Corruzione, evasione ed emergenza rifiuti: i principali che non fanno crescere l'Italia

L’Italia va male? Tutta colpa di tre grandi vizi: corruzione, evasione ed emergenza rifiuti



L’Italia va male? Tutta colpa di tre grandi vizi: corruzione, evasione ed emergenza rifiuti.
E' questo il quadro presentato dalla Corte dei Conti, ente che controlla l’amministrazione dello Stato, che denuncia apertamente che i conti italiani vanno male e che il bilancio economico del 2006 è stato poco positivo.
Le cause dei mali italiani sarebbero, dunque, la corruzione e l’illegalità ovvero l’evasione fiscale che pesano gravemente sul bilancio dello Stato. A queste due si aggiunge poi lo scandalo dell’emergenza rifiuti che non fa altro che fare cadere l’Italia in una sorta di paese “sporco e corrotto”. Come dice a riguardo il procuratore generale della corte Claudio De Rose “Ci sono raccordi tra imprenditoria privata e burocrazia corrotta per lo smaltimento selvaggio dei rifiuti, senza preoccuparsi delle conseguenze deleterie per l’ambiente. La spesa totale è di 1,8 miliardi, impianti in buona parte non realizzati, disfunzioni e sprechi, infiltrazioni malavitose”.

Ma il vero guaio è l’evasione fiscale, il male peggiore che sembra essere anche imbattibile: tutti, dal commerciante all’artigiano o libero professionista, evadono le tasse e questa situazione non fa altro che peggiorare la situazione già critica in quanto a rimetterci sono proprio gli onesti che oltre a pagare le loro tasse devono anche pagare per gli altri (V.articolo). La denuncia agli amministratori della cosa pubblica è grave: “in Italia permane alto il tasso di illegalità che si concreta in sperperi, sprechi ed illecite appropriazioni ai danni dell’Erario”.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il