BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Canone Rai 2016 e bolletta elettrica: entrambe modificate. Chi paga meno, di più, esenti prima casa, affitto, seconda casa

Da quest’anno il Canone Rai si paga in bolletta elettrica: chi pagherà di più e chi meno. Calcoli e stime per tutti i cittadini




AGGIORNAMENTO: Ben diverse e non a misura di famiglia, ma basate semplicemente sul reddito e l'età sono le esenzioni e le detrazioni per il Canone Rai 2016 di cui abbiamo detto si conosce l'importo per il 2016, ma non per gli anni successivi con certezza. Di queste ne abbiamo parlato sotto sia negli aggiornamenti che nell'ultimo paragrafo alla fine di questo articolo.

AGGIORNAMENTO: La bolletta elettrica e della luce (cosa che si potrebbefare anche con il canone rai 2016 e con tutte le tasse nuove e vecchie) si basa su una sorta di quoziente familiare come abbiamo spiegato sotto. Si paga di meno per le famiglie con più persone, con più figli e che hanno in caso nonni o persone disabili, mentre si paga di più per single o semplici coppie. La tariffa e il prezzo totale diminuisce non solo e non soltanto in base al reddito, ma se ci sono figli, quanti figli e persone a cui occorre dare il proprio supporto presenti in casa. Modello che in germania funziona da anni anche per le tasse sugli stipendi.

AGGIORNAMENTO:  Occorre subito dire che come nel caso del Canone Rai l'introduzione di quest'anno sarà graduale e ci saranno ulteriori cambiamenti progressivi nei prossimi anni. Sul canone Rai, non ci sono conferme ufficiali. In un primo momento si pensava dovessere scendere anche fino a 80 euro, mentre in un secondo momento si è parlato di una crescita a 110 euro per alcune clausole di salvaguardia. Ben delineato e ufficiale, invece, sono le tariffe della bolletta della luce ed energitica che cambieranno progressivamente da questt'anno per dioventare definitivi nel 2018

AGGIORNAMENTO: Tutti parlano del canone Rai in bolletta della luce, ma non cambia solo questo. Anzi unaì vero e proprio cambiamento tutto da capire è quello rappresentato proprio dalla nuova bolletta elettrica che abbiamo cercato di spiegare insieme al canone tv in questo articolo.

Da quest’anno il Canone Rai si paga in bolletta elettrica: non si pagherà più dunque con bollettino postale precompilato ma in diverse rate che saranno inserite nelle bollette dell’elettricità e il costo sarà 100 euro, che scenderanno ancora a 95 euro nel 2017. Il pagamento sarà bimestrale, sarà sommato alla bolletta della luce, e solo per quest’anno si pagherà dal mese di luglio, quando i contribuenti riceveranno la loro bolletta della luce, più 70 euro di Canone Rai. Con la bolletta dell’energia elettrica, i consumatori serviti in maggior tutela pagano: i servizi di vendita, cioè il prezzo dell'energia; i servizi di rete per il trasporto dell'elettricità dalle centrali nelle abitazioni e la gestione del contatore; le imposte.

Dal primo gennaio 2016 e fino al 2018, entreranno in vigore le nuove tariffe dell’energia decise dall’Autorità per l’energia elettrica, gas e sistema idrico (Aeegsi), sulla base di quanto indicato dalla direttiva europea (27/2012) sull’efficienza energetica. Secondo le stime, per la famiglia tipo (2,3 persone secondo l’Istat) la spesa media annuale aumenterà (tra il primo gennaio 2015 e il primo gennaio 2018) di 21 euro (+0,9 euro al mese nel 2016, +0,09 euro nel 2017 e +0,76 euro nel 2018); per le famiglie numerose è invece previsto un risparmio di circa 46 euro. Il rincaro maggiore sarà per i single benestanti, che pagheranno 78 euro in più (+2 euro al mese nel 2016, +3,7 euro nel 207 e +0,6 euro nel 2018). Nessuna variazione invece per famiglie e single bisognosi, che beneficeranno del bonus elettrico (nel 2016 automaticamente potenziato dall’Autorità per l’energia).

In base ai consumi, un cliente con consumi molto bassi, 900 kWh, a riforma completata (nel 2018) pagherà ben 117 euro in più rispetto ad adesso su di una bolletta attuale di 260 euro/anno. Nel 2016 la sua bolletta sarà più cara di 20 euro. Un utente con consumi alti, 6000 kWh, l’anno risparmierà nel 2018 quasi 600 euro su una bolletta da circa 1.500 euro. Nel 2016 il risparmio sarà di 160 euro. Il residente con consumi medi, 2.700 KWh/anno, nel 2016 spenderà 9,8 euro in più mentre a fine riforma, nel 2018 la sua bolletta sarà di 19 euro in più.

Il Canone Rai si continuerà a pagare esclusivamente sul possesso della tv e non su tablet, Pc, smartphone ed altri devices; dovrà essere versato dai contribuenti solo su utente domestiche, e quindi non su quelle commerciali, e da coloro che vivono in abitazioni residenziali, nonché dai residenti all'estero che hanno una casa in Italia dove è presente un televisore e dai titolari di un locale pubblico, per cui è previsto un canone speciale.

Chi non paga il Canone Rai 2016 sarà soggetto a sanzioni fino a 500 euro, mentre chi effettua il pagamento in ritardo, entro i 30 giorni successivi alla data di scadenza, deve sommare alla cifra richiesta di 100 euro una sanzione pari a 4,47 euro, cioè pari a un dodicesimo dell'importo per ogni semestre; e dopo i 30 giorni di ritardo una sanzione di 8,94 euro, cioè un sesto del canone per ogni semestre.

Il Canone Rai non si paga, invece, sulla seconda casa e nel caso in cui questa fosse affittata il pagamento del canone spetta esclusivamente agli inquilini anche se il contratto dell’energia elettrica è intestata ai proprietari. Non pagano il canone gli over 75 che non convivono con altri soggetti diversi dal coniuge titolari di reddito proprio, che hanno un reddito che sommato a quello del proprio coniuge convivente non supera i 6.713,98 euro annui; i militari di cittadinanza straniera appartenenti alle Forze Nato, agenti diplomatici e consolari; i militari delle Forze Armate Italiane, ma in quest’ultimo caso l’esenzione è prevista solo per ospedali militari, Case del soldato e Sale convegno dei militari delle Forze armate, mentre la detenzione del televisore all’interno di un alloggio privato, anche se situato dentro le strutture militari, prevede il pagamento del canone. Sono esenti dal pagamento del Canone Rai anche gli invalidi degenti in case di riposo e i riparatori e rivenditori tv.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il