BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Concorso scuola 2016 modifiche potenziali per calendario, prove, punteggi, requisiti iscrizioni. Sempre più confusione

Tutto quello che c’è da sapere su prove, titoli, punteggi del nuovo concorso della scuola 2016: calendario prove scritte e orali




AGGIORNAMENTO: Tanti sono i problemi che riguardano diversi aspetti del nuovo concorso scuola che addirittura potrebbe mettere a rischio le assunzioni precedenti. Ma anche sui termini di requisiti di iscrizioni, modalità e punteggi di prove tutte le parti in causa, in pratica, richiedono cambiamenti. 

AGGIORNAMENTO: Sono tante le ragioni che stanno rimandando l'appuntamento con la pubblicazione dei bandi per il nuovo concorso scuola. L'indice è puntato anche sulla partecipazione degli Itp, sui diplomi magistrali abilitanti, sulle classi di concorso di nuova istituzione, sul calendario delle prove. Se il Miur accoglierà le osservazioni e correggerà il testo, allora i tempi per il bando si allungheranno ulteriormente.

Ancora slittata, probabilmente alla prossima settima, la pubblicazione del bando ufficiale per il concorso della scuola 2016 che era invece atteso ieri primo febbraio. Di certo, al momento, si sa che, nonostante richieste di modifiche e polemiche, potranno accedervi solo i docenti abilitati,  compresi i vecchi diplomati di scuola e istituto magistrale, il cui titolo era abilitante, le novità principali riguardano lo svolgimento delle prove. Secondo il calendario stabilito dopo la pubblicazione del bando, a fine marzo è fissata la prova scritta e a giugno quella orale. Complessivamente, il nuovo Concorsone assegnerà 63mila posti, fino al 2019: in particolare 63.712 posti, di cui 5.766 di sostegno, 5.118 di potenziamento e 52.828 posti comuni.

Tornando alle prove, cancellata la prova preselettiva, la prova scritta sarà infatti computer-based e consisterà in otto domande a risposta aperta, di cui due in lingua straniera, in base alle scelte effettuate dal candidato al momento della presentazione della propria candidatura, e si potrà scegliere tra inglese, francese, tedesco e spagnolo. La prova scritta assegnerà un punteggio pari a 40 punti e avrà una durata di due ore e mezza.

La prova orale prevede la simulazione di una lezione e un colloquio con la commissione per l'accertamento delle competenze disciplinari, didattiche e pedagogiche. La prova orale durerà 45 minuti, suddivisi in 35 per la lezione simulata e 10 per il colloquio finale riguardante gli argomenti della prova scritta, compresa la lingua straniera compresa. Per quanto riguarda la valutazione dei titoli, il Miur ha reso noto che il titolo di dottore di ricerca vale 5 punti aggiuntivi; 3 punti per le pubblicazioni di particolare rilevanza per la classe afferente al concorso; 2 punti se si hanno ulteriori lauree rispetto a quella per l'accesso all'abilitazione e per i candidati inseriti nella graduatoria di merito di un precedente concorso per la specifica classe di concorso; e 0,5 punti per master, diplomi di perfezionamento post lauream, l'abilitazione all'esercizio di una libera professione attinente all'insegnamento scelto dal candidato, e per il servizio prestato sullo specifico posto o classe di concorso scelta.

Valgono addirittura fino a 10 punti le abilitazioni all'insegnamento, come il Tfa. Concluse le prove e punteggi e titoli, sarà stilata una graduatoria con un numero di idonei pari al numero dei posti incrementato del 10%, che saranno assunti nel triennio 2016-2018. I presidenti e i componenti delle commissioni giudicatrici, compresi i membri aggregati e i supplenti, vengono scelti, secondo quanto precisato dal Miur, dal Dirigente preposto all’USR competente per territorio tra gli iscritti nell’elenco composto da coloro che, in possesso dei requisiti prescritti dal Decreto, hanno presentato domanda per far parte delle suddette commissioni. I vincitori del concorso sceglieranno l'ambito territoriale e non più la scuola di destinazione e toccherà poi al preside scegliere i docenti per la propria scuola.

Previsto, poi, come decreto dal Consiglio dei Ministri qualche settimana fa, l'accorpamento di 11 nuove classi di concorso: A-23 Lingua italiana per discenti di lingua straniera (alloglotti); A-35 Scienze e tecnologie della calzatura e della moda; A-36 Scienze e tecnologia della logistica; A-53 Storia della musica; A-55 Strumento musicale negli istituti di istruzione secondaria di II grado; A-57 Tecnica della danza classica; A-58 Tecnica della danza contemporanea; A-59 Tecniche di accompagnamento alla danza; A-63 Tecnologie musicali; A-64 ’Teoria, analisi e composizione; A-65 Teoria e tecnica della comunicazione.  

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il