BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità necessaria riforma pensioni quota 100, mini pensioni, quota 41 per evitare libera interpretazione: novità oggi

In manette Antonino Pulvirenti nell'ambito dell'inchiesta delle Fiamme Gialle per bancarotta fraudolenta della compagnia aerea Wind Jet.




NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 10:33 oggi domenica 31 Gennaio 2016): Tutto quello che abbiamo evidenziato sono solo degli esempi riferiti alle ultime notizie e ultimissime sulle novità per le pensioni che ci fanno comprendere come ci vuole certezza del diritto anche per le pensioni e la riforma pensioni o singoli proveddimento e che questa deve essere portata con una serie di norme e cambiamenti più trasparenti, semplici e inequivocabili

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 10:33 oggi domenica 31 Gennaio 2016): Un'altra stortura del sistema che le novità per le pensioni dorvebbero sistemare è stata in ordine di tempo quella dei 64 anni di età che in determinate condizioni possono permettere di essere le condizioni pe usicre prima. Ma come abbiamo spiegato nel primo paragrafo dedicato alle pensioni questo non è successo e anzi una lettura di una circolare dell'INPS nega questa possibilità con una interpretazione soggettiva.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 21:07 oggi domenica 31 Gennaio 2016): E proprie singole norme creano dei casi particolari anche all'interno delle novità delle pensioni che dovrebbero invece sistemare le questioni. Ad esempio, tra le ultime notizie e ultimissime è da sottolineare come negli atti della riforma della Pa i primi appena ufficializzati vi è stata la riconferma della possibilità in accordo con i propri responsabili di uscire prima dei termini anche di molti anni. Una ennesima norma che crea distinzioni ingiustificabili proprio quando le novità delle pensioni dovrebbe rendere tutto più semplice

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 11:20 oggi domenica 31 Gennaio 2016): Le troppe norme e regole creano solo confusione perchè lasciano spesso alla libera interpretazione le decisioni finali che il più delle volte sono contro i cittadini anche solo in misura cautelativa come dimostrano le ultime notizie e ultimissime accadute recentemente ben due in pochi giorni viste sotto. E le novità per le pensioni servirebbero anche queste a fare regole chiare e precise per tutti, dove non si può cambiare per norme mal scritte o con buchi lasciare la decisione finale ai tecnici anche in buona fede.

Sono le ultime notizie sulle troppe norme e legislative sulle pensioni a ricordare come sia indispensabile introdurre novità in tempi brevi.

Pensioni. A rendere il quadra previdenziale ancora più complicato con la conseguente necessità di prevedere novità pensioni nel segno della semplificazione, così come del resto invocato dall'Istituto nazionale di previdenza nazionale, c'è la sovrapposizione tra leggi e norme e sentenze dei tribunale che creano un labirinto da cui è difficile uscirne fuori. Basti pensare ai cosiddetti indebiti ovvero quegli importi percepiti per errore dai pensionati e di cui l'Istituto di previdenza chiede evidentemente la restituzione. Alla base di questa situazione, tanto per citare il caso più recente, c'è la rivalutazione solo parziale degli assegni, così come sentenziato dall'Alta Corte che ha sconfessato la misure presente del decreto Salva Italia.

Andando a scovare tra le norme e le interpretazioni sulle pensioni, viene fuori come, in osservanza a una recente circolare dell'Inps, per chi intendere congedarsi un po' prima, a 64 anni, è necessaria la non interruzione dell'attività lavorativa alla data del 28 dicembre 2011. Si tratta di un giorno ovviamente non casuale poiché rimanda al decreto legge 201 del 2011 in cui viene previsto che i dipendenti privati che, entro il 31 dicembre 2012 hanno maturato i requisiti per il ritiro (quota 96 per gli uomini e 60 di età e 20 di contributi per le donne), possano farlo a 64 anni. Da qui il requisito della costanza di lavoro al 28 dicembre 2011 ovvero la data di entrata in vigore della norma.

Cinema. Ecco 400 milioni di euro che vanno ad alimentare il fondo unico per il cinema alimentato al 12% dal gettito Ires e Iva di chi utilizza i contenuti TV. Previsti incentivi fino al 30% per chi investe nel cinema e nell'audiovisivo. Ecco poi 100 milioni di euro in tre anni per riattivare le sale chiuse e aprirne di nuove. Infine è stato promesso il potenziamento dei 6 tax credit per il cinema. Stando all'esecutivo, il cinema e lo spettacolo contribuiscono a definire l'identità nazionale e la crescita civile, culturale ed economica del paese.

Frode Wind Jet. Arrestato Antonino Pulvirenti nell'ambito dell'inchiesta per bancarotta fraudolenta della compagnia aerea Wind Jet, di cui ricopriva la carica di presidente. In manette anche l'amministratore delegato della società Stefano Rantuccio. Stando alle indagini delle Fiamme Gialle, nel contesto della operazione Icaro, ci sarebbero state gravi irregolarità nella gestione della società che avrebbe portato al fallimento della società.

Fondo monetario internazionale. Christine Lagarde si candida per un secondo mandato alla guida del Fondo monetario internazionale. Lo ha fatto forte del sostegno e degli attestati di stima che nelle ultime ore le sono arrivati dalle capitali che contano: Londra, Berlino, Washington, Pechino. E naturalmente Parigi. In particolare, la decisione di inserire lo yuan nel paniere delle monete internazionali più importanti è stata sicuramente la mossa con cui l'ex ministro delle finanze francese si è assicurata i favori anche di Pechino. Nel frattempo, l'Italia continua a fare pressioni per ottenere un seggio unico dell'Unione europea in seno al Fondo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il