BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità Gruppo Pensioni, Di Martedì, Ballarò su pensioni flessibili, quota 100, ricalcolo assegno, assegno universale

Anticipazioni puntate di Ballarò e Di Martedì questa sera 2 febbraio: quali novità pensioni ancora in discussione? Ultime proposte di cambiamenti




NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 16:47 oggi martedì 2 Febbraio 2016): Ci si si attendono ulteriori novità per le pensioni sia oggi o, per meglio dire stasera, dai due talk televisivi che finora ci hanno dato spesso e volontieri indicazioni interessanti anche da esponenti autorevoli e dalla riunione di domani del Gruppo Pensioni che tratterà come indicano le ultime notizie e ultimissime un argomento che per all'interno delle relative riunioni non è mai stato trattato seppur è stato centrale e ha creato numerosi dibatattiti tra i pro e contro anche nelle stesse trasmissioni tv.

Si tornerà certamente a parlare di novità pensioni nelle puntate di questa sera di Ballarò, in onda su Rai Tre, e di Di Martedì su La7. Al centro dei dibattiti televisioni certamente le ultime notizie, anche in riferimento alla questione delle unioni civili, che se approvate potrebbero aprire la strada a modifiche necessarie, a partire dalle revisioni delle pensioni di reversibilità ma non solo. In ballo anche la questione delle risorse economiche da investire eventualmente per le pensioni o, come fatto finora, in altri provvedimenti che l'esecutivo continua a considerare prioritari rispetto alle pensioni.

Tra i sistemi di cambiamento pensionistico privilegiati ci sono al momento assegno universale e quota 41, che potrebbe diventare quota 42, su cui si rilancia particolarmente per attuare i primi concreti cambiamenti alle pensioni. Del resto, come sostenuto nei giorni da autorevoli esponenti dell’esecutivo così come dallo stesso ministro dell’Economia, l’assegno universale sembra primario, accompagnato poi da quella quota 41, come secondo cambiamento, che contribuirebbe a risanare delle disparità che sono venute a crearsi negli ultimi anni tra le diverse categorie di lavoratori a causa delle nuove norme.

Potrebbe rivelarsi particolarmente interessante la puntata di Ballarò di questa sera che tra gli ospiti in studio vedrà il ministro del Lavoro, ma anche il neo viceministro dell'Economia e il segretario della Fiom Landini. E in discussione, rilanciato proprio dal ministro del Lavoro, la proposta del sostegno al reddito pari a circa 320 euro al mese, e ovviamente non mancherà il consueto dibattito sul tema delle pensioni, considerando anche l’attenzione puntata sul nuovo viceministro dell’Economia, decisamente dalla parte di novità pensionistiche da realizzare.

Tra gli ospiti di questa sera ??diMartedì? l’europarlamentare Sergio Cofferati e il Presidente del Censis Giuseppe De Rita. I temi protagonisti della discussione televisiva di questa sera saranno unioni civili, questione bancarie e anche in questo caso immancabile sarà la questione pensionistica. Del resto, solo qualche giorno fa è stata lanciata una nuova legge di iniziativa popolare proprio dalle forze sociali che, insieme a sistemi di uscita prima per tutti da quota 100 a mini pensioni, rilancia ancora una volta sulla quota 41.

Nell'attesa di capire i risultati dell'ennesimo dibattito pensionistico e i cambiamenti reali cui si potrebbe arrivare, a sorpresa, dal Gruppo delle pensioni di Montecitorio, insieme alle misure su cui da tempo punta, tra cui il sistema di uscita con quota 41, potrebbe inserire nell'ordine del giorno, un'altra misura, vale a dire la necessità di rivedere le pensioni più alte cosiddette d'oro, stabilendo un tetto sui 5mila euro. Non si tratta certamente di una nuova proposta di lavoro, considerando da già da tempo sono depositate proposte di tal genere, finora chiaramente ignorate. Ma il principio per cui si torna a rilanciare questa modifca è quellaì, come dichiarato anche dall'Istituto di Previdenza, di perseguire una equità sociale tra tutti in modo da non avere qugli incredibili gap di trattamenti oggi in vigore.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il