BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Cerca







Pensioni novità più interessanti di quanto espresso in Aula e nei salotti televisivi, riforma: novità giovedì oggi

Dopo la Nigeria, oggi è il turno del Ghana e domani del Senegal: continua il tour in Africa del premier italiano.




NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore giovedì Gennaio 2016): L'attesa, infatti, era di quella che si sarebbe parlato di una nuova norma per le novità per le pensioni per gli assegni più alti e sarebbe stata, come avevamo detto, la prima volta che si faceva in una sede istituzionale (ad eccezione delle interrogazioni). In realtà, invece, vi sono state due semplici audizioni consultive come confermano le ultime notizie e ultimissime provenienti dai reseconti ufficiali. E nulla di più.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore giovedì Gennaio 2016): Nulla di fatto ancora una volta per quanto riguarda le riunioni che stanno avvenendo a Montecitorio dove si affrontano le novità per le pensioni nel Gruppo creato appositamente ma senza avere risposte e iniziative importanti. Anche questo incontro si è concluso come riferiscono le ultime notizie e ultimissime, con un nulla di fatto con una serie di pareri esposti da diversi rappresentanti e non si è trattato l'argomento che era stato preannunciato che appariva molto più importante.

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore  mercoledì Gennaio 2016): Ieri sera come sempre sono andate in onda i soliti talk show, a cominciare da Ballarò dove sono spuntate alcune indicazioni più o meno interessanti sulle novità per le pensioni. A Ballarò, si è parlato delle ultime notizie e ultissime centrali in questi giorni ovvero dell'assegno universale e il nuovo Vice del Tesoro ospite in trasmissione è stato subissato dalle critiche perchè in fondo è ancora poco cosa, pochissima cosa. Si è parlato che ci vorrebbe 7 miliardi per garantirne uno decente davvero a tutti e la risposta è stata che è solo l'inizio e che ogni anno arriverò 1 miliardo di euro per arivare nel tempo, anche cercando di velocizzare gli obiettivi. Per quanto riguarda di Martedì si è intervenuti su altri temi caldi come i vitalizi che sarebbero una mossa importante per dare un avvio alla richiesta di equità secondo il giornalista Giordano. Critico sulle attuali norme anche Micheal Martone che in realtà le ha fatte nel periodo di crisi italiana, ma che ora dice che bisogna cambiare.

Ed è d'accordo di cambiare eliminando sia i piccoli che grandi privilegi partendo anche dalle cose piccole come le ricongiuzioni un errore da tutti gli ospiti riconosciuto. E anche il blocco della rivalutazioni delle pensioni è sottolineato possibile dal Presidente del Gruppo dell'Occupazione a Montecitorio ricordando che nel 2007 era stata fattio perfino per le pensioni più alte di 8mila euro lordi e che servirebbero minsure analoghe per rilanciare velocemente quota 100, mini pensioni

NOVITA' PENSIONI ULTIME NOTIZIE (AGGIORNAMENTO ore 18:48 oggi martedì 2 Gennaio 2016): Continuano senza sosta su più livelli e da più sedi le novità sulle pensioni che sono davvero un argomento molto sentito e dalle mille sfaccettature. Come abbiamo riportato sotto nelle ultime notizie e ultimissime, tanti sono gli argomenti caldi che vogliono, esigono una risposta dai più piccoli ai più grandi. E si attende qualche indcazione interessante dai talk stasera, ma anche dalle riunioni dei prossimi giorni previste in sede istituzionale.

Dal Gruppo pensioni Montecitorio arrivano novità sul fronte previdenziale mentre le ultime notizie aggiornate a oggi martedì 2 febbraio 2016 raccontano delle solite difficoltà economiche.

Pensioni. Ci sono sempre le pensioni al centro del dibattito politico, anche in riferimento alle novità che potrebbero arrivare dalle nuove norme sulle unioni civili. In ballo c'è infatti l'estensione degli assegni di reversibilità anche per le coppie di fatto con successivo e inevitabile impegno economico supplementare per le casse dello Stato. E in un contesto in cui c'è molta difficoltà a introdurre cambiamenti per via delle ristrettezze finanziarie, ecco che la questione balza naturalmente al centro delle cronache e dei lavori. Lo sa bene anche il Gruppo pensioni Montecitorio, da tempo alla ricerca di soluzioni alternativa per migliorare il sistema previdenziale italiano.

A dire il vero, i risultati raggiunti sono stati finora piuttosto scarsi anche per via delle resistenze dello stesso esecutivo a investire nuove risorse se non quelle in autofinanziamento. L'attenzione è per ora concentrata anche sull'applicazione di misure in favore dei lavoratori precoci, per i quali si ragiona sulla possibilità di applicare quota 41 o quota 42 come anni di contributi versati per accedere al trattamento previdenziale, senza tenere conto dell'età anagrafica. All'attenzione c'è anche la questione della fissazione di un tetto agli assegni più alti. La strettissima attualità riferisce invece del confronto sull'assegno universale, il cui fronte dei favorevoli è sempre più ampio.

Bitcoin. La blockchain, letteralmente catena dei blocchi, è un registro pubblico e condiviso che contiene tutte le transazioni che sono state elaborate, ordinate in ordine cronologico e consente quindi a ciascun utente di verificare la validità di ogni operazione e impedisce che gli stessi bitcoin vengano utilizzati due volte. Il sistema, protetto dalla crittografia, funziona in modo che eventuali interventi esterni non possano alterare il registro delle transazioni. La novità è ora rappresentata dalla possibilità per i bitcoin di tracciare perfino i diamanti.

Visita in Ghana. Prosegue il tour del presidente del Consiglio nei Paesi africani. Ieri è stato il turno della Nigeria, oggi quello del Ghana e domani del Senegal. Si tratta di un percorso iniziato nel 2014 quando il premier era stato presente in Congo Brazzaville, Angola e Mozambico. Nel 2015 aveva invece fatto visista in Etiopia e Kenya. Il tutto mentre è in corso lo scontro con l'Unione europea sul tema dell'immigrazione e dei contributi nazionali.

Brexit. Con questo termine si indica la possibile uscita della Gran Bretagna dall'Unione europea, obiettivo di una parte minoritaria ma consistente dell'opinione pubblica d'Oltremanica. Il premier David Cameron sta rinegoziando con Bruxelles le condizioni affinché Londra resti nell'Unione. La questione più delicata riguarda la sospensione dei contributi di welfare per gli immigrati provenienti da altri Paesi Ue per i primi quattro anni. La Gran Bretagna è entrata nella comunità europea nel 1973. Per il Migration Observatory della Oxford University gli immigrati Ue nel Paese sono 3 milioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il