BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità primi passaggi ufficiali riforma pensioni quota 100, mini pensioni: novità oggi lunedì

E’ ufficialmente iniziato l’iter che dovrebbe portare all’approvazione di novità pensioni, da assegno universale a quota 100, mini pensioni, o quota 41: cosa sta cambiando




NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 13:30 oggi lunedì 1 Febbraio 2016):  La conferma che questi appena descritti sono i primi passaggi per le novità sulle pensioni arriva direttamente dal responsbaile del dicastero del Lavoro in serie di affermazioni riportate nelle ultime notizie e ultimissime di oggi che indicano questi come dei primi cambiamenti per una riforma pensioni che rimane tra gli obiettivi ma senza indicazioni precise di quando e come avverrà.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 8,36 oggi lunedì 1 Febbraio 2016): Nello stesso tempo si va avanti concretamente sui vitalizi che sarebbero anch'essa una base per le novità sulle pensioni, un segnale per far comprendere che si vuole lavorare per corregere privilegi ed errori. E la norma nonostante tutti gli ostacoli viene portata avanti, come riferiscono le ultime notizie e ultimissime, in maniera convinta dal responsabile del Gruppo che si occupa degli affari Costituzionali a Montecitorio e che vuole al più presto metterla in Aula a calendario testimonianza che si fa sul serio 

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 18:01 oggi domenica 31 Gennaio 2016): L'appoggio per il metodo indicato come novità per le pensioni iniziale non solo è sttao intraprese per vie interne, ma anche a livello internazionale come abbiamo riportato nelle ultime notizie ultimissime quando dapprima il Presidente della Camera e poi il Ministro dell'Economia hanno parlato in sede comunitaria di un assegno universale comune per tutte le nazioni con fondi transnazionali. E i nostri tecnici dele finanze hanno depositato anche una norma ripresentata ancora pochi giorni nella capitale europea.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 9:03 oggi domenica 31 Gennaio 2016): D'altra parte si capisce che queesto è il primo obiettivo dell'esecutivo per le novità per le pensioni perchè tutti coloro che fanno parte del progetto compreso l'Istituto di Previdenza, il Ministero dell'Occupazione e della Finanza lo considerano tutti come il primo passo e lo appoggiano tralasciando ogni dubbio rispetto alle ultime notizie e ultimissime riguardanti quota 100, mini pensioni che talvolta sono contrastate. E lo stesso Responsabile della Finanze, ma i suoi tecnici, lo appoggiano quando sono ancora, almeno alcuni, scettici su altri cambiamenti più diretti.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 19:17 oggi sabato 30 Gennaio 2016): Si può dire, anche se qualcuno affermerà che la si sta prendendo un pò alla larga, che è iniziato l'iter ufficiale per le novità sulle pensioni con l'approvazione della legge delega sul fondo per gli indigenti. E', infatti, questo, il primo passo come hanno sempre confermato nelle ultime notizie e ultimissime politici e diversi tecnici, il primo cambiamento realmente fattibile che nel giro di alcuni anni vuole portare all'assegno universale. Si potrebbe discutere che non è questa la soluzione per andare via prima, che quota 100 o mini pensioni sarebbe il metodo più facile, che diversi strumenti attuali sono da correggere e si potrebbe fare velocemente, ma questo è il primo punto che nella strategia politica attuale che si sta andando a sviluppare viene previsto. E non è nemmeno privo, come sempre, di numerosi dubbi

E’ ufficialmente iniziato l’iter che dovrebbe portare all’approvazione di novità pensioni, da assegno universale a quota 100, mini pensioni, o quota 41. E ad aprire questo iter le ultime notizie derivanti dal Consiglio dei ministri che si è tenuto in settimana e che ha dato il via libera all’introduzione del nuovo fondo povertà, da molti considerato da sempre il primo passo verso l’approvazione dell'assegno universale così come proposto. Considerando che l’obiettivo dell’esecutivo sembra essere quello di garantire innanzitutto maggiore assistenza e più tutele e quindi di procedere con cambiamenti diretti alle pensioni, l’approvazione del fondo povertà sembra andare proprio in questo senso. Ma non si tratta di una novità: anzi.

Si tratta di un piano che tale era anche in origine e che, anzi, avrebbe dovuto comportare, insieme al potenziamento degli aiuti sociali, anche cambiamenti negativi su baby pensioni, pensioni di reversibilità, invalidità, guerra, da cui ricavare le risorse economiche necessarie per procedere poi con ulteriori cambiamenti positivi sempre per le pensioni. Queste misure potrebbero ora rientrare in quel piano di riordino delle detrazioni e agevolazioni fiscali direttamente gestito dal Ministero dell’Economia. Questa mossa potrebbe però avere un duplice effetto: essere positiva, perché considerata secondo passo, dopo il fondo povertà, verso il recupero di fondi per cambiamenti pensionistici concreti; o essere negativa, perché procedere con tagli alle soglie delle prossime elezioni non sarebbe certo una mossa vincente per il governo che, al contrario, dovrebbe lavorare in modo da recuperare i consensi che continuano a calare.

Ulteriore passo verso la possibile approvazione di novità pensioni è stato compiuto con il rimpasto dell’esecutivo e la nomina a sottosegretario della presidenza del Consiglio di Nannicini, personalità particolarmente vicina al presidente dell’Istituto di Previdenza, di cui supporta e condivide ogni misura del suo piano pensioni, e la promozione da sottosegretario a vice ministro dell’Economia di Zanetti, da sempre favorevole a modifiche pensionistiche, dalla parte del ricalcolo contributivo, della quota 41 e di piani per garantire l’uscita prima a tutti. Inoltre, la maggioranza, rinsaldata, con l’ingresso di nuove forze, da Verdini e la sua squadra, sostiene il piano di cambiamenti alle pensioni e difficilmente creerà problemi alla loro attuazione.

In questo quadro, si inserisce poi anche il progetto di riorganizzazione di lavoro, competenze e modalità di rapporto con i cittadini dello stesso Istituto di Previdenza, revisione che lo porterà a diventare decisamente più efficiente. Bisognerà quindi tornare a discutere con Bruxelles dell’esigenza di maggiore bilancio, che potrebbe essere sfruttato per le pensioni, a partire dalle pensioni, rilanciato dalla presidente della Camera ma anche dal ministro dell’Economia, a livello europeo, come anche sussidio comune contro la disoccupazione.  Ulteriori novità pensioni potrebbero poi rientrare in singoli provvedimenti già in discussione, dal Milleproroghe, alla revisione di agevolazioni e detrazioni fiscali.  

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il