda le classi A29 Musica negli Istituti di istruzione secondaria di secondo grado e A30 Musica negli Istituti di istruzione secondaria di primo grado, la prova pratica consiste nella concertazione e direzione di un semplice brano, finalizzata alla creazione di un ambiente musicale inclusivo di carattere laboratoriale, in cui il gruppo classe possa partecipare attivamente all'esecuzione e all'ascolto del brano stesso.

Il candidato è chiamato a illustrare in maniera puntuale gli obiettivi didattici specifici e le finalità formative dell'attività laboratoriale. Potrà scegliere fra tre brani di generi diversi forniti in forma notata dalla commissione: uno appartenente alla musica d'arte di tradizione scritta; uno appartenente alla tradizione orale; uno riconducibile alla sfera del jazz, del rock, del pop o della canzone d'autore.

In un'aula dotata di pianoforte e di alcuni elementari strumenti ritmici, il candidato avrà a disposizione 120 minuti per preparare la prova, di cui al massimo 15 per scegliere il brano. Nella concertazione il candidato potrà prevedere l'uso della voce, nonché degli strumenti ritmici, con l'eventuale impiego dell'espressione corporea, avendo a disposizione un ensemble di sei cantanti, di cui potrà servirsi liberamente per gli aspetti vocali e ritmici dell'esecuzione. Durante le due ore di preparazione della prova non saranno possibili contatti preliminari con detto ensemble, con il quale il candidato dovrà rapportarsi estemporaneamente.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il