BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Canone Rai 2016: chi paga e come non pagare quando i canali non si vedono e vi sono problemi digitale terrestre

C'è anche il canone Rai 2016 in bolletta a far continuare a discutere. Gli arretrati possono essere richiesti fino a 10 anni.




Il pagamento della prima rata del canone Rai 2016 in bolletta è previsto per il mese di luglio e ammonterà a 70 euro. Da lì alla fine dell'anno dovranno essere versati altri 30 euro. Condizione di base per essere soggetti all'imposta è il possesso di un televisore. Al di là della sua accensione, della visione dei canali Rai e della qualità delle immagini, il canone va comunque corrisposto. Non avrà quindi alcun valore i problemi con la ricezione, peraltro non nuovi sin dai tempi del passaggio al digitale terrestre. Per non pagare occorre semplicemente non possedere un televisore. Ma la sua presenza in casa viene data per certa nel caso di intestazione dell'utenza domestica della luce.

Occorre allora presentare un'autocertificazione all'Agenzia delle entrare e mettere nero su bianco la non detenzione di un televisore per non pagare il canone Rai 2016. Bisogna ricordare che in caso di dichiarazioni mendaci le conseguenze sono di tipo penale così come non è più possibile dichiarare il suggellamento del proprio televisore. Capitolo arretrati: il passaggio dai bollettini postali alla bolletta elettrica non comporta una sanatoria per chi non ha pagato il canone Rai negli anni scorsi. Gli importi non corrisposti, che fino allo scorso anno ammontavano a 113,50 euro all'anno (sanzioni escluse), potranno essere richiesti fino a 10 anni, dopodiché andranno in prescrizione.

A livello personale è possibile chiedere chiarimenti contattando il numero 06-87408197 per chi chiama dall'Italia e il numero 199-123000 per chi chiama dall'estero. Il servizio è attivo 24 ore al giorno con risponditore automatico. Il servizio con operatore è attivo dal lunedì al sabato dalle 9 alle 21. Il costo massimo della chiamata è di 14,49 centesimi di euro al minuto dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 18.30 e il sabato dalle 8 alle ore 13. Nelle restanti fasce orarie il costo del servizio è di 5,67 centesimi di euro al minuto. Per le chiamate da cellulare, il costo è di 48,8 centesimi di euro al minuto con uno scatto alla risposta inferiore a 15,75 centesimi di euro sulla base del proprio operatore.

Infine, per quanto riguarda le categorie esonerate dal pagamento del canone Rai 2016 in bolletta, ci sono gli over 75 con basso reddito familiare, i militari delle Forze Armate Italiane, limitatamente a ospedali militari, case del soldato e sale convegno dei militari; quelli di cittadinanza straniera appartenenti alle Forze Nato; gli agenti diplomatici e consolari stranieri accreditati in Italia a condizione che nel Paese siano applicate misure corrispondenti per quelli italiani; le imprese che esercitano l'attività di riparazione o commercializzazione di apparecchiature di ricezione radio televisiva.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il